TERZA PAGINA


Vai ai contenuti

LE NOTIZIE DI LUGLIO 2024

TEMPESTA SOLARE IN ARRIVO,
RISCHIO BLACKOUT GLOBALI

LA MATERIA CORONALE POTRA' CREARE
SPETTACOLARI AURORE BOREALI


di Leo Cortes
(23-7-2024) L'intensità è notevole e in alcune latitudini potrebbe arrivare a mostrare i suoi effetti. Si sta parlando della tempesta geomagnetica solare che ha indotto la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ad emettere un avviso per il 24 luglio. Il pennacchio di plasma e campo magnetico, si parla di espulsione di massa coronale (CME), è stato rilasciato dal Sole il 21 luglio e si sta dirigendo verso la Terra e gli esperti dicono che dovrebbe arrivare proprio il 24 luglio. C'è il rischio blackout a livello internazionale e la Nasa ha ipotizzato che questa intensità di eruzione di plasma scuro ha una probabilità del 60% di intervenire sulla "fluttuazioni della rete elettrica". Questo bagliore potrebbe quindi avere effetti di disturbo per le radio, per le comunicazioni aeree e quelle satellitari che potrebbe aumentare in alcuni momenti della giornata. Gli esperti dicono che ci potrebbe essere un picco previsto per venerdi 26 luglio. E' stato descritto dal Daily Mail come un brillamento solare "freddo", un fenomeno che ha una temperatura di circa 36mila gradi Fahrenheit, inferiore ai 144mila gradi tipici dei brillamenti "caldi". Le tempeste solari potrebbero essere ancora più violente nel prossimo anno con un picco nel luglio 2025. Grande preoccupazione ma anche gigantesche aurore nel cielo (
foto dal web/Social) per la gioia di tutti, ed è uno spettacolo a dir poco mozzafiato.


NETANYAHU SI RECA NEGLI STATI UNITI:
INCONTRERA' BIDEN E PARLERA'
AL CONGRESSO E CHIEDERA'
SOSTEGNO PER LA GUERRA

di Maria Laura Tucci
(22-7-2024) Forse sarebbe stato opportuno far slittare l'incontro alla Casa Bianca e al Congresso americano, ma Benjamin Netanyahu (foto dal web/Social), primo ministro israeliano, è volato ugualmente a Washington per chiedere il sostegno degli Stati Uniti nella guerra che gli israeliani stanno combattendo da quasi 10 mesi contro Hamas. Il momento non è proprio idoneo per la politica americana dopo le dimissioni di Joe Biden, che continuerà il suo mandato fino all'elezione del nuovo presidente, e dopo una situazione turbolenta nella campagna elettorale. L'incontro di Netanyahu con Biden e col Congresso era in agenda da tempo e il primo ministro israeliano vuole approfondire tematiche della guerra che ha già causato molte critiche per il modo in cui i vertici militari dirigono il conflitto che è sotto i riflettori per un disastro umanitario a Gaza e per i quasi 40mila morti. Prima di partire Netanyahu si è rivolto ai giornalisti dicendo che Israele continuerà ad essere un alleato di Washington "non importa chi sarà eletto presidente". Con Biden il primo ministro affronterà gli obiettivi della guerra con i progressi degli ultimi mesi ma soprattutto svilupperà l'argomento del rilascio di tutti gli ostaggi ma anche sconfiggere Hamas e garantire ai cittadini israeliani una pace duratura. Netanyahu mercoledi si rivolgerà al Congresso degli Stati Uniti per cercare sostegno alla linea dura da lui imposta nella gestione della guerra dopo le diverse critiche avanzate più volte da Biden che puntava a raggiungere una tregua con Hamas. Sul fronte militare, intanto, crescono nell'esercito israeliano i dubbi sulla possibilità di riuscire a porre fine alla guerra con Hamas.


RAID ISRAELIANO IN YEMEN DOPO GLI
ATTACCHI CON DRONI A TEL AVIV

HOUTHI RISPONDERANNO:
"ATTACCHEREMO OBIETTIVI CIVILI"

di Giovanni Picchi
(20-7-2024) Ci sono stati morti e feriti negli attacchi israeliani al porto yemenita di Hodeidah, controllato dagli Houthi, il giorno dopo che droni Houthi avevano ucciso un civile a Tel Aviv. Il Ministero della Sanità degli Houthi non ha fornito un bilancio anche se la televisione Houthi Al Masirah ha riferito che molte persone hanno riportato "gravi ustioni" mentre diverse testate dicono che gli attacchi, che hanno causato un gigantesco incendio nel porto, hanno provocato 80 feriti in condizioni gravi. Le immagini diffuse dalle agenzie hanno mostrato un grande incendio sul lungomare (
foto dal web/Social). Da gennaio Hodeidah è stata più volte colpita da attacchi di Stati Uniti e Gran Bretagna in risposta agli attacchi dei ribelli Houthi contro le navi commerciali nel Mar Rosso che sono stati, da novembre scorso, almeno 88 navi commerciali di compagnie che sono legate a Israele. Il portavoce militare degli Houthi ha affermato che l'attacco in Yemen di impianti elettrici e petroliferi avranno conseguenze dichiarando che "l'area di Tel Aviv non sarà sicura". Intanto, al 288° giorno di guerra tra Israele e Hamas, migliaia di persone sono scese nuovamente in piazza a Tel Aviv per sollecitare il governo a fare tutto il possibile per il rilascio degli ostaggi ancora in mano ad Hamas.


ECCO NUOVAMENTE IL COVID: IN
ITALIA PIU' 66% NELL'ULTIMA
SETTIMANA CON 40 MORTI

di Francesco Corrias
(20-7-2024) Il Covid? Non è finito anche se non se ne parla o si evita di parlarne per non far emergere i brutti ricordi della pandemia. Eppure in Italia i casi sono in aumento: nell'ultima settimana si è avuto un +66%, oltre 9mila le segnalazioni. A confermarlo è il monitoraggio settimanale di Iss e Ministero della Salute che ha lanciato l'allarme soprattutto per i fragili e gli anziani. Nel dettaglio nella settimana che va dall'11 al 17 luglio ci sono stati 8.942 nuovi casi positivi al Covid (
foto dal web/Social). I morti sono stati 40, con un +21,2% rispetto alla settimana precedente quando le vittime sono state 33. Sono stati effettuati 79.967 tamponi con una variazione di +4,5% rispetto alla settimana precedente (76.532). In aumento anche il tasso di positività che si attesta all'11,2% con una variazione di +4,0% rispetto alla settimana precedente che era del 7,2%. I dati non consentono particolare preoccupazione ma sicuramente c'è molta attenzione per gli anziani, dove si sono verificati i tassi più alti. I numeri assoluti, dicono gli esperti, sono decisamente bassi che non c'è alcuna pressione sugli ospedali. I medici comunque raccomandano, in caso di positività al Covid, di evitare luoghi chiusi e affollati e quando si presenta una specifica sintomatologia restare qualche giorno a casa. L'incidenza più elevata è stata riscontrata nel Lazio (29 casi per 100mila abitanti) e la più bassa nelle Marche. Preoccupano le fasce di età tra gli 80 e sopra i 90 anni, mentre la fascia di 61 anni è in leggera diminuzione rispetto alla settimana precedente. Infine le reinfezioni è del 49% circa in lieve aumento rispetto alla settimana precedente.



ANCORA MOLTO CALDO CON
TEMPERATURE CHE SCHIZZANO OLTRE

40 GRADI, MA DOMENICA TORNANO
I TEMPORALI AL NORD


di Marco Giovine
(19-7-2024) Il caldo non da tregua, soprattutto nelle regioni del Centro Sud. E' sempre Caronte il protagonista che fa schizzare le temperature oltre i 37 gradi un pò meno nelle regioni settentrionali. Da domenica l'anticiclone inizierà a perdere forza al Nord grazie ad un afflusso di aria fresca proveniente dal Regno Unito, dove è attivo un ciclone, e che invaderà l'arco alpino portando forti temporali che raggiungerà le pianure del Nordest e della Lombardia orientale. I temporali saranno forti e frequenti nel settentrione e avrà un qualche effetto anche nel resto d'Italia, dove continuerà il grande caldo mitigato dal maestrale che abbasserà il tasso di umidità e renderà il clima meno affoso. Il caldo, insomma, sarà decisamente più sopprotabile già dall'inizio della prossima settimana. Un'Italia, ancora una volta, spaccata in due: temporali al nord mentre nel resto del Paese ancora caldo anche col maestrale.



BIDEN HA IL COVID, E' IL SEGNO
DEL "SIGNORE ONNIPOTENTE"?

IL PRESIDENTE SOTTO ASSEDIO, I MEDIA
USA: LASCERA' NEL FINE SETTIMANA

di Davide Porcù
(18-7-2024) Martedi il presidente degli Stati Uniti Joe Biden (
foto dal web/Social) ha riferito che sarebbe disposto a riconsiderare la sua candidatura per la rielezione. Qualche settimana fa aveva detto che solo la mano di Dio poteva farlo indietreggiare dal secondo mandato. Mercoledi il presidente è risultato positivo al covid, che sia questo il messaggio divino? Potrebbe essere questo il messaggio per gettare la spugna? Secondo i media americani Biden si è mostrato inspiegabilmente disponibile a farsi da parte e a chiedersi se la sua vicepresidente Kamala Harris avrebbe qualche possibilità di sconfiggere il candidato repubblicano Donald Trump. Si fa forte la pressione su Biden di passare il testimone e in questo senso sono stati molto espliciti Nancy Peloni, Chuch Schumer e Hakeem Jeffries mentre il Washington Post ha già sentenziato, sondaggi alla mano, che le probabilità di vittoria di Biden sono state drasticamente ridotte. Il presidente Usa è in svantaggio nei sondaggi da mesi e la situazione è peggiorata dopo il duello tv del 27 giugno ad Atlanta con Trump. Da allora sono aumentate le pressioni affinché vada in pensione. In tutti gli Stati chiave Biden è indietro, in Ohio è crollato a quasi nove punti sotto Trump. Biden potrebbe comunicare l'addio della sua rielezione a fine settimana, ma alcuni analisti sono convinti che Biden intende assicurarsi la candidatura prima del congresso del partito che si svolgerà a fine agosto a Chicago.


VON DER LEYEN RIELETTA PRESIDENTE
DELLA COMMISSIONE UE

DETERMINANTI I VOTI DEI VERDI, FDI
DI GIORGIA MELONI VOTA CONTRO


di Peter Moore
(18-7-2024) Al via al secondo mandato di Ursula von der Leyen (
foto dal web/Social) alla guida della Commissione europea. La sua rielezione non era scontata, perché c'era il voto segreto e i numeri erano fragili fino alla fine. E' stata brava lei a incanalare i popolari, socialdemocratici, liberali ma soprattutto i verdi acquisendo una maggioranza molto più ampia rispetto al 2019. A conti fatti ha raggiunto 401 voti favorevoli, andando ben al di sopra dei 360 di cui aveva bisogno. A contribuire alla vittoria è stata la disinvoltura e la forza della Von der Leyen con un discorso durato il doppio del tempo previsto in cui ha voluto convincere gli indecisi prima del voto segreto. Il partito dei Verdi ha garantito il sostegno della maggioranza perché è riuscita a interpretare la loro politica del cambiamento climatico, fiore all'occhiello nel loro primo mandato parlamentare. Hanno votato contro i Conservatori e Riformisti tra cui Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni che non sono stati rappresentati nei punti cardini della loro politica. I 53 eurodeputati ambientalisti sono stati la grande risorsa della Von der Leyen ( nel 2019 il gruppo si era astenuto) la quale adesso vuole difendere, col suo Green Deal europeo, le questioni ambientali che continuerà a farlo durante questi cinque anni. Per il suo secondo mandato, la Von der Leyen punterà molto sulla sicurezza e nella difesa argomenti molto cari al Partito popolare europeo e ha avuto parole dure sulla migrazione per non scontentare l'estrema destra. E poi un elenco di promesse da portare avanti nell'arco dei cinque anni: un posto di Commissario per il Mediterraneo, un altro per la Difesa, scudo aereo europeo. Von der Leyen, 65 anni, è diventata la presidente di tutte le crisi ad iniziare dalla pandemia di covid -19, poi la guerra della Russia contro l'Ucraina, a seguire la guerra di Israele a Gaza in risposta agli attentati di Hamas del 7 ottobre. Una guida sicura per i prossimi anni? Sicuramente si è scelto, con la sua rielezione, la stabilità ma molte cose potrebbero cambiare con l'arrivo del nuovo presidente degli Stati Uniti.



ADESSO IL PARTITO DEMOCRATICO USA
HA FRETTA DI NOMINARE IN ANTICIPO

BIDEN COME CANDIDATO NONOSTANTE
MOLTI VORREBBERO IL SUO RITIRO

di Peter Moore
(17-7-2024) Mentre Donald Trump gode un'ottima salute nei sondaggi dopo l'attentato choc di qualche giorno fa, in casa del Partito democratico c'è fretta per decidere chi sarà effettivamente il candidato che sfiderà l'ex presidente alla Casa Bianca. L'attesa è per il 19 agosto a Chicago, un lasso di tempo troppo lungo per la posta in gioco che potrebbe mettere le ali al candidato repubblicano che è in testa nei sondaggi anche in diversi Stati-chiave. Meglio anticipare la nomina del candidato prima del 7 agosto, una decisione per chiudere in maniera tombale le critiche e le incertezze di queste ultime settimane e mettere la parola fine sul dibattito interno sull'idoneità di Joe Biden (
foto dal web/Social) a candidarsi alla rielezione. Biden si o Biden no? Se prima il candidato democratico sarebbe stato Biden, adesso, dopo il disastroso dibattito del 27 giugno ad Atlanta contro Trump, i dubbi sull'idoneità del presidente a candidarsi per la rielezione sono saliti alle stelle. Molti deputati gli hanno chiesto di fare un passo indietro e di indicare un candidato alternativo. Ma è solo Biden a decidere se passare il testimone. Questa nomina anticipata consentirebbe di ripartire con piglio diverso. Se i piani dovessero essere rispettati la Convenzione nazionale democratica si riunirà in videochiamata questo venerdi e gli oltre 4mila delegati inizieranno a votare lunedi, votazioni che in ogni caso dovranno espletarsi entro il 7 agosto. Sarà ancora Biden a sfidare Trump per la Casa Bianca? Biden non cede di un millimetro, è lui il candidato e ha ribadito in più occasioni che non si dimetterà. Con questa nomina anticipata, la possibilità di cambiare idea è ulteriormente ridotta. Con questa proclamazione formale forse i democratici chiuderanno il capitolo di incertezze e polemiche per puntare alla vera campagna elettorale.



UNA INIEZIONE FA VIVERE I TOPI
PIU' A LUNGO E SENZA MALATTIE

LA STRATEGIA SARA' TESTATA
PRESTO SULLE PERSONE


di Gesuino Lorrai
(17-7-2024) E' troppo bello per essere vero. Eppure il biochimico Jesus Gil, assieme ad un team di scienziati, ha trovato il modo di allungare la vita. E' entusiasta soprattutto perché è riuscito a farlo nei topi (
foto dal web/Social) e quello che ha funzionato su questi animali potrebbe funzionare negli esseri umani. E' successo che un gruppo di scienziati ha somministrato iniziezioni mensili di un semplice anticorpo a topi di quasi un anno e mezzo (equivalente a 55 anni umani) e questi roditori hanno vissuto fino al 25% in più rispetto ai topi che invece non avevano avuto questo trattamento. I topi "trattati" si sono trovati più in salute, non hanno avuto tumori e si sono comportati con una maggiore forza muscolare e con meno colesterolo. E come se l'aspettativa di vita umana fosse salita dagli attuali 83 anni a quella di 104. Un risultato sbalorditivo. Secondo gli scienziati della London Medical Sciences Laboratory i topi hanno ricevuto anticorpi che sono proteine che circolano nel sangue per difendere l'organismo da sostanze estranee come virus e batteri. Nel caso specifico la X203 blocca la proteina naturale con effetti sull'invecchiamento (interleuchina 11) la cui concentrazione aumenta con l'età. Esistono già studi su persone con trattamenti sperimentali per bloccare l'interleuchina 11 ma non sull'invecchiamento nel corso di anni o decenni. Diverse aziende, come la tedescha Boehringer Ingelheim e l'americana Lassen, hanno avviato progetti che però curano malattie legate all'età. Passando ai topi, il progetto ha aumentato la loro longevità senza nessun effetto negativo. I topi muoiono principalmente di cancro mentre gli esseri umani muoiono principalmente di malattie cardiovascolari e cancro. Il cardiologo Stuart Cook, condirettore della ricerca, sostiene che questo trattamento ha bloccato l'interleuchina 11 nei topi migliorando il metabolismo e il colesterolo e questo effetto potrebbe risultare ottimale sulle malattie cardiovascolari negli esseri umani. Si saprà di più quando verranno condotti studi clinici volti a studiare in modo particolare l'invecchiamento.


CNN: L'IRAN AVEVA UN PIANO
PER UCCIDERE TRUMP

L'EX PRESIDENTE SABATO
RIPRENDE I COMIZI


di Peter Moore
(16-7-2024) Non solo Thomas Matthew Crooks ma anche il regime iraniano aveva un piano per uccidere Trump (
foto dal web/Social). Del giovane di 20 anni si è scritto ampiamente per aver attentato alla vita dell'ex presidente Usa e si è puntato il dito sull'intelligence per non aver garantito la sicurezza al leader repubblicano durante un comizio in vista delle elezioni presidenziali di novembre. Martedi si è saputo che l'intelligence statunitense aveva indizi di un complotto del regime iraniano per uccidere Trump ma non ci sono prove che l'attentato di sabato scorso fosse collegato a questo piano. I servizi segreti Usa sapevano delle minacce del regime iraniano e per questo motivo avevano rafforzato la sicurezza dell'ex presidente solo che qualcosa è andato storto nel corso dell'attentato verosimilmente per incomprensione tra gli 007 e la sicurezza della polizia locale. Il portavoce dei servizi segreti Anthony Guglielmi ha confermato l'eventuale piano iraniano e aveva disposto risorse e capacità di protezione per l'ex presidente che era nel mirino dell'Iran che si voleva vendicare della morte del comandante Qasem Soleimani nel gennaio 2020 quando venne ucciso in un attacco ordinato da Trump. Queste minacce sono state rivelate dalla CNN e dall'agenzia Ap e per questo motivo la sicurezza di Biden e Trump è stata rafforzata e c'è anche la protezione al terzo candidato, l'indipendente Robert Kennedy jr.



ANCORA GIORNATE AFOSE E
TORRIDE SULL'ITALIA, IN
SARDEGNA OLTRE 40 GRADI

I GIORNI PIU' CALDI? GIOVEDI
18 E VENERDI 19 LUGLIO

di Marco Giovine
(16-7-2024) Saranno giovedi 18 e venerdi 19 luglio i giorni più caldi con un picco di oltre 42 gradi concentrato principalmente sul Centro Sud (
foto di Augusto Maccioni Chia-Domus de Maria). Si boccheggerà a fronte delle alte temperature e ai tassi di umidità molto elevati. Si passerà da un record all'altro con temperature che supereranno facilmente i 40 gradi centigradi in moltissime città, soprattutto al Centro Sud ma anche al Nord e il Nord Ovest: Milano, Torino e Venezia le città più colpite con picchi di 32° C e con tassi di umidità elevati. Saranno giornate all'insegna della fiammata calda dovuta all'anticiclone africano "Caronte" che stazionerà sul nostro Paese per molti giorni e l'ondata di caldo, dicono gli esperti, sarà più forte di sempre. Anche al Nord, quindi, si registreranno valori più alti, con temperature fino a 36-38 gradi mentre al Centro, con Firenze e Roma in testa, i picchi raggiungeranno anche i 40 gradi. Al Sud le temperature saranno più bollenti con i 42 gradi in Sicilia e in Sardegna.


GLI SCIENZIATI ITALIANI HANNO
SCOPERTO SULLA LUNA

UN TUNNEL ABITABILE, IDEALE
PER OSPITARE DELLE CITTA'

di Marina Sitzia
(15-7-2024) La Luna è sempre al centro degli interessi degli scienziati che da 50 anni dibattono sulla possibile presenza di gallerie e grotte sotto la superficie del satellite Terra. Un gruppo internazionale di scienziati, guidato da ricercatori dell'Università di Trento, ha individuato, per la prima volta, un grande tunnel (
foto dal web/Social) sotto il suolo lunale. Nel tempo sulla Luna erano state trovate almeno 200 fosse ma non si avevano certezze su grotte con grandi volumi sotterranei che potrebbero fornire un ambiente più caldo rispetto alla superficie. Su "Nature Astronomy" gli scienziati hanno fornito notizie sull'esistenza di un condotto sotterraneo accessibile da un pozzo a cielo aperto sulla Luna e, analizzando i dati del Lunar Reonnaissance Orbiter nella fossa del Mare Tranquillitatis, la più prodonda conosciuta sulla Luna, hanno scoperto una regione con un raggio di circa 100 metri, con pareti verticali e fondo inclinato. Attraverso simulazioni sulle immagini, gli esperti sono riusciti a ricostruire l'orografia del terreno e la presenza di un condotto nella grotta che si estende da ovest del fondo della fossa. Le notizie individuano una profondità del condotto di 130-170 metri e largo circa 45 metri. Risultati utili per le future missioni lunari dove l'ambiente in superficie è ostile alla vita umana. La temperatura superficiali sul lato visibile della Luna possono raggiungere i 127° C, e sul lato nascosto scendere fino a -173°C. Le radiazioni cosmiche e solari sono fino a 150 volte più potenti che sulla Terra, e c'è la minaccia di impatti di meteoriti, situazioni che non agevolano gli esploratori che hanno bisogno di trovare luoghi sicuri, come gallerie e grotte, per costruire infrastrutture e mandare avanti le attività.


EURO 2024, SPAGNA-INGHILTERRA 2-1,
LE FURIE ROSSE CAMPIONI D'EUROPA

STRAORDINARIO TRIONFO, CONQUISTATO
IL QUARTO TITOLO DELLA STORIA

di Franco Vecchiarecchi
(14-7-2024) Ha vinto la Spagna sull'Inghilterra (2-1: ) ed è campione d'Europa 2024 e con questo storico e straordinario trionfo le furie rosse sono diventate la nazione che ha vinto quattro edizioni degli Europei (1964, 2008, 2012 e 2024), una in più della Germania mentre la squadra inglese ha trionfato solo ai Mondiali del 1966. Per l'Inghilterra è una sconfitta a testa alta e perde, per la seconda volta, la finale consecutiva dopo quella del 2021 contro l'Italia. Una meritata vittoria, in una finale stellare a Berlino, grazie alle reti di Nico Williams a inizio del secondo tempo e di Oyarzabal nel finale, dopo il pareggio di Palmer. La Roja è la migliore squadra del torneo in un mix di esperienza e tecnica e ha stupito per il gioco e la tenuta in campo, proponendo una proposta coraggiosa superando le aspettative della vigilia. La Spagna non era indicata tra le squadre vincitrici del torneo, ma è riuscita a cambiare i pronostici grazie al miglior calcio. "Dicevano siete una grande squadra e noi ci abbiamo creduto". Al di là del prestigio sportivo, giocatori e staff possono aggiungere anche un bel pò di soldi al loro conto corrente. Per aver raggiunto la finale degli Europei la Spagna ha intascato 9,25 milioni di euro, più un milione per ogni vittoria nella fase a gironi. Poiché ha vinto tre partite (Croazia, Italia e Albania) le furie rosse hanno messo in tasca altri 3 milioni di euro. Alla fine la Spagna per aver vinto l'Euro Cup si è garantito l'importo totale di 28,25 milioni di euro, a parte i bonus per giocatori, allenatore e staff. Insomma la Spagna ha fatto il pieno in tutti i sensi. Però sono stati veramente bravi!


ATTENTATO A TRUMP, L'ALLARME
IGNORATO: SOTTO I RIFLETTORI

I SERVIZI SEGRETI PER LA MANCATA
PROTEZIONE DELL'EX PRESIDENTE

G:\19-07-2024-TERZAPAGINA-20-07-2024\ObjText\trump ferito- 14-7-2024.jpg
Error File Open Error

di Peter Moore
(14-7-2024) Gli Stati Uniti hanno vissuto l'incubo della violenza politica, un attacco senza precedenti all'ex presidente Donald Trump (
foto dal web/Social) durante una manifestazione a Butler in Pennsylvania. Trump, indicato dai sondaggi come probabile vincitore contro Joe Biden alla Casa Bianca, è stato ferito all'orecchio ed è stato subito soccorso dagli uomini dei servizi segreti che lo hanno portato in salvo. Portato via, ha avuto la forza di salutare i suoi sostenitori col pugno alzato, un'immagine iconica che rimarrà nella storia. Il fallito attentato irrompe sulla campagna presidenziale alla vigilia della convention che quasi sicuramente incoronerà Trump candidato repubblicano e leader assoluto del partito. Trump non ha perso tempo e ha voluto assicurare i suoi sostenitori sulle sue reali condizioni di salute. "Sto bene e le ferite sono lievi" ha detto l'ex presidente che ha voluto ringraziare gli agenti della sicurezza e i medici per le cure ricevute. Lo stesso Trump ha raccontato l'accaduto: un proiettile lo ha colpito nella parte superiore dell'orecchio destro, molto vicino al cranio. "C'era molto sangue, ha detto, quindi ho capito cosa stava succedendo" ha scritto sul suo social network Truth Social. La polizia e i servizi segreti stanno indagando sul tentato omicidio: Thomas Matthew Crooks, un giovane di 20 anni di Bethel Park, ha sparato utilizzando un fucile d'assalto AR-15 a una distanza di 120 metri dal palco dove stava parlando l'ex presidente. Il giovane è stato individuato e ucciso. Nella sparatoria l'aggressore ha tolto la vita a un partecipante alla manifestazione politica e ha ferito altre due persone finite in ospedale in condizioni critiche. Secondo una sommaria ricostruzione Crooks ha avuto il tempo di sparare otto volte che hanno allertato i presenti al comizio e lo stesso Trump che aveva iniziato a parlare da poco tempo. Tutto è avvenuto in brevissimo tempo. Dopo che Trump si mette la mano sull'orecchio, gli agenti della sicurezza si precipitano per coprire l'ex presidente, mentre dietro di lui le persone rimangono sorprendentemente calde. Nessuno scappa, non c'è panico forse perché sapevano che l'aggressore era già morto. Adesso gli agenti sono sotto i riflettori per la mancata protezione di Trump e sono emerse molte critiche e dubbi sull'operato degli agenti incaricati di proteggere l'ex presidente soprattutto perché molti testimoni hanno riferito a diversi media di aver visto l'autore del tentativo di omicisio salire armato sul tetto di un efidicio e di aver avvisato la polizia che però non è intervenuta. Subito dopo l'accaduto il presidente Joe Biden è apparso in tv per condannare l'attentato: "Non c'è posto in America per questo tipo di violenza, È uno dei motivi per cui dobbiamo unire questo Paese. Non possiamo permettere che ciò accada". Trump si è unito agli appelli all’unità questa domenica: “In questo momento, è più importante che mai restare uniti e mostrare il nostro vero carattere di americani rimanendo forti e determinati e non permettendo al male di vincere".



GAZA, RAID ISRAELIANO PER
COLPIRE CAPO DI HAMAS

90 MORTI, LA META' DONNE E
BAMBINI, E QUASI 300 FERITI

di Davide Porcù
(13-7-2024) I bombardamenti di questo sabato sono stati quelli peggiori contro i civili della guerra di Israele contro Hamas in un'area definita sicura dalle autorità israeliane. Gli attacchi sono avvenuti nella zona di emergenza di Al Mawasi, nel sud di Gaza e l'obiettivo dell'esercito doveva essere Mohamed Deif, 58 anni, capo militare di Hamas a Gaza anche se le milizie palestinesi negano la morte e non è stato confermato neanche il suo ferimento. In un comunicato Hamas ha sottolineato che le vittime sono "civili innocenti e indifesi" e non è la prima volta "che le forze israeliane affermano di aver attaccato i leader palestinesi e poi si è dimostrata la falsità della notizia". Secondo i dati del Ministero della Sanità di Gaza, dove Hamas governa, l'esercito israeliano ha ucciso almeno 90 persone, la metà donne e bambini, e ne ha ferite 289. L'attacco è avvenuto in seguito a informazioni precise di intelligence che indicavano due principali terroristi di Hamas che si nascondevano tra i civili. In una dichiarazione Benjamin Netanyahu (
foto dal web/Social), primo ministro israeliano, ha detto che non è sicuro che Deif sia stato ucciso ma ha assicurato che prima o poi i principali ideatori dell'attacco in cui morirono 1.200 persone nel sud di Israele, saranno uccisi. Deif potrebbe essere rimasto invalido in uno dei numerosi attentati israeliani alla sua vita, dopo la morte della moglie e dei figli in un attacco aereo nel 2014. La morte di Deif avrebbe rappresentato una vittoria importante per Israele e un colpo devastante per Hamas.

TENNIS, KATE MIDDLETON A
WIMBLEDON PER LA FINALE

SECONDA USCITA PUBBLICA
DOPO LA TROOPING THE COLOUR


di Peter Moore
(13-7-2024) L'annuncio è del Kensington Palace ed è la seconda apparizione ufficiale della principezza britannica del Galles Kate Middleton (
foto dal web/Social) che parteciperà questa domenica alla finale del singolare maschile a Wimbledon tra Djokovic e Alcaraz. Kate, 42 anni, è appassionata di tennis ed è anche mecenate dell'All England Lawn Tennis and Croquet Club Wimbledon, che ospita i campionati annuali mondiali di tennis, e non aveva nessuna intenzione di evitare l'importante manifestazione a sei mesi dalla rivelazione della presenza di un cancro. Come si sa la principezza, moglie dell'erede al trono il principe William, aveva partecipato a giugno al "Trooping the Colour" l'annuale parata militare per celebrare il compleanno ufficiale di re Carlo. Buone notizie per la salute della principessa. In un messaggio Kate ha rivelato che sta facendo buoni progressi anche se la chemioterapia mostra giorni buoni da quelli brutti. Il trattamento, fa sapere la principessa, durera ancora qualche mese. Ancora una volta il suo ufficio, Kensington Palace, non ha fornito notizie specifiche sul tipo di cancro né sulle sue condizioni mediche, si sa solo che il trattamento chemioterapico è iniziato a febbraio. Anche il re Carlo III, 75 anni, è in cura per il cancro. Le sue funzioni pubbliche sono limitate per ridurre al minimo i rischi della sua salute.




"CI SONO ANCORA QUESTIONI
COMPLESSE", E BIDEN E' OTTIMISTA

SU UNA POSSIBILE TREGUA
TRA ISRAELE E HAMAS


di Francesco Corrias
(12-7-2024) Joe Biden (
foto dal web/Social) continua la sua campagna elettorale e in politica estera vuole ottenere significativi progressi in vista delle elezioni Usa di novembre. Il presidente ha mostrato questo venerdi il suo ottimismo circa i negoziati per raggiungere una tregua nella guerra di Gaza e consentire il ritorno degli ostaggi che si trovano ancora prigionieri di Hamas. Biden ha ribadito che il suo "accordo globale" proposto sei settimane fa è stato accettato sia da Israele che da Hamas e ci sono risultati significativi dai contatti avuti dalla delegazione Usa e nel contempo ha elogiato gli sforzi diplomatici di Egitto, Qatar e Washington. Il presidente Usa riconosce comunque che la trattativa è complessa e diverse delegazioni si muovono da giorni tra Doha e Il Cairo per trovare una soluzione di pace, anche se Netanyahu vuole mantenere il diritto di continuare ad attaccare una volta rilasciati gli ostaggi, che forse sarebbero 60 e 40 potrebbero essere già morti. I fondamentalisti vogliono, invece la garanzia di un cessate il fuoco definitivo.




DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA
EUROPEA: NO ALLA CACCIA

AL LUPO "FINCHE' IL SUO STATO DI
CONSERVAZIONE E' SFAVOREVOLE"


di Gesuino Lorrai
(12-7-2024) Un lupo (canis lupus) avrebbe ucciso 20 agnelli nello Stato federale del Tirolo in Austria e il governo ha chiesto alla Corte di giustizia dell'Unione europea di abbattere questa specie per evitare ulteriori danni alle greggi e alle persone. La Corte europea non è d'accordo alla caccia al lupo (
foto dal web/Social) e ha stabilito che questa specie viene protetta e ne vieta la caccia, pone però un'eccezione: la caccia può essere concessa per evitare danni economici solo se la popolazione di lupo si trova in uno stato di conservazione favorevole. Ed è quello che invece non avviene in Austria, spiega la Corte nel provvedimento. In ogni caso l'aturorizzazione dell'autorità austriaca di abbattere il lupo, che peraltro non è avvenuto, ha movimentato l'ira degli ambientalisti che hanno impugnato la decisone davanti al Tar del Tirolo sostenendo che la normativa comunitaria considera il lupo una specie protetta e quindi ne vieta la caccia. Da qui la richiesta del tribunale austriaco alla CGUE europea che ha risposto in merito motivando il divieto di caccia. Insorgono comunque gli ambientalisti che comunque sono contro alcuni Paesi che vorrebbero abbassare la protezione del lupo e dicono a chiare lettere che è "necessario imparare a conviverci". E' necessario, dicono alcuni esperti, attuare misure preventive per evitare i danni che potrebbero causare e la garanzia che il bestiame sia protetto durane la notte. La Corte europea taglia corto e hanno chiarito che per ricorrere all'eliminazione di un esemplare, si doveva giustificare uno stato di conservazione favorevole per non deteriorare lo stato di conservazione della specie.


VERTICE NATO A WASHINGTON
BIDEN DA STATISTA ANNUNCIA LA CONSEGNA STORICA DI DIFESE AEREE
ALL'UCRAINA CON L'ARRIVO DEGLI F-16


di Peter Moore
(10-7-2024) "La Russia sta fallendo in questa guerra, la Russia non prevarrà, l'Ucraina prevarrà", sono alcune frasi del presidente Joe Biden al vertice Nato a Washington (
foto dal web/Social), un presidente diverso rispetto a quello visto in tv nel dibattito di Atlanta contro Trump, più autoritario, più deciso, sicuramente grande statista in un momento delicato della guerra tra la Russia e l'Ucraina. Nel giorno dell'865° Biden ha annunciato la consegna all'Ucraina di nuovi sistemi di difesa contro gli attacchi aerei russi quelli, per intenderci, che hanno distrutto l'ospedale pediatrico di Kiev con morti, feriti e danni incalcolabili. Il presidente Usa di fronte a tanto orrore ha vestito le vesti del suo ruolo storico comunicando che Stati Uniti, Germania, Paesi Bassi, Romania e Italia forniranno all'Ucraina attrezzature per cinque ulteriori sistemi di difesa aerea strategica ma anche dozzine di altri sistemi di difesa aerea tattici e centinaia di munizioni. Questa volta la Nato fa sul serio. Per questo motivo Biden è stato categorico: "Putin vuole cancellare l'Ucraina dalla mappa geografica. Lui non si fermerà in Ucraina ma l'Ucraina può fermare Putin e lo farà". In una dichiarazione congiunta, firmata insieme a Biden dai leader di Germania, Paesi Bassi, Italia e Romania, è clamorosa e storica: "Il nostro messaggio a Mosca e al mondo è chiaro: il nostro sostegno all'Ucraina è fermo e incrollabile". Antony Blinken, Segretario di Stato americano al vertice Nato, ha comunicato che i primi caccia F-16 per l'Ucraina, donati dai Paesi Bassi e dalla Danimarca, sono già in viaggio e potrebbero essere disponibili nel giro di un mese.


LE PREOCCUPAZIONI E LA RABBIA
DELL'EUROPA CONTRO LA MISSIONE
DI PACE DI ORBAN

IL PRESIDENTE UNGHERESE SCRIVE ALL'UE: "SERVE LEADERSHIP POLITICA SENZA GLI USA"

di Paolo Pellegrini
(10-7-2024) Secondo Viktor Orban, presidente semestrale dell'UE, la sua "missione di pace" a Mosca (
foto dal web/Social) e a Pechino è andata bene. Preoccupazione e rabbia invece sul versante europeo perché il leader ungherese non ha concordato gli incontri col presidente russo Vladimir Putin e col presidente cinese Xi Jinping. Incurante delle critiche e dei malumori Orban ha sostenuto le sue tesi negli incontri di Mosca e di Pechino e ha inviato due rapporti confidenziali al presidente del Consiglio europeo Charles Michel e ai leader degli Stati membri mettendo a fuoco le varie problematiche per arrivare alla pace con Putin sostenendo anche che l'Europa deve portare avanti una "un'iniziativa di pace senza aspettare gli Stati Uniti". Orban ritiene, poi, che i prossimi due mesi saranno drammatici sul fronte di battaglia in Ucraina. Nella lettera ai vertici europei Orban continua a sostenere l'impegno dell'Ue per avere una leadership politica senza aspettare gli Stati Uniti che al momento è gravata dalla campagna elettorale in corso. Orban, come si sa, è il leader europeo più vicino a Putin ma anche al repubblicano Donald Trump, e ha compiuto una sua "missione di pace" per capire la reale situazione sul campo. Il presidente ungherese ha parlato anche con Xi il quale non ha commentato nessun scenario, né con Biden rieletto e né con Trump alla Casa Bianca. Orban, secondo questa sua missione, si considera un mediatore di pace, anche se ha poca influenza nell'Ue ed è molto bravo a porre veti su diverse iniziativa, ad ritardare le sanzioni contro la Russia e mantenere bloccati oltre 6 miliardi di euro per gli aiuti militari all'Ucraina. Tre giorni dopo l'incontro a Mosca, Putin, col quale ha sempre parlato di pace, ha lanciato un attacco contro l'Ucraina distruggendo il principale ospedale pediatrico per i tumori a Kiev. Secondo Orban la pace di Putin è stata proposta nel 2022: la penisola ucraina di Crimea rimane sotto l'occupazione russa, Kiev rinuncia ad aderire alla Nato, i limiti russi sono quelli stabiliti dopo le varie occupazioni. Intanto Kiev ha ricordato che solo gli Stati Uniti, la Cina e l'UE possono aspirare a una qualche tipo di mediazione.



NUOVE PROVE: L'OSPEDALE PEDIATRICO
DI KIEV CENTRATO DA UN MISSILE RUSSO

VERTICE NATO, SOSTEGNO ALL'UCRAINA
ANCHE SENZA UN'OFFERTA FORMALE
PER IL SUO INGRESSO

di Gigi Sartori
(9-7-2024) Alla vigilia del vertice Nato di Washington, che commemora il 75° anniversario dell'Alleanza, c'è orrore per il bombardamento russo dell'ospedale pediatrico di Kiev avvenuto l'8 luglio (
foto dal web/Social). Almeno 41 morti. Oltre 35 bambini che stavano all'ospedale Okhmatdyt sono stati evacuati in altre strutture sanitarie. Nel nosocomio c'è solo distruzione e diversi reparti sono inservibili per mancanza di acqua ed elettricità per tenere in funzione i macchinari. Si scava tra le macerie nel tentativo di trovare qualche sopravvissuto. Il Papa appreso la notizia, ha manifestato il suo profondo turbamento per l'accrescersi della violenza ed esprime vicinanza alle vittime e ai feriti innocenti. Balletto di responsabilità per i missili che hanno centrato l'ospedale pediatrico. Da subito gli esperti della polizia locale non avevano dubbi si trattasse di un ordigno russo. La propaganda russa ha negato ogni sua partecipazione addebitando responsabilità a Kiev. Ulteriori informazioni dei frammenti dell'esplosione dei missili portano alla conclusione inequivocabile che è "stato un attacco mirato dell'esercito russo". Si sa tutto del meccasinismo di volo dei missili russi: numero di serie interno, frammento dell'unità e del sistema X - 101 che apre il meccanismo, poi l'analisi del luogo dell'impatto, la traiettoria e i danni provocati. I vertici militari ucraini fanno sapere che la risposta a questo crimine di guerra sarà proporzionata e che il nemico "soffrra sulla sua pelle per ognuno dei suoi crimini di guerra". Il vertice della Nato arriva in un momento chiave per l'Ucraina. A Washington c'è l'Occidente che fa quadrato e al centro dei dibattiti dell'incontro metteranno a punto il loro sostegno a Kiev nella guerra contro la Russia. Tutti gli occhi sono puntati sul presidente degli Stati Uniti Joe Biden che è sotto pressione dopo il dibattito flop in tv con Trump. Per coordinare questi aiuti, la Nato annuncerà un nuovo comando in Germania per coordinare ogni azione a favore di Kiev. Non ci sarà un'offerta formale all'Ucraina di aderire all'Alleanza ma c'è l'idea che Kiev sia pronta ad aderire "dal primo momento" una volta che i partner avranno raggiunto un consenso sulla sua adesione.


CALDO ANOMALO CON TEMPERATURE
ELEVATE, ANCHE
DI 40 GRADI
IN SARDEGNA, ANCORA PER 10 GIORNI


di Marco Giovine
(9-7-2024) Il caldo intenso non riguarda solo l'Italia ma anche l'Europa orientale con temperature anomale per la stagione. Temperature quindi più alte rispetto alla norma anche nelle nazioni dell'Europa centrale, meridionale e orientale in una situazione drammatica per la siccità, anche nel nostro Paese. Quanto durerà questa ondata di caldo (
foto di Augusto Maccioni Poetto di Cagliari)? Forse ancora pochi giorni per alcune regioni del nord dell'Italia mentre questa quarta ondata di caldo estenderà temperature oltre la media stagionale, anche di 9 gradi in tutte le altre regioni con picchi, soprattutto al Centro-Sud, anche oltre i 40 gradi. Con l'anticiclone africano si sta verificando, nelle regioni centro-meridionali il fenomeno del pulviscolo sahariano, trasportato dalle correnti meridionali che provengono dall'Algeria. Gli esperti dicono che la concentrazione di pulviscono in sospensione sarà più intenso al prossimo weekend e potrebbe verificarsi anche nelle regioni settentrionali. Non solo caldo con temperature elevate durante lo ore diurne, ma anche afa durante le notti con compresibile disagio per la popolazione. Secondo gli esperti questo caldo anomalo ci accompagnerà per oltre 10 giorni.



COPERNICUS: LO SCORSO GIUGNO E'
STATO IL PIU' CALDO MAI REGISTRATO

di Marco Giovine
(8-7-2024) Anche giugno è stato il mese più caldo mai registrato a livello globale. A certificarlo è il programma europeo per il clima Copernicus. Secondo Carlo Buontempo, direttore del servizio, il nuovo record è qualcosa di più di una stranezza statistica ed evidenzia un cambiamento ampio e continuo nel nostro clima che sarà inevitabile finché l'umanità continuerà ad aggiungere gas che intrappola il calore nell'atmosfera". Secondo Copernicus negli ultimi 12 mesi si è registrata la più alta temperatura media globale con 1,64 gradi superiore alla media preindustriale del periodo 1850-1900. Al di fuori dell'Europa, nel Canada orientale, negli Stati Uniti occidentali ma anche in Siberia settentrionale e in Brasile per non parlare dell'Antartide occidentale, le temperature sono state più elevate della media (
foto di Augusto Maccioni La spiaggia di Chia-Domus de Maria), mentre sono state inferiori alla media nel Pacifico equatoriale orientale dove si è sviluppato il fenomeno La Nina. Anche la temperatura media della superficie del mare ha registrato il valore più alto per il mese:20,85°C.

ELEZIONI IN FRANCIA, BOOM
DELL'ESTREMA SINISTRA

LE PEN NON CE LA FA,
MELENCHON: "GOVERNIAMO NOI"

G:\19-07-2024-TERZAPAGINA-20-07-2024\ObjText\le pen- 7-7-2024.jpg
Error File Open Error

di Gigi Sartori
(7-7-2024) La destra francese attende tempi migliori, per il momento il campo largo messo in atto dalla sinistra e dal centro del presidente Emmanuel Macron ha sconfitto il Raggruppamento Nazionale di Marine Le Pen nella seconda fase delle elezioni legislative anticipate. A vincere a sorpresa è stato il Nuovo Fronte Popolare (NFP) che, secondo le stime dell'Istituto Ifop dopo l'inizio dello scrutinio, ha ottenuto tra 187 e 198 deputati nella nuova Assemblea Nazionale (ne aveva 153), al secondo posto i macronisti di Ensemble (Insieme) tra i 161 e i 169 seggi (ne avevano 250), terzo RN di Le Pen (
foto dal web/Social), il partito più votato al primo turno una settimana fa, tra 135 e 143 deputati. Per Le Pen, comunque un successo perché ne contava 88 ma anche un insuccesso secondo le aspettative della vigilia. Del resto, dopo la schiacciante vittoria del partito di Le Pen alle elezioni europee del 9 giugno che aveva portato Macron a sciogliere l'Assemblea e a indire le elezioni, alcuni sondaggi davano a RN vicino alla maggioranza assoluta. Non è andata come sperava ma la leader della destra è decisa ad aspettare momenti migliori per scalzare il campo largo di Macron. Adesso, con questi numeri, non sarà facile governare perché nessuno ha la maggioranza assoluta e sarà difficile posizionarsi per un comune percorso perché nella Quinta Repubblica presidenziale non è radicata la cultura del consenso e della coalizione. Il trionfo storico del Nuovo Fronte Popolare (NFP), che riunisce tutti i partiti di sinistra, France Insoumise(LFI estrema sinistra), il Partito Socialista, il Partito Comunistra Francese e i Verdi, costinge Macron a rivedere tutti i suoi piani e in qualche modo a convivere con forze che sono state antagoniste alla sua presidenza. Jean Luc Mélenchon, presidente della LFI a caldo ha detto: "Il presidente Macron deve riconoscere il suo immenso fallimento e deve nominare un capo di governo proveniente dal NFP per governare la Francia". Il programma di Mélenchon è chiaro: bloccare i prezzi, abolire la riforma pensionistica di Macron, imporre la pensione a 60 anni con uno stipendio minimo di 1.600 euro.


COVID, NON ABBASSIAMO LA GUARDIA: PICCO ESTIVO DI INFEZIONI
OCCHIO ALLA VARIANTE KP.3: MAL DI TESTA, TOSSE E PROBLEMI AGLI OCCHI

di Luisa Deidda
(7-7-2024) La pandemia ha creato un vero e proprio choc agli italiani, costretti a stare a casa per non ammalarsi. Adesso si è liberi dal covid, ma le autorità sanitarie dicono che non bisogno abbassare la guardia perché c'è una nuova ondata estiva di covid, un fenomeno che non è ancora preoccupante anche se i casi stanno aumentando. Attenzione però, perché, soprattutto in estate, i sintomi spesso vengono scambiati per un banale raffreddore. Il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Francesco Vaia parla di un "aumento dell'incidenza di nuovi casi identificati e segnalati con infezione da Sars-CoV-2 in Italia anche se si attesta a livelli molto bassi". In circolazione la variante dominante è JN.1 con tutti i suoi sotto-lignaggi, conferma Vaia. E' una variante diffusasi in Italia a dicembre 2023 e inizialmente è stata segnalata in Lussemburgo, poi negli Stati Uniti, Regno Unito e in Francia. Chi contrae il covid con questa variante è come avere un raffreddore fortissimo (
foto dal web/Social) e febbre per quattro/cinque giorni. I sintomi dominanti sono: febbre, tosse, mal di gola, mal di testa, occhi irritati, stanchezza, dolori muscolari e articolari, vomito e diarrea. Complicazione nelle persone fragili e a rischio. Gli esperti hanno notato il progressivo scemare dei contagi ma proprio la nuova sottovariante KP.3 sta determinando un rialzo dei casi con più ricoveri negli ospedali. Ciò dimostra che il virus Sars-CoV-2 è sempre aggressivo ("negli ambienti affollati consigliabile indossare la mascherina come una delle difese migliori"). Con l'arrivo dell'autunno e dell'inverno, suggeriscono gli esperti, è importante preparare bene una campagna vaccinale.


BIDEN ESCLUDE TOTALMENTE IL
RITIRO VERSO LA CASA BIANCA

IL PRESIDENTE NON MOLLA: "LASCIO
SOLO SE ME LO CHIEDE DIO"


di Beniamino Mori
(6-7-2024) Il flop della sfida tv con Trump? "Solo una brutta notte" ha detto Joe Biden (
foto dal web/Social) durante un'intervista trasmessa questo venerdi da ABC News. Con George Stephanopoulos, ex consigliere senior di Bill Clinton, il presidente degli Stati Uniti ha ripercorso le fasi di quel dibattito e rispondendo alle domande dell'intervistatore (senza errori, né esitazioni e "figuracce") ha detto a chiare lettere che non ha nessuna intenzione di dimettersi. Anzi di più: " Solo il Signore Onnipotente può impedirmi di tentare di essere rieletto presidente". Subito dopo il pessimo dibattito della CNN ad Atlanta l'immagine di Biden ha avuto difficoltà nei sondaggi che continuano a dare Trump vincente. Un calo di consensi che ha fatto pensare a un ritiro dalla corsa alla Casa Bianca, ma Biden vuole continuare la sua campagna elettorale e non vuole stare dietro alle critiche e ai giornalisti che continuano a dettare le mosse del presidente. Nell'intervista di qualche giorno fa, il presidente è stato ancora una volta chiaro e non ha nessuna intenzione di abbandonare, anzi dice chiaramente che solo il Signore Onnipontente può decidere su di lui. Biden sta ricreando la sua immagine data un pò sbiadita dopo la sfida tv e si è fatto intervistare da Stephanopoulos, il giornalista che gli ha portato fortuna nel 2020 quando era ai minimi storici. Con lui, con la sua intervista, ha sfondato alle primarie, ha vinto la nomination e poi le elezioni presidenziali. Anche questa volta, tornando da lui, vuole ripercorrere gli step di quattro anni fa, anche se questa volta la corsa verso la Casa Bianca è un pò in salita. In una manifestazione a Madison, nel Wisconsin, questo venerdi, Biden ha detto che è ancora in corsa per le presidenziali: "Correrò e vincerò ancora" e poi "Sconfigggero Trump, lo batterò di nuovo come ho fatto nel 2020". Sull'episodio del dibattito con Trump, Biden ha continuato a dire: "E' stato un brutto episodio. Ero solo esausto, non ho ascoltato il mio istinto in termini di preparazione ed è stata una brutta serata".


DOMENICA CON PIOGGE E TEMPORALI
IN PIEMONTE E LOMBARDIA

DA LUNEDI BEL TEMPO SULL'ITALIA
CON PUNTE DI 40 GRADI IN SARDEGNA


di Marco Giovine
(6-7-2024) Primi rovesci in Valle d'Aosta e Piemonte settentrionale poi in Trentino e nel Veneto. Forti fenomeni temporaleschi in queste regioni causate dalle temperature piuttosto elevate combinate con masse d'aria di diverse origini. Nella giornata di domenica la situazione non cambia per il passaggio di un secondo impulso temporalesco che attenzionerà soprattutto il Piemonte, Lombardia e l'Emila. Situazione stabile con bel tempo sul resto del Paese grazie al nuovo anticiclone africano che farà salire le temperature. Da lunedi caldo africano su tutto il Paese con temperature che saliranno fin oltre i 35 gradi al Centro Sud, con punte anche di 40 gradi in Sicilia e Sardegna (
foto di Augusto Maccioni Chia-Domus de Maria).



IL VATICANO SCOMUNICA CARLO
MARIA VIGANO', UNO DEI CRITICI

PIU' DURI DI PAPA FRANCESCO
E DEL CONCILIO VATICANO II


di Francesco Atzeni
( 5-7-2024) E' arrivata la decisione su Carlo Maria Viganò (
foto dal web/Social), 83 anni, ex nunzio a Washington. Era nell'aria: la sessione plenaria del Dicastero per la Dottrina della Fede del Vaticano al termine di un "processo extragiudiziale" lo ha ritenuto "colpevole del reato di scisma". Il comunicato del Vaticano spiega l'esito del processo a Viganò: colpevole per le sue dichiarazioni pubbliche, da cui risultano chiari il suo rifiuto di riconoscere e di sottomettersi al Sommo Pontefice, la comunione con i membri della Chiesa a lui soggetti e la legittimità e l'autorità magisteriale del Concilio Ecumenico Vaticano II". Con questa sentenza il Vaticano ha scomunicato per il delitto "contro la fede e l'unità della Chiesa" l'ex nunzio che cita il punto 1364 del Codice di diritto canonico, secondo il quale "l'apostata della fede, l'eretico o lo scismatico incorre nella scomunica latae sententiae". Con lo scomunica arriva la punizione che va dal "mandato a risiedere in un determinato luogo o territorio, a pagare una multa pecuniaria per gli scopi della Chiesa, alla privazione del potere di confessare o predicare o della retribuzione ecclesiastica e alla proibizione di indossare l'abito ecclesiastico o l'abito religioso". Solo il Papa potrà eventualmente decidere, in futuro, di riammettere Viganò nella "comunione della Chiesa". Come è noto è stato lo stesso l'ex nunzio a comunicare che il 21 giugno c'era stato il decreto del Vaticano che lo convocava a Roma per il processo extragiudiziale, Viganò a quella data non si era presentato, né aveva nominato un avvocato difensore e né aveva presentato alcuna memoria difensiva. "Accuse del Vaticano motivo di onore" aveva scritto Viganò sui social che non aveva mai smentito l'aver messo in discussione la legittimità di Papa Franceso e il Concilio Vaticano II, arrivando, nell'agosto del 2018 a chiedere le dimissioni del Papa Jorge Nario Bergoglio. Viganò si è paragonato al celebre arcivescovo francese che fondo la fraternità scismatica San Pio X, ma gli stessi lefebvriani hanno preso le distanze dalle sue posizioni estreme.

REGNO UNITO, SCHIACCIANTE VITTORIA DEI LABURISTI CON 410 SEGGI, I TORY AFFONDANO CON 131

di Peter Moore
(4-7-2024) Nel Regno Unito vince il partito di Keir Starmer. Secondo gli exit poll il partito laburista ha ottenuto una schiacciante maggioranza parlamentare nelle elezioni di questo giovedi (
foto dal web/Social). Starmer, leader del partito, riceverà venerdi l'incarico dal re Carlo III di formare un governo. Sarà il nuovo primo ministro ed sarà un momento storico perché si prepara a porre fine a un'era conservatrice che dura da 14 anni. Secondo il sondaggio Ipsos per Sky News e BBC, Starmer avrebbe 410 deputati nella Camera dei Comuni su 650, il partito conservatore affonderebbe drasticamente passando a 131 seggi (nel 2019 ottennero 234 seggi), il partito del populista Nigel Farage avrebbe 13 deputati, ed è una novità nel Parlamento. I liberaldemocratici passerebbero a 61 rappresentanti (una boccata d'aria dopo la crisi) e i nazionalisti scozzesi del SNP passerebbero a soli 10 seggi su 48 che ne avevano. Cinque gli obiettivi prioritari del programma elettorale del partito di Starmer tra cui: crescita economica, riformare il Servizio Sanitario Nazionale abbattendo le liste d'attesa, introdurre miglioramenti nel sistema di polizia e penale, rendere l'energia verde più accessibile e infine un miglioramento generale delle opportunità di vita per tutti i cittadini.


KATE MIDDLETON SARA' A
WIMBLEDON? "STA MEGLIO
E VUOLE ESSERE PRESENTE"


di Peter Moore
(3-7-2024) Il mese scorso gli inglesi hanno vissuto un momento veramente speciale per aver visto la principessa Kate Middleton (
foto dal web/Social) durante il "Trooping the Colour". In un primo momento, considerando le cure che Kate sta portando avanti per debellare il cancro di cui soffre, si era sparsa la notizia della sua assenza all'evento, poi però la principessa ha voluto presenziare e la sua apparizione è stata accolta con incredibile emozione e speranza. Era il segno, ed era questo il messaggio, che le cure anti-cancro sembravano funzionare. La monarchia britannia sta attraversando un lungo periodo di sconvolgimenti, soprattutto dopo le notizie dei rispettivi tumori di re Carlo III ma anche della stessa Kate Middleton. E per completare questa situazione non certo felice è arrivato anche il ricovero della principessa Anna per un incidente che ha avuto durante un tour a cavallo, anche se è stata dimessa e continua a ricevere le cure del caso. I fan di Kate sono pronti ad essere nuovamente entusiasti e felici per le notizie della ricomparsa di Kate Middleton che potrebbe presenziare al torneo di tennis di Wimbledon, molto probabilmente durante la finale, una notizia che confermerebbe, dicono i bene informati, la guarigione dal cancro di cui soffre.



SULL'ITALIA IL TEMPO TORNERA' STABILE
CON L'ARRIVO DELL'ANTICICLONE:
TEMPERATURE FINO A 35 GRADI


di Marco Giovine
(3-7-2024) Il maltempo resisterà ancora per poco, poi spazio al bel tempo da nord a sud. Ancora, quindi, poche ore di maltempo con forti temporali in Lombardia, Veneto e pianura emiliana fino alla Calabria e Sicilia orientale, poi, da giovedi 4 luglio, arriva l'anticiclone delle Azzorre che riporterà caldo ovunque con temperature gradevoli. Attenzione però, perché nel fine settimane una nuova perturbazione porterà instabilità sulle Alpi e Prealpi. Da lunedi prossimo, comunque, il bel tempo si insedierà su tutta l'Italia (
foto di Augusto Maccioni Chia - Domus de Maria) grazie all'anticiclone, e le temperature avranno un rialzo con massime sopra i 35 gradi.


JILL BIDEN IN SOCCORSO DEL
MARITO JOE DOPO IL FLOP TV

"CONTINUEREMO A COMBATTERE
PER IL BENE DEL PAESE"

di Beniamino Mori
(2-7-2024) Si continua a parlare di Joe Biden e dopo il flop della sfida tv con Donald Trump, si cerca si sostituirlo o quanto meno di convogliare i consensi, e i delegati, verso un'altra persona, meglio un governatore di uno stato americano, giovane e possibilmente in grado di vincere le prossime elezioni del 5 novembre. Tutto questo mente Biden continua la sua campagna elettorale e a chiedere i fondi per il progetto presidenziale. Il presidente non ha nessuna intenzione di dimettersi per la sua rielezione, "non sono giovane, ma sono in grado di vincere per la Casa Bianca" e lo staff continua a dargli una mano mentre tra i democratici montano dubbi e perplessità sul proseguo della sua campagna elettorale. L'unica persona che potrebbe chiedere le sue dimissioni è la moglie Jill (foto dal web/Social), che dopo il disastroso dibattito con Trump in cui ha mostrato davanti a milioni di elettori evidenti difficoltà nel fare un discorso coerente, che non lo farà anzi ha reagito alle critiche e ha rilanciato il nome del marito verso la Casa Bianca. Durante una manifestazione a Raleigh, nella Carolina del Nord, la first lady è apparsa serena e con un abito nero con la stampa "voto" dappertutto ha voluto fornire il suo messaggio di incoraggiamento a superare la notte brutta e a tenere conto di oltre 3 anni e mezzo di successi del marito Joe. Con lei nelle successive manifestazioni, post dibattito con Trump, il presidente è stato molto più energico e ha riconosciuto i problemi dell'età: "Non cammino più come prima, non parlo come prima, non discuto come prima. Ma so dire la verità e quando ti buttano a terra, ti rialzi!". Anche la moglie di Biden è stata energica: "Non permetterò che quei 90 minuti definiscano i quattro anni in cui è presidente", ed è apparsa sulla prestigiosa rivista di moda "Vogue", e il messaggio di Jill è chiaro e forte: "Continueremo la lotta e Joe farà ciò che è meglio per il Paese". Di una cosa gli analisti sono d'accordo: senza Jill, Joe Biden non potrebbe continuare la corsa, con lei la rielezione del marito è più vicina.


MACRON VUOLE IL BLOCCO ANTI LE PEN
AL SECONDO TURNO PER EVITARE
LA MAGGIORANZA ASSOLUTA DELLA DESTRA

G:\19-07-2024-TERZAPAGINA-20-07-2024\ObjText\LE PEN.jpg
Error File Open Error

di Gigi Sartori
(1-7-2024) Anche la Francia vira a destra e domenica prossima il Paese affronterà forse una sfida storica che potrebbe segnare una svolta non solo in Francia ma anche in Europa. Al primo turno il partito di Marine Le Pen (
foto dal web/Social) ha raggiunto il 29,2% (con Ciotti è al 33,1%), la sinistra si ferma al 28% mentre il partito di Macron non va oltre il 20,8%. Domenica prossima secondo turno e i francesi devono decidono se vogliono dare una maggioranza di estrema destra all'euroscettica Le Pen, che potrebbe governare la Francia per la prima volta, o continuare in seconda battuta nel caso ci sia l'unione del resto delle forze politiche per far fronte all'anti-estrema destra. Dopo il verdetto di domenica si è aperta in Francia la caccia per la maggioranza assoluta per il partito della Le Pen e formare il governo. Al momento la maggioranza non c'è per la destra, cioè 289 deputati, e per bloccare la corsa della Le Pen c'è la corsa contro il tempo degli altri partiti che cercano di costituire uno scudo repubblicano per impedire a Le Pen di vincere le elezioni. Il partito di Macron appare molto indebolito e sconfitto anche se le strategie sono in azione per il voto di domenica prossima che sono fondamentale non solo per la Francia ma per l'Europa dove l'estrema destra sta guadagnando terreno. Molte le accuse nei confronti del presidente Macron che non doveva sciogliere l'Assemblea forse troppo presto dopo il trionfo dell'estrema destra alle elezioni europee del 9 giugno.


LA CORTE SUPREMA CONCEDE
L'IMMUNITA' PARZIALE A TRUMP

SFUMA LA POSSIBILITA' DI PROCESSARLO
PRIMA DELLE ELEZIONI USA

G:\19-07-2024-TERZAPAGINA-20-07-2024\ObjText\TRUMP 1-7-2024.jpg
Error File Open Error

di Peter Moore
(1-7-2024) Un'altra vittoria per Donald Trump (
foto dal web/Social), questa volta è la Corte Suprema degli Stati Uniti a decretare l'immunità penale per gli atti che lui ha compiuto nella sua carica quando era presidente Usa. I giudici non gli hanno concesso l'immunità assoluta, ma solo quella parziale legata solo a fatti ufficiali e questa "bella notizia, di grande democrazia" arriva dopo quattro mesi dalle elezioni di novembre in cui l'ex presidente aspira a tornare alla Casa Bianca. La sentenza arriva dopo la bella prestazione di qualche giorno fa durante un dibattito televisivo che ha messo in evidenza le difficoltà e i dubbi sulla forma psicofisico di Joe Biden, l'attuale presidente che non intende fare un passo indietro anzi rilancia sulle sue possibilità ad essere rieletto. "Non esiste immunità per gli atti non ufficiali" recita la Corte che annulla le sentenze dei tribunali di grado inferiore che negano l'immunità all'ex presidente rimettendo, eventualmente tutto in discussione secondo i nuovi criteri. Non è stato facile pronunciarsi perché la sentenza è stata approvata con il voto favorevole dei sei giudici conservatori, tra cui tre nominati dallo stesso Trump, mentre i 3 giudici progressisti hanno votato contro. La sentenza si sviluppa su 119 pagine e "non tutto ciò che fa è ufficiale perché il presidente non è al di sopra della Legge". La Corte tiene sempre a precisare che il "presidente non gode dell'immunità per i suoi atti non ufficiali". Con questa svolta giudiziaria sarà per lui quasi impossibile sedersi sul banco degli imputati prima delle elezioni presidenziali del 5 novembre e nel caso dovesse vincerle, come presidente potrà anche ordinare l'archiviazione del proseguimento dei crimini federali o addirittura concedersi la grazia. Questa è una sentenza storica perché ha "enormi implicazioni per la presidenza, per il futuro della presidenza, per il futuro del Paese" ha detto il giudice Brett Kavanaugh.




DALLA CARTA STAMPATA AL WEB - TERZA PAGINA è ONLINE - LA PUBBLICITA' INSERITA E' PUBBLICATA GRATUITAMENTE | terzapagina_2006@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu