TERZA PAGINA


Vai ai contenuti

LE NOTIZIE DI OTTOBRE 2019

NUOVA TECNICA MODIFICA IL DNA
UMANO CON EFFICACIA E PRECISIONE

IL METODO DI EDITING GENOMICO
POTREBBE CORREGGERE L'89% DELLE MALATTIE UMANE


di Sonia Thery
(21-10-2019) Si possono correggere le mutazioni di alcune malattie umane in laboratorio al fine di modificare il DNA(
foto dal web/Social) e depurarle?Secondo quanto si sa i progressi compiuti nelle tecniche di modifica del genoma non contemplano una corretta modificazione delle cause delle malattie in circa 75 mila varianti genetiche umane ma secondo uno studio pubblicato su Nature c'è un nuovo metodo che porterebbe a correggere le mutazioni di alcune malattie umane in laboratorio.Uno degli scienziati è il chimico californiano David Liu che ha studiato la complessa materia ed è arrivato a sorprendenti conclusioni.In passato attraverso l'editin genetico si modificava il DNA attraverso il CRISPRA una sorta di forbice molecolare che però poneva dei problemi etici soprattutto dopo che scienziati cinesi avevano "fabbricato"bambini geneticamente modificati.Con questo sistema si voleva togliere o proteggersi,ad esempio, dal virus dell'AIDS scansionando il DNA e attraverso un "taglio" modificarlo,anche se non sempre si arrivava alla perfezione e spesso si sbagliava.Col nuovo CRISPR gli esperti sono più ottimistici e potrebbe garantire l'efficacia consentita cioè quello di inserire o eliminare sequenze specifiche nel genoma.Lo scienziato Liu spiega la procedura:col suo "editor",come se fosse un "taglia e incolla" al pc,taglia e attacca il DNA attraverso enzimi e correzioni.Con questo sistema i ricercatori hanno realizzato oltre 175 edizioni nelle cellule umane e hanno corretto principali cause genetiche e malattie rare.La nuova tecnica,dicono gli scienziati,potrebbe risolvere l'89% delle varianti genetiche umane associate alle malattie.

RENZI:"NESSUN ULTIMATUM
AL GOVERNO"

SI INASPRISCONO LE TENSIONI TRA DI MAIO E CONTE:EVITIAMO BALZELLI SULLE PARTITE IVA E CASA

di Luca Berni
(20-10-2019) Situazione difficile all'interno della maggioranza dove si inaspriscono le tensioni tra Luigi Di Maio e Giuseppe Conte(
foto dal web/Social).La frase che ha fatto mandare su tutte le furie il leader dei 5S è del premier che ha detto:"o si fa così o si va a casa" a proposito della manovra che,secondo Conte,non dovrebbe avere più aggiustamenti.Da Matera,dove si trova per l'Expo 2020,Di Maio fa la voce grossa e dice che è necessario rivedere alcune questioni e minaccia:se il M5S non viene sentito e non decide sulla manovra non può esistere una coalizione di governo.I toni sono particolarmente accesi ed è obbligo quindi un vertice di maggioranza per mettere a fuoco i problemi che stanno dividendo il premier e il leader pentastellato.E' vero,dice Di Maio,bisogna fare squadra però nelle questioni bisogna essere tutti d'accordo e propone diverse proposte da inserire nella Legge di Bilancio tra queste c'è il problema delle partite iva ma anche i balzelli sulla casa,argomenti molto cari a Renzi che chiudendo la Leopolda ha detto:nessun ultimatum al governo ma "evitiamo balzelli sulle partite Iva e sulla casa".



CENTRODESTRA UNITO A
PIAZZA S.GIOVANNI A ROMA

SALVINI,BERLUSCONI E MELONI
CONTRO IL GOVERNO GIALLOROSSO

"SUL PALCO NO AI SIMBOLI LEGHISTI,
MA BANDIERE TRICOLORI"


di Luca Berni
(18-10-2019) Sarà una giornata molto movimentata,e complicata,a Roma e forse sarà un sabato da ricordare non tanto per la spallata che vorrebbero dare al governo M5S-Pd,che è sempre concreto e sottotraccia,ma contro la manovra giallorossa che non piace al Centrodestra unito.Troppe tasse,dicono,molte incoerenze e provvedimenti non rispondenti alle reali esigenze degli italiani.La manifestazione a piazza San Giovanni era stata annunciata da tempo dalla Lega poi si sono uniti Fratelli d'Italia e Forza Italia,tutti insieme in uno schieramento che i sondaggi premiano andando oltre il 46%.Ha fatto scalpore l'adesione di Casapound e Salvini non vuole limitare la presenza di altre sigle dicendo "che fa ridere il giochino della presenza dei fascisti perchè non ci crede più nessuno".La presenza dei tre leader del centrodestra,c'è anche Giovanni Toti,è significativa per la portata della manifestazione che unisce il malcontento generale per il nuovo governo giallorosso e per i provvedimenti della manovra "totalmente iniqua per gli italiani".Ad aderire alla grande adunata a piazza San Giovanni ci sarà anche Silvio Berlusconi che aveva accolto in maniera tiepida l'iniziativa e poi successivamente,grazie a un preciso coinvolgimento e chiarimento tra Salvini e l'ex premier,l'annuncio a sorpresa di Berlusconi che non manderà,come aveva deciso prima,una semplice delegazione ma sarà presente lui stesso per sottolineare un Centrodestra unito,deciso e maturo per governare il Paese.Anche Giorgia Meloni farà sentire la voce del popolo di Fratelli d'Italia e in un clima di collaborazione tiene a precisare che la manifestazione di sabato 19 ottobre è di fatto la continuazione di quell'altra manifestazione da lei organizzata del 9 settembre,davanti a Montecitorio,mentre si votava la fiducia al Conte 2.Non è stata ancora decisa la scaletta degli interventi,sicuramente Salvini parlerà per ultimo.Non è ancora chiaro se sul palco ci saranno solo bandiere della Lega,un fatto comunque da bocciare,dice Meloni,perchè ci sono anche altre formazioni politiche a rappresentare il Centrodestra unito.Meglio,dice la leader di FdI "con le bandiere tricolori, come avevamo promesso e come tutti avevamo annunciato".Berlusconi è dunque nuovamente in campo e da protagonista in una grande manifestazione che di fatto lo riabilita nello scenario politico e lo farà con forza per "per dire "no" al governo delle tasse e delle manette e per chiedere che si torni quanto prima a votare " e non nasconde,anzi è convinto,che il leader del Centrodestra sarà Matteo Salvini.


E' ANCORA ESTATE AL SUD,
PIOGGE E TEMPORALI AL NORD

WEEK END CON L'ANTICICLONE AFRICANO,IN SARDEGNA PICCHI
ANCHE DI 32 GRADI


di Paolo Pailla
(18-10-2019) Ancora estate e niente pioggia.L'anno scorso temporali e piogge avevano devastato mezza Italia,quest'anno invece il caldo si fa sentire e tarda ad andare via.Non si è a livello di ferragosto ma la temperatura è alta per il periodo.Per il fine settimana l'Italia sarà divisa in due.Sabato e domenica precipitazioni,anche intense,interesseranno la Liguria,il Nordovest e il Triveneto dovute alla bassa pressione con la conseguenza perturbazione atlantica mentre da Roma in giù avanzerà invece l'anticiclone africano che porterà nel week end alte temperature:a Roma e Napoli si sfiorerà i 28 gradi,in Sicilia e Puglia i 30 mentre in Sardegna(
foto dal web/Social La spiaggia di Chia/Domus de Maria-Cagliari-) ci saranno picchi anche di 32 gradi.Il caldo proseguirà anche nella prossima settimana e questa volta anticiclone stazionerà su tutta l'Italia.


SIGLATO L'ACCORDO PER LA BREXIT
TRA IL REGNO UNITO E L'UE

TUTTO FORSE SI DECIDERA' QUESTO
SABATO,MA NEL PARLAMENTO NON C'E' LA
MAGGIORANZA.RINVIO O ELEZIONI?


di Peter Moore
(17-10-2019) Tutto si deciderà a fine mese.Forse.Per il momento Bruxelles e Londra hanno raggiunto un accordo che culminerà il 31 ottobre e il 1 novembre con l'uscita del Regno Unito dall'Europa ed è un impegno,dicono gli esperti,equilibrato anche se tutto deve essere ratificato dal Parlamento.Jean-Claude Juncker,il presidente della Commissione europea e Boris Johnson,primo ministro britannico(
foto dal web/Social),hanno confermato l'accordo mettendo in evidenza una situazione che dovrebbe chiudere la "vertenza" che va avanti da diversi anni.Del resto questo patto è il secondo raggiunto dopo il referendum del 2016 seguito da negoziati complicati e difficili.A novembre 2018 il primo patto venne respinto tre volte dal parlamento britannico col conseguente spostamento dal 31 marzo per poi arrivare a,forse,l'ultimo appuntamento fissato a fine mese.Intanto però per concretizzare la Brexit è necessario che sabato il governo conservatore abbia una maggioranza garantita cosa che invece non ha.Ci sono,insomma,dei problemi e per risolverli conservatori,laburisti e liberali combattono con forza e nessuno vuole cedere mentre potrebbe essere inevitabile il finale che porterà alle elezioni.In ogni caso il primo ministro Boris Johson parte favorito.Se la Brexit sarà operativa sarà lui il vincitore,se invece ci sarà un nulla di fatto,con probabile rinvio a gennaio,è più probabile che si andrà a nuove elezioni e il primo ministro avrà un margine di consensi da garantirgli l'elezione.


NAPOLI,WHIRLPOOL CHIUDE.
430 LAVORATORI LICENZIATI

E' SUCCESSO,UNA CITTA' IN GINOCCHIO,SENZA SPERANZA
DE MAGISTRIS:IL GOVERNO INTERVENGA ALTRIMENTI FACCIAMO NOI

di Lello Leo Cortes
(16-10-2019) Dal 1 novembre Whirlpool,la multinazionale che vende lavatrici,lascerà definitivamente Napoli mandando a casa oltre 400 persone e mettendo in ginocchio tantissime famiglie e la stessa città partenopea.E' una vicenda che ha diversi risvolti.Doveva rinascere un anno fa e con una seria ristrutturazione la Whirlpool doveva rilanciare la fabbrica per coprire le numerose commesse provenienti da ogni parte d'Italia.Era quindi una fabbrica sana,creava profitto ed era una grande realtà del Centro-Sud.Poi qualcosa non è andato per il verso giusto,nonostante i continui fondi statali,e la multinazionale ha deciso di chiudere la fabbrica a Napoli per altre realtà territoriali più vantaggiose fuori del nostro Paese.Eppure un anno fa,di questi tempi,tutto sembrava deciso:la multinazionale rimaneva in Italia,grazie all'intervento dell'allora ministro del Lavoro Di Maio.Adesso però,cambiando il governo è cambiata anche la decisione della Whirlpool.La multinazionale sembra più forte del governo italiano,fa spallucce e chiude ogni porta a meno che non ci sia un...miracolo.Ultimamente ci sono state manifestazioni pacifiche(
foto dal web/Social),i lavoratori hanno bloccato strade principali e hanno chiesto diverse volte l'intervento del premier Conte e dei ministri.Però non è successo niente.Il sindaco di Napoli De Magistris è dalla parte dei lavoratori ed è duro nei confronti della multinazionale:"Il governo ha tutti gli strumenti per non far diventare ineluttabile questa partita: è molto grave che un anno fa venne firmato un accordo tra Whirlpool, governo e rappresentanze sindacali e ora questo accordo viene stracciato. Conta più il governo o una multinazionale? Ci sono gli strumenti per far capire che se si comportano così hanno chiuso con l'Italia".De Magistris comunque ha un'idea ed è disposto ad andare fino in fondo:Whirlpool va via? E noi a Napoli faremo un Centro produzione autogestito di lavatrici.



LA GUERRA CONTINUA,EMBARGO EUROPEO SULLA VENDITA DI ARMI ALLA TURCHIA
L'EUROPA HA PAURA DEL SULTANO ERDOGAN:NIENTE SANZIONI PER PAURA DELLA BOMBA IMMIGRAZIONE

di Peter Moore
(15-10-2019) Erdogan fa sul serio ma deve fare i conti con la Russia che è entrata in campo a favore dei curdi(
foto dal web/Social).A una settimana dal conflitto della Turchia contro i curdi siriani si stanno delineando le posizioni su una vicenda che ha dell'incredibile dopo la scioccante decisione di Trump di ritirare le truppe americane dalla Siria dando in pratica il via libera alla Turchia di invadere quel territorio e massacrare gli alleati americani che hanno combattuto a fianco degli Usa per sconfiggere i miliziani dell'Isis.Le forze in campo mettono in evidenza lo sforzo enorme dei turchi con artiglieria pesante,aerei,elicotteri e adesso anche le milizie dell'Isis,quelli fuggiti dalle prigioni siriane custodite dai curdi,mentre i curdi non si sentono affatto sconfitti e stanno reagendo con dignità con mezzi e tecnologia lasciate dagli americani per sconfiggere lo Stato Islamico.L'avvicinamento dei curdi ai russi passa attraverso Assad il quale non ha nessuna intenzione di cedere territori siriani e non vuole entro i suoi confini nessuna battaglia.Erdogan è stretto in una trappola e farà fatica ad essere credibile in un contesto militare che alla lunga potrebbe ritenerlo sconfitto.Dalla sua ha la mossa vincente dei migranti siriani che potrebbero essere una bomba se dovessero arrivare in Europa e in modo particolare in Germania e Francia,per questo motivo la Merkel e Macron tentano diverse sanzioni ma alla fine rinunciano dicendo che "il tema delle sanzioni alla Turchia non è in agenda" significando che in qualche modo c'è il via libera anche da parte dell'Europa all'invasione turca in Siria a patto che Erdogan non faccia esplodere la bomba immigrazione in Europa.Una cosa l'ha fatta,l'Europa,cioè diverse nazioni hanno attuato l'embargo sulla vendita di armi alla Turchia,una mossa molto diluita da apparire insignificante.Sono altre le mosse che Erdogan teme e l'Europa non è in grado di portarle avanti.



MANOVRA,PRONTA LA STANGATA
SU SIGARETTE E DIESEL

IL GOVERNO DEVE FAR CASSA:C'E' L'IDEA DI TASSARE LA"FORTUNA" COME LE SLOT MACHINE E IL GRATTA E VINCI

di Luca Berni
(14-10-2019) Per la manovra il governo deve far quadrare i conti e rilanciare le promesse.Non sarà facile ma bisogna fare in fretta se si vuole inviare,entro martedi 15 ottobre,il Documento programmatico di Bilancio che sarà esaminato e valutato dalla Commissione europea entro novembre.E nel mirino finiscono,tra gli altri, le sigarette,i gratta e vinci e naturalmente il diesel.In pratica i soliti articoli per una stangata che non piace agli italiani.Nella lista del Decreto Ambiente un posto di rilievo occupa il prezzo del diesel che potrebbe essere equiparato dal 2020 a quello della benzina.Al momento il gasolio possiede tasse al litro per 58,6%(accise +Iva) mentre la benzina pesa sui 63,25% con un aumento medio della spesa di 5,15 euro per ogni pieno di diesel.E mentre nell'esecutivo gialloverde benzina e gasolio dovevano costare meno a litro col cambio di governo,quello giallorosso, potrebbe aumentare il prezzo del diesel.Attualmente la differenza tra i due carburanti (
foto dal web/Social)si aggira sui 10 centesimi e,stando alle stime del governo,ad ogni centesimo di aumento al governo garantisce qualcosa come 144 milioni di euro annuali e azzerando il gap,equiparando cioè il gasolio alla benzina,lo Stato recupera circa 1,5 miliardi di euro.Non c'è solo il diesel nella lista nera,ma anche l'aumento delle accise su sigarette per una spesa di 40 centesimi al pacchetto.Aumento anche delle percentuali per lo Stato sulle vincite come le Slot machine e il Gratta e vinci.



TRUMP ORDINA L'EVACUAZIONE
DI TUTTE LE TRUPPE DALLA SIRIA

ALMENO 750 DELL'ISIS FUGGONO DALLE PRIGIONI PER ALLEARSI CON ERDOGAN PER COMBATTERE I CURDI

di Peter Moore
(13-10-2019) Adesso anche i fatti danno ragione alla Turchia che ha attaccato con violenza i curdi siriani con diversi obiettivi anche se l'unico in grado di raggrupparli tutti è la visione espansionistica di Erdogan verso la Siria.E dopo le parole arrivano,come detto,i fatti di Trump il quale ha ordinato l'evacuazione di tutte le truppe americane per non essere esposte al conflitto tra l'esercito turco e le milizie curde che in queste ore si stanno notevolmente intensificando.E' l'atto conclusivo della presenza Usa nel paese ed è anche il via libera del presidente all'azione di Erdogan annunciata domenica scorsa.Si intensificano gli attacchi ai curdi, a quei combattenti che fino a qualche settimana fa erano considerati alleati fraterni di Washington e che adesso sono diventati bersagli da sconfiggere e da abbattere senza pietà.Per farlo Erdogan non si è limitato a bombardare zone strategiche al di là dal suo confine,ma a perseguire l'azione criminale contro i civili,donne e bambini per rendere più concreta la sua avanzata e per non avere ostacoli alle sue mire espansionistiche.Se prima la Siria era una polveriera adesso è terra di bombardamenti e di selvaggia rappreseglia contro quanti non si inginocchiano al sultano.Per rendere ancora più sanguinaria l'azione,Erdogan può contare sulle milizie Isis che anche loro combattono contro i curdi siriani.In queste giornate di aspri combattimenti da registrare il bombardamento in zone dove si trovano i campi di segregazione di prigionieri dello Stato Islamico con la conseguenza che oltre 785 prigionieri Isis sono fuggiti e forse passeranno con i turchi nella lotta senza quartiere contro i curdi siriani e questa nuova situazione riqualificherà lo Stato Islamico che potrebbe riacquistare forza e prestigio dopo essere stato combattuto per anni dai curdi e dagli americani.E' la loro rivincita ed è un biglietto da visita di straordinaria portata.Secondo le Nazioni Unite 130 mila persone sono state sfollate dall'offensiva turca ma altre organizzazioni parlano di oltre 500 mila persone che fuggono dalle città(
foto dal web/Social) per paura dell'arrivo dell'esercito turco.Lasciano le loro case per non essere massacrati o torturati.

SIRIA,QUARTO GIORNO CONSECUTIVO
DI SCONTRI NEL NORD DEL PAESE

AMMUTINAMENTO DI MOGLI JIHADISTE IN UN CAMPO SORVEGLIATO DAI CURDI

di Peter Moore
(12-10-2019) Siria nel caos per l'invasione turca(
foto dal web/Social).E' il quarto giorno consecutivo dell'azione bellica di Erdogan contro i curdi siriani con combattimenti impegnativi che,dicono le fonti di Ankara,hanno neutralizzato 415 terroristi,tra morti e catturati, considerati molto pericolosi al pari delle milizie dell'Isis.I morti sono a decine,molti dei quali civili, mentre gli sfollati sono decine di migliaia in una situazione drammaticamente tesa.Mentre gli Usa frenano,i turchi continuano a bombardare e a spingersi oltre il confine nel tentativo di piegare le milizie curde.Il Pentagono è preoccupato per la fuga di militanti dell'Isis da una prigione a Qamishli,capitale del Kurdistan siriano in seguito ai duri bombardamenti di questi giorni e si teme inoltre che i 68 mila parenti di combattenti jihadisti tentino la fuga dopo gli attacchi di donne dell'Isis contro la polizia di sicurezza nel grande campo di Al Hol.La situazione è critica e nè il Dipartimento della Difesa Usa nè il presidente russo Vladimir Putin vogliono che gli jihadisti riprendano la scena e sconfinino verso l'Europa e nel mondo.E' una preoccupazione che al momento è di vitale importanza anche se il problema di Erdogan non è l'Isis ma i curdi siriani considerati terroristi.La guerra comunque si fa più intensa lungo il confine al nord della Siria e Vladimir Putin ha chiesto con urgenza che "tutte le truppe straniere presenti illegalmente in Siria devono andare via".


ASSEGNATO AL PREMIER ETIOPE ABIY AHMED IL NOBEL PER LA PACE 2019
DELUSIONE PER GRETA THUNBERG,IL COMITATO DEL PREMIO HA CONSIDERATO LA PACE UN BENE DIFFERENTE DAL CLIMA

di Lello Leo Cortes
(11-10-2019) Era la candidata forte,il personaggio da battere per il Nobel della pace 2019.La super favorita Greta Thunberg(
foto dal web/Social) non è passata e la giuria di Oslo,in Norvegia,ha assegnato il premio al premier dell'Etiopia Abiy Ahmed.Quest'anno si è parlato molto di ambiente e delle battaglie di Greta e sull'attivista svedese si sono costruite le basi per indicarla come il personaggio più indicativo per il Nobel della pace 2019.Moltissimi i suoi sostenitori durante le battaglie per i cambiamenti climatici manifestando e sensibilizzando l'opinione pubblica su un argomento che la politica globale ha mostrato poco interesse.Anche i bookmaker londinesi la davano come favorita al prestigioso premio ma evidentemente il Comitato del Nobel ha considerato "la pace" un bene differente dalle battaglie sul clima,anche questo di primaria importanza,e non ha premiato la baby paladina ambientalista Greta Thunberg ma il premier d'Etiopia Abiy Ahmed artefice dello storico accordo di pace con l'Eritrea che ha posto fine a un conflitto durato 20 anni.Non solo,Ahmed è riuscito tra mille difficoltà a stabilire proficui rapporti con i paesi vicini oltre ad essersi impegnato con forza in politica interna facendo liberare i prigionieri politici,contribuendo ad una efficace distensione con gli oppositori in esilio.
ECCO DI SEGUITO I NOBEL
PER LA PACE DAL 1901 AL 2019

1901 Frédéric Passy (Francia) e Henri Dunant (Svizzera)
1902 Charles Albert Gobat (Svizzera) e Élie Ducommun (Svizzera)
1903 William Randal Cremer (Regno Unito)
1904 Institute of International Law (Belgio)
1905 Bertha von Suttner (Austria-Ungheria)
1906 Theodore Roosevelt (Stati Uniti)
1907 Ernesto Teodoro Moneta (Italia) e Louis Renault (Francia)
1908 Fredrik Bajer (Danimarca) e Klas Pontus Arnoldson (Svezia)
1909 Auguste Beernaert (Belgio) e Paul d'Estournelles (Francia)
1910 International Office for Peace (Svizzera)
1911 Alfred Hermann Fried (Austria) e Tobias Asser (Paesi Bassi)
1912 Elihu Root (Stati Uniti)
1913 Henri La Fontaine (Belgio)
Henri La Fontaine a Berna, negli anni 20. Archivio Hulton
1914 Non consegnato
1915 Non consegnato
1916 Non consegnato
1917 Comitato internazionale della Croce rossa (Svizzera)
1918 Non consegnato
1919 Woodrow Wilson (Stati Uniti)
1920 Léon Bourgeois (Francia)
1921 Christian Lous Lange (Norvegia) e Hjalmar Branting (Svezia)
1922 Fridtjof Nansen (Norvegia)
1923 Non consegnato
1924 Non consegnato
1925 Austen Chamberlain (Regno Unito) e Charles Gates Dawes (Stati Uniti)
1926 Aristide Briand (Francia) e Gustav Stresemann (Germania)
1927 Ferdinand Buisson (Francia) e Ludwig Quidde (Germania)
1928 Non consegnato
1929 Frank Billings Kellogg (Stati Uniti)
1930 Lars Olof Nathan Söderblom (Svezia)
1931 Jane Addams (Stati Uniti) e Nicholas Murray Butler (Stati Uniti)
1932 Non consegnato
1933 Sir Norman Angell (Regno Unito)
1934 Arthur Henderson (Regno Unito)
1935 Carl von Ossietzky (Germania)
1936 Carlos Saavedra Lamas (Argentina)
1937 visconte Cecil of Chelwood (Regno Unito)
1938 Nansen International Office for Refugees (Svizzera)
1939 Non consegnato
1940 Non consegnato
1941 Non consegnato
1942 Non consegnato
1943 Non consegnato
1944 Comitato internazionale della Croce rossa (Svizzera)
1945 Cordell Hull (Stati Uniti)
1946 Emily Greene Balch (Stati Uniti) e John Raleigh Mott (Stati Uniti)
1947 American Friends Service Committee (Stati Uniti) e Friends Service Council (Regno Unito)
1948 Non consegnato
1949 Lord (John) Boyd Orr of Brechin (Regno Unito)
1950 Ralph Bunche (Stati Uniti)
1951 Léon Jouhaux (Francia)
1952 Albert Schweitzer (Francia)
1953 George Catlett Marshall (Stati Uniti)
1954 UNHCR (Svizzera)
1955 Non consegnato
1956 Non consegnato
1957 Lester Bowles Pearson (Canada)
1958 Georges Pire (Belgio)
1959 Philip J. Noel-Baker (Regno Unito)
1960 Albert Lutuli (Sudafrica)
1961 Dag Hjalmar Agne Carl Hammarskjöld (Svezia)
1962 Linus Carl Pauling (Stati Uniti)
1963 Comitato Internazionale della Croce Rossa (Svizzera) e League of Red Cross Societies (Svizzera)
1964 Martin Luther King (Stati Uniti)
1965 UNICEF (Stati Uniti)
1966 Non consegnato
1967 Non consegnato
1968 René Cassin (Francia)
1969 Organizzazione internazionale del lavoro (Svizzera)
1970 Norman E. Borlaug (Stati Uniti)
1971 Willy Brandt (Repubblica Federale Tedesca)
1972 Non consegnato
1973 Henry A. Kissinger (Stati Uniti) e Lê Ð?c Th (Repubblica Democratica del Vietnam, lo respingono)
1974 Eisaku Sato (Giappone) e Seán MacBride (Irlanda)
1975 Andrei Dmitrievich Sakharov (Unione Sovietica)
1976 Betty Williams (Regno Unito) e Mairead Corrigan (Regno Unito)
1977 Amnesty International (Regno Unito)
1978 Menachem Begin (Israele) e Mohamed Anwar Al-Sadat (Egitto)
1979 Madre Teresa (India)
1980 Adolfo Pérez Esquivel (Argentina)
1981 UNHCR (Svizzera)
1982 Alfonso García Robles (Messico) e Alva Myrdal (Svezia)
1983 Lech Walesa (Polonia)
1984 Desmond Tutu (Sudafrica)
1985 Associazione internazionale dei medici per la prevenzione della guerra nucleare (Stati Uniti)
1986 Elie Wiesel (Romania)
1987 Óscar Arias Sánchez (Costa Rica)
1988 Nazioni Unite Peace Forces (Nazioni Unite)
1989 Il XIV Dalái Lama Tenzin Gyatso (Tibet)
1990 Mikhail Sergeyevich Gorbachev (Unione Sovietica)
1991 Aung San Suu Kyi (Birmania)
1992 Rigoberta Menchú Tum (Guatemala)
1993 Frederik Willem de Klerk (Sudafrica) e Nelson Mandela (Sudafrica)
1994 Isaac Rabin (Israele), Shimon Peres (Israele) e Yasir Arafat (Palestina)
1995 Pugwash Conference (Canada) e Joseph Rotblat (Regno Unito)
1996 Carlos Felipe Ximenes Belo (Timor Est) e José Ramos-Horta (Timor Est)
Campagna internazionale 1997 per il divieto di mine antiuomo (Stati Uniti) e Jody Williams (Stati Uniti)
1998 David Trimble (Regno Unito) e John Hume (Regno Unito)
1999 Medici senza frontiere (Svizzera / Francia)
2000 Kim Dae Jung (Corea del Sud)
2001 Kofi Annan (Ghana) e Organizzazione delle Nazioni Unite
2002 Jimmy Carter (Stati Uniti)
2003 Shirin Ebadi (Iran)
2004 Wangari Maathai (Kenya)
2005 Mohamed El-Baradei (Egitto) e Agenzia internazionale per l'energia atomica (Austria)
2006 Grameen Bank (Bangladesh) e Muhammad Yunus (Bangladesh)
2007 Al Gore (Stati Uniti) e gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici
2008 Martti Ahtisaari (Finlandia)
2009 Barack Obama (Stati Uniti)
2010 Liu Xiaobo (Cina)
2011 Ellen Johnson-Sirleaf (Liberia), Leymah Gbowee (Liberia) e Tawakkol Karman (Yemen)
2012 Unione Europea
2013 Organizzazione per il divieto di armi chimiche (Paesi Bassi)
2014 Kailash Satyarthi (India) e Malala Yousafzai (Pakistan)
Quartetto
2015 del dialogo nazionale tunisino (Tunisia)
2016 Juan Manuel Santos (Colombia)
Campagna internazionale
2017 per vietare le armi nucleari
2018 Denis Mukwege (Congo) e Nadia Murad (Iraq)
2019 Abiy Ahmed Ali (Etiopia)



"PRINCE SPRING" AL SECONDO GIORNO,CONTINUA L'AVANZATA TURCA CONTRO I CURDI SIRIANI
ERDOGAN MINACCIA L'EUROPA:"ZITTI E NON CRITICATE,ALTRIMENTI VI INVIEREMO 4 MILIONI DI IMMIGRATI"
BOMBA TERRORISTICA:
POTREBBERO ESSERE LIBERATI
OLTRE 12 MILA APPARTENENTI ALL'ISIS

di Peter Moore
(10-10-2019)La conseguenza dell'attacco armato di Erdogan(
foto dal web/Social) sui curdi siriani,con l'avallo del presidente degli Stati Uniti Trump,potrebbe avere da subito l'abbandono della Syrian Democratic Forces contro l'Isis e questa nuova situazione potrebbe riarmare lo Stato islamico e dare nuovamente forza alla loro attività terroristica.Washington è divisa sull'apertura di Trump a favore di Erdogan e all'abbandono dei fedeli alleati curdi,atteggiamento che ha consentito al presidente turco di bombardare i paesi al confine e di premere con mezzi e truppe all'est dell'Eufrate contro le milizie curde considerate terroristi agli occhi del governo di Ankara.L'obiettivo di Erdogan è realizzare una estesa zona di oltre 30 chilometri sul territorio siriano per trasferire milioni di rifugiati,ma c'è anche l'avanzata espansionistica di un governo che ha sempre tentato di annettere territori siriani e che solo adesso potrebbe concretizzarsi con la poderosa offensiva sul suolo curdo-siriano.L'operazione del presidente turco,denominata Spring Peace(Fonte di pace),ha spiazzato le diplomazie di mezzo mondo perchè sono saltati gli equilibri in Medio Oriente e ci vorrà del tempo prima che la scacchiera internazionale prenda posizione.Al momento il governo turco non è turbato dalle accuse di diverse nazioni e continua a bombardare e ad occupare territori e minaccia tutti quei paesi che stanno criticando l'intervento militare nel nord della Sira e in modo particolare l'Unione europea che aveva invitato Erdogan a sospendere tutte le "operazioni militari unilaterali".La risposta del presidente turco è stato minaccioso:"se provate a presentare la nostra operazione come un'invasione, apriremo le porte e vi invieremo 3,6 milioni di immigrati ".Intanto c'è il drammatico rischio che oltre 12 mila combattenti dell'Isis,detenuti in campi del Rojava,cui 4 mila foreign fighter,possano essere liberati,una bomba terroristica molto pericolosa non solo per i curdi ma per tutta l'umanità.


SONDAGGISTI D'ACCORDO:LA
LEGA HA RIPRESO A CORRERE

CENTRODESTRA SEMPRE PIU' FORTE:OLTRE IL 46%
PD AL 23% ,SCENDE
ANCORA IL M5S(17,4%)


di Luca Berni
(10-10-2019) I sondaggisti concordano sul fatto che la Lega ha ripreso a correre dopo la battuta d'arresto,perdendo qualche consenso,all'indomani del cambiamento di casacca nel governo italiano.I sondaggi di Antonio Noto, Swg e Euromedia di Alessandra Ghisleri danno Salvini(
foto dal web/Social) tra il ,36 e il 38%,Fratelli d'Italia tra il 6 e l'8% e Forza Italia ancorato al 6% poco sotto l'8,8% delle Europee.Dati comunque significativi che dimostrano che il Centrodestra unito supera abbondantemente il 46% grazie al balzo significativo del Carroccio che ultimamente ha ripreso a veleggiare.La Lega quindi risulta il primo partito e supera di 15 punti il Pd,secondo partito,mentre il M5S non da segnali di ripresa rispetto al voto per il Parlamento europeo e sembra bloccarsi al 17,4%.



ERDOGAN HA INIZIATO L'OFFENSIVA CONTRO LE FORZE CURDE IN SIRIA
"STRAPPARE TERRITORIO PER INSTALLARE UN GRANDE CAMPO PROFUGHI"
6 MILIONI DI RIFUGIATI E TERRORISTI ISIS PRONTI PER L'EUROPA

di Peter Moore
(9-10-2019) Si contano già civili uccisi e numerosi feriti nei raid aerei turchi contro le forze curde nel nord-est della Siria.Le operazioni militari sono state ordinate personalmente dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan dopo che Trump giorni prima aveva fatto ritirare le truppe statunitensi dall'area,situazione che ha dato il via libera agli attacchi aerei turchi sostenuti dall'artiglieria nelle zone di confine di Ras al Ain,Tal Abyad e Qamishlo(foto dal web/Social).L'obiettivo di Erdogan è di impedire attraverso il confine meridionale quell'attività terroristica contro la Turchia e creare un'area sicura per i rifugiati siriani,un attacco,comunque,incomprensibile contro le forze curde che fino a qualche giorno prima erano principali partner degli Stati Uniti in Siria contro lo Stato islamico.La decisione di Trump è stato un vero e proprio shock per i curdi con un atteggiamento incomprensibile e combattuto da parte dei democratici ma anche di molti suoi alleati repubblicani americani.Il via libera del presidente degli Stati Uniti metterà a dura prova gli equilibri mondiali con la Russia e la Cina che potrebbero in qualche modo mettere un freno alle mire espansionistiche di Ankara.La marcia indietro,timida e non per niente di peso,di Trump dopo le pressioni contro la decisione a favore di Erdogan,hanno sortito l'effetto contrario.Aveva detto:non abbiamo mai abbandonato i curdi,persone speciali e combattenti meravigliosi.Ma anche:se la Turchia dovesse attaccare, la sua economia verrebbe cancellata.Parole che non sono servite a bloccare Erdogan che anzi insiste sull'attacco che,stando agli analisti,continuerà fino a respingere i curdi oltre i 20 miglia dal confine con la Siria per far insediare i milioni di rifugiati siriani che attualmente si trovano in Turchia.Ma sarà un primo passo per un futuro che non promette bene ad iniziare dalla Russia e dall'Iran le due potenze straniere che mantengono un legame stretto col presidente siriano Bachar el Asad che Stati Uniti e Turchia vorrebbero eliminare.Mosca,al momento,non è interessato ad intervenire ma ha chiesto che venga preservata l'integrità del territorio siriano e che tutte le forze militari straniere lascino il territorio".La situazione comunque è drammaticamente tesa e già da queste prime incursioni turche si prevede che nei prossimi giorni ci potrebbe essere la grande fuga dai territori,qualcosa come 6 milioni di rifugiati che punteranno verso l'Europa ma,tra la'ltro, potrebbero sfuggire migliaia di appartenenti all'Isis.




C'E' UN MARE DI PLASTICA CHE
SOFFOCA IL MEDITERRANEO

NELLE RETI DEI PESCATORI
PIU' RIFIUTI CHE PESCI

LA SARDEGNA E' UNA GRANDE
DISCARICA SOTTOMARINA


di Marina Sitzia
(9-10-2019) C'è un mare di plastica(
foto dal web/Social) che soffoca il Mediterraneo.I dati spaventano e pongono interrogativi seri per porre rimedi immediati e concreti.La fotografia che ha scattato l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale(Ispra) e il Sistema per la protezione dell'Ambiente(Snpa) è scioccante e analizza la bontà dei nostri mari.Dagli ultimi rilievi è emerso che nelle reti dei pescatori si trovano più rifiuti e plastica che pesci.Nell'Adriatico sono state raccolte 194 tonnellate di rifiuti in 6 anni.In pessime condizioni il mare di Sardegna con 403 oggetti nella totalità delle 99 cale e un peso totale di 86,55 kg,peggio di noi il mare di Sicilia con 786 oggetti rivenuti e un peso complessivo superiore ai 670 kg.Dati che fanno riflettere anche se,purtroppo,non ci sono miglioramenti in vista.E la plastica è il rifiuto che più preoccupa perchè i pesci e mammiferi ingeriscono il prodotto scambiandola per cibo e quando non entra nella filiera dei pesci le correnti marine trascinano questi rifiuti in zone precise peggiorando l'equilibrio marino con conseguenze drammatiche.Molto si è detto per risolvere il problema anche se servirebbe una rivoluzione culturale.La parola d'ordine è limitare la plastica se non abbandonandola attraverso una seria sostituzione ma soprattutto non dovrebbe finire in mare.Sono partiti i vari divieti di produzione come il cotton fioc ma anche il divieto di circolazione degli shopper di plastica non riutilizzabili.Ma non basta e bisogna fare di più.


PASSA LA LEGGE SULLA
RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI

LICENZIATI 345 PARLAMENTARI,
DI MAIO:"TAGLIO STORICO"
SI ALLONTANANO LE ELEZIONI,
POLIZZA ASSICURATIVA PER TUTTI


di Luca Berni
(8-10-2019) E' Di Maio(
foto dal web/Social) il più soddisfatto che su facebook esulta:"APPROVATA LA RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI!" e continua "Siamo stati per anni il Paese con il numero più alto di rappresentanti eletti, abbiamo ascoltato chiacchiere e promesse sulla riduzione del numero dei parlamentari, ma SOLO IL MOVIMENTO 5 STELLE è riuscito ad arrivare all'approvazione di una storica legge di riforma costituzionale".E' stato un plebiscito,almeno sui voti a favore,per il taglio dei parlamentari che è diventata legge.La Camera,quindi,ha dato il via libera definitivo con la riduzione dei deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200.Sono stati quelli favorevoli 553 deputati,i contrari 14 e solo 2 gli astenuti.A favore si sono espressi non solo il Movimento 5 Stelle,Pd,Leu e Italia Viva ma anche Lega,Forza Italia e Fratelli d'Italia.Malcontento tra diversi esponenti dei pentastellati e per tutti è intervenuto in aula Andrea Colletti che ha espresso il suo dissenso sottolineando che forse era meglio puntare ad oltre riforme che avrebbe portato risparmi superiori come ad esempio il superamento del bicameralismo perfetto o il monocameralismo.Il Pd ha cambiato radicalmente posizione,da un "no" convinto a difesa "della casa della democrazia" al "si" altrettanto convinto a patto che vengano inseriti correttivi come ad esempio la revisione del sistema elettorale.L'importante,per Di Maio,strappare la vittoria di un argomento che nel partito era nell'agenda da sempre anche durante il governo precedente con la Lega.Tutti d'accordo alla fine anche se c'è il sospetto che l'ok definitivo sulla riduzione degli eletti sia stato deciso soprattutto per allontanare la eventuale ipotesi di elezioni anticipate.Un capitolo a parte meritano i risparmi per le casse dello Stato.Di Maio parla di 1 miliardo "per i cittadini" invece,per gli esperti,ci sarà un minore aggravio di spese per 81,7 milioni l'anno (408,5 milioni a legislatura).

SUPERENALOTTO,LA GROSSA VINCITA RECORD DA 209 MILIONI DI EURO E' STATA FINALMENTE RISCOSSA

(8-10-2019) Ricordate la schedina vincente al Superenalotto da 209 milioni della quale si erano perse le tracce da qualche mese?Ebbene il premio è stato riscosso e naturalmente non si sa il vincitore.Tutto è segreto ed è normale in questa situazione per la vincita record di cui si parla perchè è la più alta mai assegnata nella storia.La schedina vincente è stata giocata a Lodi il 13 luglio con un tagliando da 2 euro e il vincitore aveva tempo 3 mesi,fino al 14 novembre,per riscuotere la vincita altrimenti l'avrebbe incamerata lo Stato.Per la riscossione non si è presentato il vincitore ma a incassare la grossa cifra ci penserà l'ente bancario incaricato.Lo Stato però sarà vigile e saranno monitorati gli eventuali passi falsi del fortunato super ricco.

SARDEGNA,UNA CONTRORIFORMA SANITARIA CHE NON PIACE
ONCOLOGICO E MICROCITEMICO ACCORPATI AL POLICLINICO?
CAMICI BIANCHI SUL PIEDE DI GUERRA:"UN'ASSURDITA'"

di Danilo Perseu
(7-10-2019) C'è una controriforma sanitaria per gli ospedali di Cagliari che non piace.Oncologico e Microcitemico(
foto TERZA PAGINA) ancora nel mirino dopo che gli stessi ospedali sono finiti accorpati al Brotzu tre anni fa in un mix che alla fine ha danneggiato di molto le eccellenze di via Jenner e ha contribuito a mettere in difficoltà reparti,medici e lo stesso modo di lavorare.E' questa l'opinione prevalente di questa alchimia più politica che sanitaria che è esplosa in un'assemblea aperta ai medici e a quanti hanno a che fare con i pazienti nella quale sono emerse difficoltà logistiche ma anche di metodo,si pensi alla riorganizzazione dei laboratori super specialistici del Microcitemico,oltre alle competenze proprie e di grande rilevanza riconosciute a livello internazionale.E' opinione diffusa che questi due ospedali dopo essere stati da traino per il Brotzu,nel 2015,adesso dovrebbero,stante alla bozza della nuova riforma della Sanità,essere accorpati al Policlinico,in una decisione,hanno detto i camici bianchi nell'affollata assemblea di qualche giorno fa, che metterebbe in uno stato di appiattimento i due ospedali che sostanzialmente potrebbero essere utilizzati come ospedali di serie B.L'Oncologico e il Microcitemico,è stato osservato,sono nati per essere ospedali di rilevanza internazionale per la specificità e l'alta professionalità a tutti i livelli,l'Oncologico, mentre il Microcitemico è il punto di riferimento per le malattie rare e per la cura delle patologie correlate alla talassemia.Due ospedali di rilevanza internazionale che l'Europa ci invidia e che potrebbero essere potenziati il primo per la diagnosi e il trattamento delle patologie oncologiche e il secondo come ospedale pediatrico con particolare funzione per la specificità delle malattie rare e la talassemia.Per una volta tanto la Regione Sardegna pensi soprattutto ai malati e non a dare corso ad una architettura sanitaria che è destinata a fallire per non portare avanti un'impronta di alta professionalità e di cure molto specialistiche.


ADDIO ESTATE,A OTTOBRE
ARRIVANO LE GRANDI PIOGGE

ARIA FREDDA E FORTI
PIOGGE AL CENTRO SUD
TEMPERATURE GIU' NELLE ZONE
INTERNE DELLA SARDEGNA

di Giovanni Picchi
(6-10-2019)Gli esperti annunciano che ottobre sarà un mese di eventi estremi e di grandi piogge.Si sta andando lentamente al cambio di stagione abbandonando le spiagge e i tuffi in mare(
foto dal web/Social Chia-Domus de Maria,panorama spiaggia).E l'autunno apre con eventi atmosferici,col freddo e con la pioggia.Già a partire da questa settimana l'Italia sarà attraversata da un ciclone proveniente dalla Scandinavia che porterà aria fredda e forti piogge soprattutto nelle regioni centro-meridionali.In Sardegna il vento di grecale prenderà il sopravvento sul maestrale e darà una schermata insolita in tutta l'isola col conseguente arrivo della pioggia nella parte orientale del territorio.Le temperature subiranno variazioni con un abbassamento notevole soprattutto nelle zone interne.Da mercoledi 9 il fronte temporalesco arriverà anche al nord con nubifragi in Liguria,Veneto e Friuli Venezia Giulia e neve,a partire dai 2 mila metri,su tutto l'arco alpino.A partire dalla seconda metà di ottobre ci sarà una breve tregua poi nuovamente cali di temperature e piogge abbondanti.


SIAMO PRONTI PER
VIVERE SU MARTE?

NOTIZIA STRAORDINARIA E RIVOLUZIONARIA:GLI SCIENZIATI NASA DICONO CHE C'E' VITA SUL PIANETA ROSSO

di Lello Leo Cortes
(5-10-2019)Siamo pronti per vivere su Marte?E' un interrogativo lecito anche se la distanza dalla Terra,circa 225 milioni di chilometri,ci crea qualche problema ma per alcuni scienziati si deve andare oltre lo spazio e il tempo e pensare veramente ad un'altra Terra.In un'intervista al quotidiano britannico The Telegraph lo scienziato della Nasa Jum Green dice che siamo vicini ad avere notizie sconvolgenti,straordinari che ci farà ripensare alle informazioni che su Marte abbiamo acquisito nel tempo.Green ci interroga:siamo pronti per un annuncio rivoluzionario?Secondo gli scienziati la superficie di Marte è radioattiva ma probabilmente è sottoterra che c'è vita secondo il principio:dove c'è acqua c'è vita.E qui sta la notizia che rivoluziona le nostre convinzioni secondo le quali la vita,come intendiamo noi,si svolge sempre in superficie mentre Green afferma che su Marte è sottoterra che c'è vita.Tutto naturalmente da dimostrare e per farlo la Nasa a luglio del prossimo anno invierà un nuovo robot(
foto dal wweb/Social Il rover Curiosity)sul pianeta rosso alla ricerca di tracce di organismi viventi e attraverso precise perforazioni andranno a vedere in profondità.Il robot atterrerà su Marte a febbraio 2021 e la ricerca punterà ad avere le prove d'acqua sottoterra visto che la superficie è radioattiva.Jum Green è sicuro:le prove della vita su Marte arriveranno presto.


CONTINUANO GLI ATTACCHI DI RENZI A CONTE,SALE LA TENSIONE NEL GOVERNO
"CUNEO FISCALE DA RIVEDERE",IL PREMIER :NON FARE IL FENOMENO
LETTA:PATTO CON L'EX PREMIER
O ANDARE AL VOTO


di Luca Berni
(4-10-2019) Nel mirino il taglio del cuneo fiscale e la polemica questa volta è tutto all'interno del Pd.Renzi chiede uno sforzo in più per sviluppo e aumento degli stipendi ai lavoratori,però la coperta è corta e ci sono molte cose da fare.A rispondere a tono all'ex premier è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che si trova ad Assisi per le celebrazioni di San Francesco patrono d'Italia,il quale polemizza con Renzi dicendo di non soffermarsi sui 30-40 euro "lui ha dato molto di più ma ora abbiamo un patto di finanza pubblica che dobbiamo fare scelte oculate".Renzi,azionista di questa maggioranza,ha le sue ragioni per rilanciare la sua proposta,lui,del resto,se ne intende,quando era premier, per aver dato 80 euro in più al mese ai lavoratori aventi diritto.Ed è subito polemica tra Conte e Renzi(
foto dal web/Social),due personaggi che invece di coesistere e programmare soluzioni per il bene del paese litigano per rafforzare le loro convinzioni.Poi l'affondo di Conte:"Non abbiamo bisogno di fenomeni",in pratica chi è al governo deve fare scelte oculate e chi invece è fuori dall'esecutivo la "spara grossa" e fa il "fenomeno".E se avesse ragione Renzi?Del resto l'ex premier aveva sostenuto di fare più tagli sul piano della spesa, con due priorità:la prima è la spesa per beni la seconda è rimodulare il debito.Il governo si è espresso diversamente ed è chiaro che il picconatore Renzi abbia una veduta diversa che alla lunga potrebbe mettere a repentaglio la tenuta dell'esecutivo.La fase è complicata ed è molto seria.Renzi ha bisogno di visibilità,è continuamente in tv(dice Conte) per sostenere le sue ragioni,forse fa il fenomeno ma sicuramente ha un piano per riposizionarsi al vertice.Per Enrico Letta,anche lui ex premier,che conosce bene Renzi,si tratta di una situazione di "Vietnam quotidiano" e chiede che Conte e Zingaretti abbiano il coraggio di intervenire con forza sull'-alleato" di "Italia Viva" con un patto preciso sui contenuti e sulle procedure.Renzi firmerà questo accordo?Sicuramente no,lo ha detto diverse volte,è politico libero che ascolta le sue convinzioni e i suoi ragionamenti.La conclusione?Letta dice che è tutto tempo sprecato perchè questo governo,con un Renzi picconatore,non mangerà il panettone.Che Renzi,alla fine,faccia gli interessi di Salvini e soci?



CONTINUANO I SUCCESSI DI
"ULISSE,IL PIACERE DELLA SCOPERTA"
ALBERTO ANGELA RACCONTA L'INTRIGANTE STORIA DI MARIA ANTONIETTA,L'ULTIMA REGINA DI FRANCIA

di Sonia Thery
(4-10-2019) Ritorna "Ulisse,il piacere della scoperta" ed è subito un successo.Del resto Alberto Angela(
foto dal web/Social),il grande divulgatore scientifico e non solo della Rai,ci ha abituato a questi straordinari reportage storici e culturali sulla nostra amata Italia che ogni volta che si ripresenta,con altri appuntamenti suggestivi,cresciamo sempre a livello culturale per le informazioni e le immagini che vengono mandate in onda.E le sue trasmissioni diventano eventi imperdibili.Sue le straordinarie puntate su Venezia,in un affascinante viaggio notturno per raccontare il passato della città anche attraverso i suoi personaggi storici come Goldoni e Marco Polo,ma anche su Firenze e San Pietro per non parlare del grande evento "Stanotte a Pompei" dedicate alle città vesuviane sepolte dal Vesuvio nel 79 dopo Cristo.Trasmissioni tutte andate in onda rigorosamente in prima serata per la gioia di grandi e piccoli,un palcoscenico sempre più numeroso per un appuntamento difficilmente da non perdere.Alberto Angela non è più conosciuto come figlio del celebre volto di "Quark" Piero,ma ha una sua autonomia ed ha smesso da tempo di essere all'ombra del celebre padre per prendersi con merito la scena ed essere indicato come uno dei più straordinari divulgatori storico-culturali della televisione italiana.Del resto i successi delle sue straordinarie trasmissioni lo dimostrano.Alberto Angela riparte con nuove puntate di "Ulisse,il piacere della scoperta" e la prima trasmissione è stata dedicata a Gerusalemme ai tempi di Gesù.E' stato un sabato sera elettrizzante e il pubblico è stato numeroso tanto che la sfida con Maria De Filippi è stata vinta proprio dalla trasmissione di Alberto Angela che ha fatto registrare il 20% di share con 3 milioni 614 mila telespettatori,sotto invece il programma di Canale 5.Secondo appuntamento con la storia proprio questo altro sabato 5 ottobre con la puntata dedicata a Maria Antonietta,l'ultima regina di Francia.Si racconterà la triste parabola e la leggenda nera che la storia ha scolpito sulla sua figura.Alberto Angela ci farà entrare nella reggia di Versailles e racconterà la storia della regina arrivata sul suolo francese appena quattordicenne.Spazio alla sala degli specchi e ai maestosi giardini oltre agli appartamenti privati della regina.Una settimana dopo,il 12 ottobre,Alberto Angela è in Sicilia per raccontare l'isola gattopardiana,un altro evento da non perdere per dimostrare che anche la cultura in prima serata ha i suoi successi e le sue emozionanti e straordinarie vicende.


TEMPO DI NOBEL,IMPAZZANO
I NOMI PER I PREMI PIU' PRESTIGIOSI

I BOOKMAKER PUNTANO SU GRETA THUNBERG PER IL NOBEL PER LA PACE

di Peter Moore
(3-10-2019) I bookmaker non hanno dubbi e puntano su Greta Thunberg(foto dal web/Social) per il Nobel per la Pace. E' tempo di Nobel,quindi,e dal 7 ottobre ci sono diversi premi da assegnare a persone o organizzazioni che si sono distinti in diversi settori dall'economia,alla medicina,dalla letteratura alla fisica.E naturalmente c'è il grande rebus per il Nobel della pace che ha già scatenato polemiche e del quale se ne sta parlando da mesi ma molti comunque concordano che la persona più indicata è la giovane attivista climatica Greta Thunberg.Così pure i bookmaker londinesi,che sanno su cosa scommettere,che hanno indicato in Greta la grande favorita al prestigioso premio la quale ha dato vita al più grande movimento globale sui cambiamenti climatici mai esistiti come i "FridaysForFuture",una lotta che ha messo d'accordo premi Nobel ma anche milioni di persone che hanno manifestato per giorni per sensibilizzare l'opinione pubblica e i governanti di mezzo mondo.Ma non tutti sono dell'avviso di premiarla perchè troppo giovane mentre altri dicono che è stata manipolata e diversi scienziati evidenziano che il legame tra riscaldamento globale e conflitti armati resta da dimostrare.La sua incoronazione,insomma,non è scontata anzi potrebbe essere "molto improbabile".Al momento bocche cucite per il Comitato norvegese per il Nobel che non ha rivelato l'identità sia del Nobel per la Pace e sia per tutti gli altri nominati.In tutto ci sono 301 candidature nel 2019 a 223 personalità e 78 organizzazioni.Ma non c'è solo l'attivista climatica Greta Thunberg per il Nobel per la pace perchè l'elenco è nutrito e comprende,tra l'altro,anche Papa Francesco ma ci sono anche Angela Merkel e Donald Trump.Ma,stando ai scommettitori londinesi,Greta supera tutti e per alcuni è al 44% per altri supera i 50%.



SARDEGNA,PRIMA I SARDI E LA REGIONE CHIUDE IL COORDINAMENTO DEI MIGRANTI
VALTER PISCEDDA DEL PD:ATTO INSENSIBILE E FORTEMENTE POLITICO
"PRONTA UNA MOZIONE PER DARE SOSTEGNO AI MIGRANTI"

di Danilo Perseu
(3-10-2019) Prima i sardi,con questo slogan,che si sta rivelando più concretamente una situazione reale da perseguire ad ogni costo,la Giunta Centrodestra del presidente della Regione Sardegna Christian Solinas ha messo a tacere il progetto relativo all'accoglienza dei migranti della Giunta precedente del Pd Francesco Piagliaru denominata "Ufficio di coordinamento regionale per l'accoglienza migranti" in scadenza il 31 dicembre 2019.Su proposta dell'assessore leghista agli Affari generali Valeria Satta le risorse umane e finanziarie saranno attribuite alla Direzione generale del Lavoro.Un Ufficio migranti che non esisterà più nonostante continuino ad arrivare gli immigrati che su gommoni e barchini sbarcano sulle coste sarde.E questa situazione sicuramente porrà dei problemi perchè non ci sarà più quel coordinamento regionale che si rapportava con le prefetture,la polizia e le Asl a meno che le sue attribuzioni non andranno in capo alle varie prefetture.A prendere posizione su questa iniziativa è stato il consigliere regionale del Pd Valter Pischedda che ha parlato di insensibilità sul problema arrivando a considerare l'atto regionale come "razzista e xenofobo".Nulla di tutto questo,precisa il consigliere regionale della Lega Annalisa Mele che risponde per le rime al collega dell'opposizione il quale,comunque,ha depositato una mozione per rimettere,in qualche modo,il sistema preesistente.



HONG KONG,LA POLIZIA SPARA PER LA PRIMA VOLTA CONTRO UN MANIFESTANTE
CONTINUANO GLI SCONTRI ANCHE
NEL GIORNO DELLA FESTA DI XI

LA CINA MOSTRA I MUSCOLI:SOLDATI,
MISSILI SUPERSONICI E IL TEMIBILE DF


di Peter Moore
(1-10-2019) La Cina ha celebrato il 70° anniversario della sua fondazione a Pechino ma la grande manifestazione a Tiananmen(
foto dal web/Social),esempio muscolare di un Paese che non ha tradito le sue aspettative con la più grande parata militare della sua storia a cui hanno partecipato oltre 100 mila persone,è stata oscurata dalle vibranti proteste di Hong Kong in un'escalation di scontri violenti tra i partecipanti,numerosissimi,e la polizia.La giornata di grande tensione e di rabbia era nell'aria,anticipata nei giorni precedenti con atti di protesta di grande intensità,culminata proprio in occasione della grandiosa parata a Pechino,con la presenza dei terribili Df 41 capaci di trasportare dieci testate nucleari, per celebrare non solo l'anniversario della Repubblica popolare ma anche la forza di una grande potenza con la sfilata militare e civile faraonica sotto lo sguardo del presidente Xi Jinping.Circostanza oscurata dagli eventi a Hong Kong dove negli scontri terribili c'è scappato quasi il morto:la polizia ha colpito al torace un attivista.E' in ospedale e lotta tra la vita e la morte,un caso assurdo e sarebbe la prima volta che un manifestante viene colpito con un'azione da brividi che molti hanno condannato per la crudeltà dell'esecuzione.Gli scontri si sono verificati a lungo e la polizia ha fatto numerosi arresti e molti sono stati i feriti.Ma la protesta violenta dei manifestanti,che va avanti da tre mesi con atti di grande rilievo e di partecipazione collettiva,non si fermerà per il giorno dell'anniversario della Cina,ci saranno altre proteste perchè Hong Kong vuole quella democrazia promessa che la Cina adesso vuole negare.



BENVENUTI NELLA CROCIERA
PIU' COSTOSA DEL MONDO

CON UN MILIONE DI STERLINE UN VIAGGIO DI 123 GIORNI,IN SPAZI INCANTEVOLI E CON UN JET PRIVATO

di Sonia Thery
(2-10-2019) In tempo di crisi e di ristrettezze ogni tanto sognare fa bene però,in questo caso,è un vantaggio che riguarda i ricchi,quelli da sette o otto zeri.La notizia è che è stata lanciata la crociera più costosa del mondo.La SixStarCruises,la Compagnia di navi da crociera di lusso,ha annunciato un pacchetto di crociera da 1 milione di sterline.Durante il viaggio superlusso,che durerà 123 giorni,si visiteranno 41 porti in 11 paesi.All'interno ampi spazi(
foto dal web/Social All'interno della Regent Suite su Seven Seas Explorer),un proprio centro benessere e un balcone privato.Nel corso dei viaggi a disposizione trasferimenti in elicottero e voli in prima classe con autista.Per l'incredibile cifra si potrà alloggiare in cinque hotel di prestigio come a Dubai,Sydney e Tokyo.Prendete nota.La crociera inizierà l'11 novembre 2021 con partenza in aereo in prima classe da Londra a Dubai dove ci sarà un soggiorno di tre notti nella Royal Two Bedroom Suite.E' solo l'inizio di un itinerario da sogno.La crociera terminerà il 22 marzo 2022.


DALLA CARTA STAMPATA AL WEB - TERZA PAGINA è ONLINE - LA PUBBLICITA' INSERITA E' PUBBLICATA GRATUITAMENTE | terzapagina_2006@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu