TERZA PAGINA


Vai ai contenuti

CAGLIARI, CAMPIONATO 2020-2021

PAREGGIO TRA CAGLIARI E SPEZIA (2-2), RISULTATO BUGIARDO
ROSSOBLU' PRIVI DI NANDEZ,
GODIN E SIMEONE NON SFONDANO

POSITIVO IL BUON RITORNO DI PAVOLETTI, CRAGNO SEMPRE AL TOP

di Carmelo Alfonso
(30-11-2020) Sarebbe bastato chiudere la partita qualche secondo prima , o, meglio, una lettura pi¨ attenta del VAR, ed ora si parlerebbe e scriverebbe di un Cagliari tornato alla vittoria, capace di rispondere subito all'exploit dell'Udinese tenendola ancora a debita distanza, e di conservare una buona posizione in classifica, comunque lontano dalla zona calda. Invece i rossoblu, privi di gente
come Nandez, Godin e Simeone ( bloccati dal coronavirus), e di tanti altri per infortunio, hanno dovuto accontentarsi di un pareggio che muove la classifica ma che li tiene ancorati oltre il decimo posto. Lo Spezia, al di lÓ del pareggio conseguito in extremis su calcio di rigore molto dubbio se non inesistente, ha dominato nella prima parte della gara quando il Cagliari Ŕ apparso quasi frastornato, incapace di imporre il proprio gioco e un pizzico di pericolositÓ sotto rete nonostante il ritorno di Pavoletti. Poi la ripresa, i due gol, e il vantaggio conservato fino a pochi istanti prima del triplice fischio. Per Di Francesco un risultato bugiardo e tanti rimpianti. Per le assenze innanzitutto, e per alcune occasioni mancate. Resta, di positivo, il buon ritorno di Pavoletti (
foto dal web/Social); la conferma del valore di alcuni giovani; la bravura di Cragno. Ma resta, in molti, anche la convinzione che si stia disputando un campionato "falsato". Si continua a giocare per poter assegnare uno scudetto : senza pubblico, senza grandi entusiasmi. Si continua. Domenica il Cagliari sarÓ di scena a Verona , alle 12, 30. Orari a richiesta.


PAREGGIO ALLA SARDEGNA ARENA
TRA CAGLIARI E SPEZIA (2-2)
I ROSSOBLU' ACCAREZZANO IL
SUCCESSO CON PAVOLETTI

BEFFA AL 94': IL PARI ARRIVA SU
RIGORE SEGNATO DA NZOLA


di Franco Vecchiarecchi
(29-11-2020) Pareggio alla Sardegna Arena tra il Cagliari e lo Spezia (2-2: 36' Gyasi, 51' Joao Pedro, 59' Pavoletti, 94' rig. Nzola) nel corso di un incontro molto vivace. La rete del pareggio dei liguri, quando ormai si stava delineando la vittoria dei rossobl¨ per 2 a 1, Ŕ stata segnata su rigore al 93', una bella doccia fredda che non ci voleva visto che la partita stava per ultimare le sue ultime battute di gioco. Purtroppo si gioca fino alla fine e quei tempi supplementari sono stati motivo per pareggiare la partita. Non so se il 2 a 2 sia un risultato giusto, sicuramente il Cagliari ha avuto qualche problema nel corso del primo tempo, mentre lo Spezia ha mostrato di giocare con disinvoltura, veloce e attento e in fase difensiva ha mostrato sicurezza e determinazione. Farias in campo, l'ex di turno, sfiora per ben 2 volte il gol e nella seconda conclusione Cragno si prodiga per evitare la rete. Il Cagliari Ŕ in ansia e non riesce a concludere in fase d'attacco. Solo sul finire della prima parte della gara c'Ŕ un sussulto di Walukiewics che di testa sfiora il gol. Qualcosa Ŕ cambiato nello spogliatoio cagliaritano, evidentemente Di Francesco ha rivisto la tattica dei rossobl¨ che Ŕ stato a tratti confusa e non produttiva. E l'inizio del secondo tempo il Cagliari ha cambiato passo, Ŕ stato tatticamente pi¨ efficace e agonisticamente pi¨ proponso ad andare avanti con pi¨ determinazione. I rossobl¨ sono diversi e studiano per riprendersi la partita. Al 7' arriva il pareggio dei rossobl¨ con Joao Pedro che col destro infila Provedel sul secondo palo. Da quel momento in poi il Cagliari ci crede e dopo altri 7 minuti confeziona il vantaggio ad opera di Pavoletti(foto dal web/Soial): Ounas passa palla a Zappa che individua Pavoletti sul primo palo che di tacco beffa Provedel. Bellissima rete di Pavoletti che torna alla rete dopo oltre un anno di infortuni. E' il 59' e c'Ŕ ancora molto da giocare e tutti pensano alla vittoria del Cagliari. Ma non Ŕ cosý, perchŔ al 94' arriva il rigore che cambia tutto: c'Ŕ stato un contatto Klavan-Piccoli in area e l'arbitro decreta il rigore e a questo proposito c'Ŕ stata la conferma del Var. Sul pallone Nzola che spiazza Cragno. Un minuto dopo triplice fischio di Marini.



NONO TURNO DI CAMPIONATO ALLA SARDEGNA ARENA: CAGLIARI- SPEZIA (ORE 18,00)
I ROSSOBLU' SENZA GODIN,
SIMEONE E NANDEZ
PRONTI A SCENDERE IN
CAMPO PAVOLETTI E KLAVAN

di Franco Vecchiarecchi
(28-11-2020) Nelle ultime due partite il Cagliari ha perso in trasferta contro la Juventus (2-0) e ha vinto alla Sardegna Arena contro il Verona qualificandosi agli ottavi di Coppa Italia grazie al punteggio di 2 a 1. A distanza di qualche giorno altro incontro per la nona giornata di campionato, sempre in casa contro lo Spezia. E' la classica partita di centro classifica tra due squadre che vogliono emergere e puntano ad un posto pi¨ onorevole, lontano dalla zona di retrocessione. I rossobl¨ in 8 partite hanno conquistato 10 punti, uno in meno la squadra ligure. Lo Spezia ha acquisito 2 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte e il tecnico Vincenzo Italiano ha 4 punti sul penultimo posto. Gli aquilotti scendono in campo senza Mattiello, Pobega, Mora e Bartolomei mentre nel Cagliari saranno assenti, causa coronavirus, Godin, Simeone e Nandez ed Ŕ chiaro che entrambi gli allenatori studieranno le contromosse necessarie. Quasi certamente Di Francesco si affiderÓ a Cerri ma c'Ŕ anche Pavoletti(
foto dal web/Social) che ha bisogno di giocare per dare il massimo, mentre in difesa Klavan e Tripaldelli dovrebbero sostituire Godin e Lykogiannis.


DI FRANCESCO: LA JUVE E' PIU' FORTE E HA MERITATO DI VINCERE
FORSE DETERMINANTI LE
ASSENZE DI NANDEZ E GODIN

CAMPIONATO FALSATO DA VARIE SITUAZIONI ECCO PERCHE'

di Carmelo Alfonso
(22-11-2020) D'accordo con Di Francesco : la Juventus Ŕ pi¨ forte del Cagliari ed ha meritato di vincere. Il commento della partita tra bianconeri e rossoblu potrebbe concludersi qui, ovvero dando a Pirlo ed ai suoi giocatori ci˛ che Ŕ di Pirlo e della sua squadra. Ma resta in noi una convinzione : questo Ŕ un campionato falsato da situazioni che con il gioco del calcio niente hanno da spartire. Poteva,anzi, doveva funzionare meglio l'organizzazione in un periodo che richiederebbe la massima attenzione per non danneggiare ulteriormente le SocietÓ vittime del coronavirus. E cosý, amichevoli giocate dall'Uruguay con Colombia e Brasile hanno privato il Cagliari, alla vigilia del confronto con i campioni d'Italia, di due elementi importanti, forse decisivi, come Godin ( risultato positivo al Covid 19 ) e Nandez ( tenuto prudenzialmente fermo per essere stato a contatto con il compagno di nazionale ) . Poteva, il Cagliari, in un momento tanto delicato per il mondo intero, dire no alla convocazione dei suoi due giocatori uruguaiany e di altri impegnati con le nazionali dei loro Paesi ? Una domanda che rivolgiamo alle organizzazioni federali . Naturalmente sono considerazioni che valgono per tutti non soltanto per il calcio italiano. Il Cagliari ha perso, forse anche per le assenze di giocatori come Nandez e Godin che hanno costretto Di Francesco (
foto dal web/Social) a rivoluzionare formazione e gioco, ma la sconfitta con la Juventus ( specie se non si tira in porta ) ci pu˛ anche stare. Ma non ostiniamoci a chiamarlo campionato regolare.

LA JUVENTUS TORNA AL SUCCESSO BATTENDO IL CAGLIARI (2-0)
TROPPA JUVENTUS CON UN
DEVASTANTE RONALDO

ROSSOBLU' DINAMICI, MA MAI
PERICOLOSI IN AREA BUFFON


di Franco Vecchiarecchi
(21-11-2020) Ronaldo (
foto dal web/Social) batte il Cagliari per 2 reti a 0 e Pirlo sorride. La Juventus ha vinto e mette nel sacco 3 punti preziosi contro un Cagliari per niente demotivato, del resto la vittoria dei bianconeri era scontata e vincere Ŕ stato pi¨ un esercizio di conferma che un impegno gravoso. I ragazzi di Pirlo vincono e convincono e conquistano altri 3 punti fondamentali per la classifica ma devono lottare per arrivare ai vertici. Contro il Cagliari Ŕ stato facile, sempre produttivi in fase d'attacco, convincenti, decisamente cinici. Ha segnato e ha fatto vincere la Juventus il solito Ronaldo, il campione, l'unico che poteva perforare il muro rossobl¨. E' stato lui a sbloccare e trovare il raddoppio in 4 minuti, poi pi¨ nulla segno che il Cagliari c'era e non ha mai abbassato la guardia. Dopo un primo tempo di marca bianconero e con 2 reti all'attivo, il Cagliari cerca di mettere ordine per ripartire e cercare quantomeno il pareggio anche se contro i ragazzi di Pirlo non era facile per la loro capacitÓ di essere squadra e di essere convincenti con alcuni fucilieri come Ronaldo. Eppure nel secondo tempo il Cagliari ha reagito bene, ha tenuto testa ai campioni ma non tutto Ŕ filato nel verso giusto. La reazione d'orgoglio Ŕ stato insufficiente per raddrizzare la partita. Troppa Juventus, e un Ronaldo devastante, perchŔ il Cagliari potesse alzare la testa, ma da questo incontro ci sono motivi sufficienti per programmare il vero collettivo rossobl¨ al prossimo appuntamento quando la squadra sarÓ al completo.



DOPO DUE SETTIMANE DI STOP, E' IL GIORNO
DI JUVENTUS - CAGLIARI (ORE 20,45)

LA JUVE CON QUALCHE PROBLEMA, ASSENTI BONUCCI E CHIELLINI
CAGLIARI SENZA PAURA, DI FRANCESCO: TORNEREMO A TESTA ALTA

di Franco Vecchiarecchi
(20-11-2020) Dopo due settimane di stop per le nazionali, Ŕ il giorno di Juventus - Cagliari, partitissima e quasi un derby per i rossobl¨ che da sempre puntano a non sfigurare contro la Vecchia Signora e sognano la vittoria. All'Allianz Stadium di Torino si accenderanno i riflettori tra due squadre che sono alla ricerca di una identitÓ. La Juventus ha qualche problema e non Ŕ performante come in altre stagioni a vantaggio di altre squadre come il Milan e il Napoli, ai vertici in classifica assieme al Sassuolo, grande rivelazione di questo campionato. Nella formazione allenata da Pirlo mancano le colonne difensive Bonucci e Chiellini ed Ŕ una bella notizia per il Cagliari a vantaggio dei suoi fugilieri anche se il collettivo di Di Francesco lamenta inferioritÓ in difesa dove ci sarÓ molto da lavorare per completare la rivoluzione del nuovo tecnico rossobl¨. Per Pirlo l'incontro col Cagliari Ŕ una gara fondamentale perchŔ, dice il tecnico, potrebbe essere l'inizio della ripresa di crescita. Punta alla vittoria e sprona i suoi ragazzi ad avere spirito combattivo per raggiungere il risultato. Brutte notizie anche per il Cagliari che deve fare a meno di Diego Godin e Nahitan Nadez, elementi importanti assenti proprio in un momento di crescita della squadra. Per Di Francesco (
foto dal web/Social) Ŕ un test di rilievo in un momento nel quale il Cagliari sta cercando gli equilibri giusti e la forza necessaria per essere pi¨ squadra lavorando con compattezza. Contro i bianconeri DiFra non ha deciso quale modulo adottare, valuterÓ ogni possibilitÓ sul momento. "Andiamo a giocarcela senza paura, dice l'allenatore rossobl¨, cercheremo di metterli in difficoltÓ". Il Cagliari, insomma, andrÓ a Torino per tornare in Sardegna a testa alta.



STRANO
CAGLIARI: DELUDE COL BOLOGNA
E RISUSCITA CON LA SAMPDORIA

VITTORIA CON I BLUCERCHIATI, SEGNALE POSITIVO DOPO MOLTE CRITICHE
DOPO LA PAUSA PER LA NAZIONALE,
IL 21 SI GIOCA CONTRO LA JUVENTUS


di Carmelo Alfonso
(8-11-2020) L'abbiamo scritto altre volte : Ŕ un Cagliari che delude e poi risuscita; pu˛ perdere col Bologna, sia pure di stretta misura ma raccogliendo molte critiche, e poi "castigare" la Sampdoria di Claudio Raniieri. E' questo il Cagliari targato Di Francesco (
foto dal web/Social) che sconforta i tifosi e poi li esalta; che fa infuriare e poi rasserena. E ancora : nelle precedenti sei partite, pur segnando a ripetizione ( dodici reti ), non era mai accaduto di chiudere la gara con Cragno imbattuto. Infine, Ŕ quella rossoblu la squadra che, nella particolare classifica dei marcatori, pu˛ contare la presenza di due suoi attaccanti ( Joao Perdro e Simeone : cinque reti ciascuno) tra i primi sette realizzatori. PressochÚ impossibile, in sostanza, esprimere giudizi su questo Cagliari senza correre il rischio di essere immediatamente smentiti. E cosý , quella difesa che proprio sette giorni prima contro il Bologna era apparsa particolarmente vulnerabile, contro i liguri non ha mai consentito che Cragno venisse chiamato a sbrigare situazioni difficili. Merito anche del centrocampo, che ha ben protetto la difesa, ma che ha pure contribuito al successo col solito strepitoso Nandez , e con Ounas che nella sua prima da titolare ha fatto delle buone giocate, compreso l'assist a Joao Pedro nell'azione che ha costretto Tonelli a commettere il fallo da rigore. E' arrivata la vittoria, ma anche la conferma che, in attesa del totale recupero di Pavoletti, il reparto avanzato di questo Cagliari pu˛ contare, oltre che su Joao Pedro e Simeone, su un ottimo Sottil. Ora il campionato si concede una pausa per gli impegni della nazionale. I rossoblu torneranno in campo sabato 21 novembre a Torino contro la Juventujs ( ore 20,45). Che Cagliari vedremo?



SECONDA VITTORIA CONSECUTIVA
IN CASA CONTRO LA SAMP (2-0)

A SEGNO JOAO PEDRO,
SU RIGORE, E NANDEZ

DI FRANCESCO: VOLEVAMO
VINCERE E ABBIAMO VINTO


di Franco Vecchiarecchi
(7-11-2020) Il Cagliari vince contro la Sampdoria (2-0 : 48' J.Pedro, 69' Nandez) alla Sardegna Arena e riscatta la sconfitta con il Bologna della scorsa settimana. Oltre alla vittoria aggancia in classifica, a 10 punti, i blucerchiati che hanno dimostrato voglia e determinazione soprattutto nel corso della prima parte della gara. Le reti sono di Joao Pedro su rigore al 48' e Nandez al 69'; per il brasiliano si tratta della quinta rete nelle prime 7 giornate, un'impresa che solo Gigi Riva, che compie 76 anni, ci era riuscito. La partita non ha avuto molti sussulti e i ragazzi di Ranieri sono stati pi¨ bravi dei sardi per tutto il primo tempo o perlomeno fino a quando la Samp era riuscita a tenere in campo tutti i giocatori. Poi la sciocchezza di Augello al 40' e la sua espulsione e da quel momento cambia tutto. Il Cagliari in superioritÓ numerica ha avuto la spinta giusta per dominare per tutta la ripresa. Al 3' del secondo tempo il Cagliari va a segno: c'Ŕ un fallo di Tonelli su Joao Pedro in area e l'arbitro concede il rigore che viene trasformato dallo stesso brasiliano. Il raddoppio del Cagliari al 24', sempre del secondo tempo: Simeone lancia Nandez (
foto dal web/Social) che si smarca prima di Yoshida e poi di Candreva e batte Audero in uscita. Nove minuti dopo il Cagliari ha la possibilitÓ di segnare la terza rete ma Ounas Ŕ in fuorigioco e la rete Ŕ annullata. Una vittoria giusta, quella del Cagliari, mentre per la Samp si tratta di un brutto stop dopo le tre vittorie consecutive e il pareggio nel derby col Genoa. Per Ranieri l'espulsione Ŕ giusta ma il rigore Ŕ troppo severo.Di Francesco, allenatore rossobl¨, Ŕ naturalmente soddisfatto anche per non aver subito gol, e dice :"Mi aspettavo di vincere e abbiamo vinto".



SETTIMA GIORNATA, IL CAGLIARI SFIDA LA SAMPDORIA (SARD. ARENA ORE 15,00)
LA STATISTICA E' DALLA
PARTE DEL CAGLIARI

DI FRANCESCO: SAMPDORIA?
NON HO SETE DI VENDETTA


di Franco Vecchiarecchi
(6-11-2020) Settima giornata di campionato e impegno di cartello, anche se di secondo livello, tra il Cagliari e la Sampdoria alla Sardegna Arena. Un'altra partita in casa, quindi, per la squadra rossobl¨ che punta a bissare la vittoria ottenuta, sempre tra le mura amiche, contro il Crotone(4-2). Non sarÓ facile sfondare e vincere contro i ragazzi di Ranieri, che hanno 3 punti in pi¨ del Cagliari a quota 7, ma ci provano nonostante il passo falso al Dall'Ara contro il Bologna (3-2), un incontro che avrebbe meritato altro risultato favorevole ai ragazzi di Di Francesco. Sia il Cagliari che la Sampdoria puntano ad una salvezza tranquilla, pi¨ i rossobl¨ che i blucerchiati che hanno la forza di avere qualcosa in pi¨ della permanenza nella serie A. Il Cagliari in casa solitamente si trasforma e acquista pi¨ padronanza e determinazione. Sono elementi che faranno la differenza oltre al fatto che i rossobl¨ hanno la statistica dalla loro parte avendo vinto contro i blucerchiati 24 volte, 30 pareggi e 14 sconfitte. Di pi¨: il Cagliari Ŕ imbattuto nelle ultime 10 partite casalinghe. Statistiche a parte c'Ŕ poi la questione Di Francesco (
foto dal web/Social) che l'anno scorso era sulla panchina blucerchiata ma Ŕ finita prima del tempo, un altro elemento sicuramente da considerare per l'allenatore cagliaritano che vorrÓ prendersi una rivincita anche se ci tiene a dire che "non ha sete di vendetta". Insomma ci sono tutti gli ingredienti per vincere la partita. Dall'altra parte, per˛, c'Ŕ Ranieri, conoscitore attento del Cagliari e personaggio che continua ad avere molte simpatie in Sardegna, che si aspetta una ripresa della sua squadra dopo il pareggio-derby col Genoa. Queste le probabili formazioni: Cagliari (4-3-3): Cragno; Zappa, Walukiewicz, Godin, Lykogiannis; Nandez, Marin, Rog; Sottil, Simeone, Joao Pedro. Sampdoria (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Tonelli, Augello; Jankto, Thorsby, Ekdal, Candreva; Keita Balde, Quagliarella.



IL TRIS DI
VITTORIE NON E' ARRIVATO,
DIFESA ANCORA DISTRATTA

DIVERSI ERRORI E DI
FRANCESCO NON E' CONTENTO
IL CAGLIARI CI RIPROVA
CONTRO LA SAMPDORIA

di Carmelo Alfonso
(1-11-2020) Il tris di vittorie tanto atteso non Ŕ arrivato: il Cagliari si Ŕ riscoperto improvvisamente distratto in difesa, e i non pochi errori commessi contro il Bologna hanno fatto infuriare Di Francesco (
foto dal web/Social) che nelle ultime giornate pareva avesse trovato la formula giusta. Purtroppo non Ŕ cosý, e le quindici reti incassate in sei giornate fanno della squadra rossoblu una delle pi¨ fragili nel reparto arretrato. Fortunatamente per il Cagliari, Cragno continua ad esprimersi su livelli molto alti e questo rendimento, anche contro il Bologna, ha evitato un passivo davvero preoccupante. I rimedi, almeno per il momento, non sono facili da trovare, anche per l'indisponibilitÓ di Ceppitelli, ma Di Francesco non pu˛ rischiare di presentare una squadra facilmente superabile anche contro la Sampdoria di Claudio Ranieri ( sabato,ore 15, Sardegna Arena). Considerato che Zappa offre buone garanzie, cosý come Farag˛; che il centrocampo ha in Nandez e Rog elementi quasi insostituibili, non Ŕ pensabile che Pisacane e Klavan restino a lungo in panchina. Per una difesa da rivedere, ecco un attacco da elogiare. Simeone ( cinque reti ) e Joao Pedro ( quattro ) continuano a farsi rispettare in zona-gol, e questo anche grazie al buon lavoro dei centrocampisti , con l'aggiunta di un Sottil che sa ben comportarsi sia in zona offensiva che in fase di ripiego. Cagliari da ridisegnare ? Nel reparto arretrato certamente, magari trovando, oltre agli uomini giusti, la formula migliore per garantire maggiore protezione a Cragno. Compito non facile per Di Francesco, ma il futuro del Cagliari passa anche attraverso decisioni fondamentali.


IL CAGLIARI VEDE LA VITTORIA
MA I 3 PUNTI VANNO AL BOLOGNA (3-2)

RIMONTA-SPETTACOLO
FIRMATA BARROW

NON BASTANO JOAO
PEDRO E SIMEONE


di Franco Vecchiarecchi
(31-10-2020) Il Cagliari al Dall'Ara vede la vittoria ma alla fine Ŕ il Bologna a prendersi i tre punti (3-2: 5ĺ pt Joao Pedro (C), 45ĺ pt Barrow (B), 2ĺ st Simeone (C), 7ĺ st Soriano (B), 16ĺ st Barrow -B- ). E' successo tutto nel secondo tempo, dopo che i rossobl¨ erano convinti di portare a casa il bottino, quando c'Ŕ stato uno scatto del fenomeno Barrow che ribalta il risultato negativo e porta la sua squadra alle stelle. La vittoria questa volta Ŕ di Mihajlovic e Di Francesco resta a bocca asciutta. Cosa non ha funzionato nel Cagliari? Forse la predisposizione di puntare alla vittoria senza averne i meriti di gioco, ma sicuramente per un pacchetto, la difesa, che ancora non Ŕ registrata a dovere e molte altre lacune che saranno controllate dall'allenatore per le prossime partite. Una squadra per vincere deve avere tutti i reparti in ordine, si vince tutti insieme. Gli attaccanti rossobl¨ hanno fatto la loro parte, la difesa meno. Il Cagliari si ferma dopo due vittorie e c'era la forza di prendere anche il terzo successo ma qualcosa alla fine non ha funzionato. Dopo essere andato per due volte in vantaggio Ŕ arrivato Soriano e poi il fenomeno Barrow. Alla fine si sono dovuti piegare anche le magie di Joao Pedro (foto dal web/Social) e Simeone. Il primo tempo si chiude in paritÓ (1-1) dopo la grande partita del Cagliari che si spegne dopo 15 minuti, cresce il Bologna e alla fine Ŕ il super Cragno che evita i gol. Nel secondo tempo il Cagliari raddoppia ma alla fine Ŕ il Bologna a stare sul podio.



SESTA GIORNATA DI CAMPIONATO, BOLOGNA - CAGLIARI (ORE 20,45)
I ROSSOBLU' A CACCIA DELLA
TERZA VITTORIA CONSECUTIVA

IN CAMPO STESSA FORMAZIONE,
UNICO DUBBIO SOTTIL O OUNAS

di Franco Vecchiarecchi
(30-10-2020) Il Cagliari a caccia del terzo risultato utile consecutivo. Dopo la bella vittoria in trasferta contro il Torino (2-3) e la prima vittoria in casa col Crotone (4-2), i ragazzi di Di Francesco ci provano contro il Bologna, una trasferta insidiosa che deve essere vagliata con molta attenzione. C'Ŕ stato poco tempo per prepararla ma i due allenatori hanno le idee chiare per prendersi i tre punti. Per Mihajlovic serve personalitÓ e ci˛ significa attuare quel salto di qualitÓ che non c'Ŕ stato e la classifica mette in evidenza difficoltÓ e criticitÓ. Il Cagliari pensa al tris, non sarÓ facile, come dice Di Francesco, sarÓ dura competere contro un collettivo che pu˛ nascondere slancio e determinazione. Il Bolongna scenderÓ in campo senza Santander per i prossimi 4 mesi e ci sarÓ meno scelte per il tecnico, in difficoltÓ per sfruttare i cinque cambi. Il Cagliari Ŕ nella condizione migliore per uscirne bene dalla trasferta, almeno cosý sperano tutti. I rossobl¨ hanno vinto mercoledi scorso in Coppa Italia contro la Cremonese e anche questo risultato ha creato un ambiente molto positivo che fa ben sperare per l'incontro di sabato 31 ottobre. La formazione rossobl¨ Ŕ pronta, Ŕ quella delle ultime partite anche se l'unico vero ballottaggio Ŕ quello tra Sottil e Ounas.



IL LAVORO DI DI FRANCESCO
COMINCIA A DARE I SUOI FRUTTI

PROVA CONVINCENTE DEL CAGLIARI CONTRO L'OTTIMO CROTONE
CRESCE IL GIOCO DI SQUADRA: DIFESA MENO DISTRATTA E ATTACCO PRODUTTIVO

di Carmelo Alfonso
(26-10-2020) Il lavoro di Di Francesco comincia a dare i suoi frutti . Per il Cagliari, due vittorie di fila con prove complessivamente convincenti, specie l'ultima contro l'ottimo Crotone, e finalmente un gioco di squadra chiaro; difesa meno distratta; reparto avanzato produttivo ( una media di due gol a partita); centrocampo composto da gente di carattere e con idee (Nandez su tutti ). Tuttavia, non
tutto, contro i calabresi, Ŕ sempre filato liscio ( specie in avvio di gara) , ma la crescita , anche contro la squadra di Stroppa, dopo l'esame positivo di Torino, Ŕ indubitabile, e l'attuale posizione in classifica Ŕ confortante. L'indisponibilitÓ - tra i difensori - di un giocatore importante come Ceppitelli, e di altri in vari ruoli (fortunatamente in ripresa), hanno "obbligato" Di Francesco a concedere piena fiducia a Lykogiannis ( autore, tra l'altro, di un grande gol) e Marin; affidarsi a giocatori meno noti come Zappa, Walukiewicz e Sottil (
foto dal web/Social), giovani ma di qualitÓ; assegnare a Joao Pedro un ruolo che ha aumentato il suo carisma e fatto crescere le sue doti di uomo-gol. Tutti ( o quasi ) promossi in questo "nuovo" Cagliari che lascia ben sperare. La partita di coppa ( domani, Sardegna Arena ) contro la Cremonese consentirÓ a Di Francesco di vedere all'opera altri giovani in attesa di farsi apprezzare, mentre sabato ( ore 20,45) contro il Bologna capiremo se per i rossoblu i sei punti conquistati contro Torino e Crotone Ŕ stata vera
gloria.




DOPO IL TORINO, IL CAGLIARI
REPLICA E STENDE IL CROTONE (4-2)

SPETTACOLO E TANTI GOL, L'EX
CIGARINI TRASCINA I CALABRESI

I RAGAZZI DI DI FRANCESCO
CALANO IL POKER DELLA VITTORIA


di Franco Vecchiarecchi
(25-10-2020) Spettacolo ma anche pregi e difetti tra Cagliari e Crotone, due squadre che si sono confrontati alla Sardegna Arena per rivitalizzare la loro posizione in classifica. Il risultato ( 4-2 : 21' Messias -Cr-, 25' Lykogiannis -Ca-, 35' Simeone -Ca-, 43' Molina -Cr-, 45' Sottil -Ca-, 85' Joao Pedro -Ca-), premia i rossobl¨ di Di Francesco con un perentorio 4 a 2 grazie all'armonia e alla velocitÓ che hanno saputo impiegare in campo i padroni di casa nel corso di tutta la partita. I rossobl¨ di Stroppa hanno mostrato grande vitalitÓ ma forse hanno peccato di troppa ingenuitÓ nell'affrontare la gara soprattutto imbastendola col possesso di palla, una tecnica che pu˛ andare bene se coadiuvata da azioni veloci verso la rete avversaria. Il Cagliari ha risposto manovrando molto in profonditÓ e questa nuova situazione alla fine ha pagato. La verticalitÓ voluta da Di Francesco sta avendo buoni risultati. Certo il Crotone Ŕ squadra di bassa classifica e non ha un trend da grande compagine, ma Ŕ collettivo che sa esprimersi ad alto livello in poche circostanze, come ha fatto nell'incontro con la Juventus costringendola al pareggio. Contro il Cagliari ha avuto diverse occasioni, Ŕ stata squadra tosta e pur andando al riposo in svantaggio per 3-2 ha giocato un primo tempo alla grande, grazie alla perfetta regia di Cigarini, il solito ex. Per vincere Ŕ necessario avere per˛ continuitÓ e non abbandonarsi alle cose egregie sviluppate solo nel corso del primo tempo. E' vero che il motore delle manovre dei rossobl¨ di Stroppa Ŕ Cigarini che ha dimostrato di essere non un calciatore solo al comando ma un autentico suggeritore di una squadra che tenta di crescere e di fare i risultati. Ma purtroppo quel giocatore viene espulso, dopo il secondo giallo quando entra duro su Joao Pedro, e la squadra resta in 10 e da quel momento in poi avviene la svolta perchŔ la differenza si sonota immediatamente. Non si sa se ancora con Cigarini il Crotone avrebbe approdato a un risultato finale diverso, sta di fatto che il Crotone da quel momento in poi ha vacillato, anche se ha avuto ancora qualche momento di gloria. E alla fine il risultato della vittoria della squadra di casa Ŕ giusto. Contento, naturalmente, il tecnico del Cagliari Di Francesco che riconosce da parte dei suoi la buona reazione dopo lo svantaggio " ma gli abbiamo concesso troppe chance". In pratica il tecnico cagliaritano Ŕ deciso: "Siamo stati bravi a tornare in vantaggio, ma dovevamo chiuderla prima". Per Stroppa la sua squadra ha mostrato poco coraggio e alla fine dice: "Meritavamo di pi¨".

QUINTA PARTITA DI CAMPIONATO:
CAGLIARI - CROTONE (SARDEGNA ARENA 12,30)

I ROSSOBLU' A CACCIA DELLA
PRIMA VITTORIA CASALINGA
DI FRANCESCO: DOBBIAMO
CRESCERE IN CONTINUITA'

di Franco Vecchiarecchi
(24-10-2020) Ecco il Crotone alla Sardegna Arena, una partita facile, si dirÓ, ma Ŕ sempre complicato fare il risultato prima dell'incontro. Di Francesco cerca continuitÓ dopo la vittoria contro il Torino (2-3) ma non sarÓ facile contro una squadra che ha conquistato il primo punto in classifica non contro una squadra qualsiasi ma contro la Juventus, campioni d'Italia in carica. I rossobl¨ si trovano a 4 punti in classifca, dopo una vittoria, una sconfitta, un pareggio e un'altra sconfitta in casa contro la Lazio, mentre il Crotone Ŕ in ultima posizione, col Torino, con un punto in classifica. Guardando il tabellino riassuntivo viene fuori che le due squadre hanno subito pi¨ gol in campionato. Per il Cagliari Ŕ un campanello d'allarme evidente perchŔ una difesa non proprio registrata mette a repentaglio il risultato e la tenuta della squadra. E' ovvio che l'allenatore Di Francesco continua a dire che Ŕ quel reparto che dovrÓ migliorare e l'inserimento del nuovo acquisto Godin potrebbe irrobustire la difesa e renderla pi¨ forte. L'attacco Ŕ pi¨ collaudato con 6 gol all'attivo, contro i 3 dell'avversaria, e saranno i confermati Joao Pedro, Simeone e Sottil a cercare la vittoria senza contare altri elementi, come Pavoletti (
foto dal web/Social) e Ounas, che potrebbero entrare a sorpresa in campo per chiudere l'incontro. L'allenatore Stroppa del Crotone non molla e chiede ai suoi ragazzi un altro scatto dopo quello contro la Juventus anche se non avrÓ a disposizione Djidji e Dragus, mentre si affida a Simy e Messias che giocheranno in attacco.


IL SUCCESSO DEL CAGLIARI FAVORITO DALL'ERRORE DELL'OTTIMO SIRIGU
STRAVOLTI TUTTI I REPARTI
NELLA SQUADRA ROSSOBLU'

E' LA RISPOSTA VINCENTE E
POSITIVA DI DI FRANCESCO


di Carmelo Alfonso
(19-10-2020) Cragno, ottimo portiere, ha evitato a Torino la beffa del pareggio con quella paratona all'angolo destro basso quando la gara stava per concludersi ed il Cagliari conduceva sui granata per 3 -2. Un vantaggio favorito da un errore dell'altrettanto ottimo Sirigu quando al termine mancavano una ventina di minuti. Sarebbe per˛ ingeneroso, oltre che riduttivo, pensare che il risultato finale sia dovuto ad una distrazione fatale del portiere nuorese, vice di Donnarumma in nazionale, cosý come sarebbe sbagliato attribuire soltanto a Cragno tutti i meriti per la prima vittoria dei rossoblu, per giunta in trasferta. E' stato un Cagliari diverso, nella formazione e nel comportamento, a costringere il Torino all'ennesima sconfitta. Di Francesco (
foto dal web/Social) ha praticamente stravolto tutti i reparti, puntando su alcuni elementi intoccabili come Rog, Nandez, Joao Pedro e Simeone, e per il resto affidandosi ad un gruppo di nuovi arrivati. Il risultato ha dato ragione al tecnico pescarese. La risposta - positiva - del " nuovo " Cagliari c'Ŕ stata, in particolare dalla trequarti in avanti, con le conferme degli uomini sui quali il tecnico punta per far recitare alla sua squadra il ruolo che tutti si attendono. Non tutto, a Torino, Ŕ comunque filato liscio specificatamente in difesa, ma Ŕ lecito attendersi dei miglioramenti specie quando il lavoro di Di Francesco potrÓ svolgersi senza tanti intoppi e consentirÓ il recupero di alcuni elementi importanti. La prossima gara con il Crotone (domenica, Sardegna Arena, ore 12.30) ci dirÓ se i progressi visti a Torino sono attendibili, oppure se si Ŕ trattato dell'entusiasmo di un giorno. Come Ŕ accaduto in passato.

PRIMA VITTORIA STAGIONALE DEL CAGLIARI SUL TORINO (2-3)
BELOTTI NON BASTA, JOAO
PEDRO E SIMEONE
FIRMANO IL SUCCESSO

DI FRANCESCO PUO' SORRIDERE

di Franco Vecchiarecchi
(18-10-2020) A festeggiare Ŕ il Cagliari che vince con merito all'Olimpico Grande Torino contro i ragazzi di Giampaolo (2-3: 4' Belotti,12' Joao Pedro, 19' Simeone, 49' Belotti, 73' Simeone) una partita molto sentita dalle due formazioni non fosse altro perchŔ entrambe cercavano con forza la vittoria. Il Cagliari, come il Torino, era a secco di successi in un avvio di campionato non brillante anche se il campionato Ŕ lungo e complicato per la situazione critica del coronavirus. E i contagi entrano con forza in serie A e molte squadre registrano dei casi e ci sono positivi anche nel Torino e nel Cagliari. Nulla di grave e le due squadre, rispettose del protocollo, possono giocare per i tre punti. Il Cagliari alla fine espugna Torino grazie a una partita molto ricca di spettacolo ma anche di gol, uno show che ha emozionato e ha messo in evidenza carattere e grande gioco delle due squadre. Ad andare in vantaggio Ŕ la squadra di casa con Belotti su rigore. E' il 4' di gioco: uscita di Cragno che frana su Lukic in area di rigore e per l'arbitro non ci sono dubbi. Tira Belotti, capitano granata e spiazza il portiere cagliaritano. E' l'avvio di una fase propizia per il Torino ma il Cagliari non ci sta e sviluppa con intelligenza ogni attacco e ogni manovra a centrocampo. Al 12' i rossobl¨ trovano il pareggio grazie alla combinazione Zappa-Nandez e il successivo corner trova pronto Joao Pedro
(foto dal web/Social) che Ŕ bravo a risolvere in rete una situazione confusa in area dei padroni di casa. E' pareggio e le squadre continuano a darsi battaglia. Qualche minuto dopo, al 19', il vantaggio del Cagliari . Incisivo attacco Zappa-Nandez e conclusione vincente di Simeone che porta i rossobl¨ al 2-1. Il Cagliari aumenta la sua progressione, Ŕ padrona del campo e non molla una eventuale vittoria. Il primo tempo si conclude col vantaggio del Cagliari ma non bisogna abbassare la guardia perchŔ il Torino Ŕ squadra imprevedibile e pu˛ ancora far soffrire i ragazzi di Di Francesco. Nel secondo tempo altri due gol: al 49' i granata pareggiano con rete di Belotti e al 73' la terza rete del Cagliari ad opera di Simeone che sorprende Sirigu che aveva deviato in maniera goffa la palla. Sul finale due occasioni dei padroni di casa: al 90'+3' Verdi calcia alta la palla da ottima posizione e un minuto dopo Belotti in rovesciata chiama in acrobazia Cragno e evita il pareggio. Il Cagliari vince e convince, buona prestazione di tutti soprattutto di Nandez, strepitoso ma anche di Simeone che alla fine mette ko i granata.



NONOSTANTE I POSITIVI, SI GIOCHERA' LA PARTITA TORINO - CAGLIARI (0RE 15,00)
SU TRE PARTITE I ROSSOBLU' SI
RITROVANO CON UN PUNTO IN CLASSIFICA
DI FRANCESCO: " PRONTI PER
UNA GRANDE PRESTAZIONE"


di Franco Vecchiarecchi
(17-10-2020) Questa volta il coronavirus non ferma il campionato di serie A. Nuovi casi nel Parma (6) che comunque parte per sfidare l'Udine, ma positivi anche nel Crotone, Roma e Spezia. Nuovi contagi anche nel Torino, un giocatore e 2 membri dello staff, squadra che incontrerÓ il Cagliari che ha un positivo (la societÓ comunica: Ŕ asintomatico, non calciatore nŔ facente parte dello staff tecnico e medico - Ŕ stato prontamente isolato secondo quanto previsto dalle direttive ministeriali e federali). Anche la partita tra Torino- Cagliari si giocherÓ perchŔ tutti i calciatori granata e i membri dello staff saranno sottoposti a nuovi tamponi. La partita subirÓ un rinvio, come dice il protocollo, solo se almeno 10 giocatori, tra quelli col numero di maglia, risultano positivi nell'arco degli ultimi sette giorni. Per Giampaolo, tecnico del Torino, c'Ŕ voglia di allontanarsi dalle secche della classifica. In due incontri i granata hanno rimediato due sconfitte e una partita la devono ancora giocare, contro il Genoa il 4 novembre, mentre il Cagliari si trova a un punto avendo pareggiato contro il Sassuolo e perso contro Lazio e Atalanta. Per Di Francesco (
foto dal web/Social) Ŕ l'occasione buona per il riscatto contro i granata che hanno qualche problema tecnico-tattico anche se, dice il tecnico rossobl¨, Ŕ un collettivo forte e compatto. Il Cagliari in questi primi incontri non ha brillato e ha mostrato i soliti limiti ma c'Ŕ anche la consapevolezza, dice Di Francesco, che i ragazzi hanno acquisito dei progressi che sicuramente presto avranno i suoi frutti. L'importante Ŕ non perdere luciditÓ e concentrazione, valori importanti per fare punti e migliorare partita su partita.


CLIMA SERENO NEL CAGLIARI
DOPO LA SBERLA DELL'ATALANTA

SI RIPRENDE CON LA TRASFERTA
DI TORINO IL 18 OTTOBRE

SARA' UN CAMPIONATO DI TREGUA? NAINGGOLAN A GENNAIO?

di Franco Vecchiarecchi
(11-10-2020) Il campionato di calcio riprende con la quarta giornata, tra sabato e lunedi 19 ottobre. Il Cagliari affronterÓ in trasferta il Torino che sta peggio dei rossobl¨ avendo zero punti in classifica ma con una partita in meno in quanto deve ancora recuperare l'incontro col Genoa, partita in programma il 4 novembre. Di Francesco al momento chiede tempo per una risposta positiva dei suoi ragazzi che in tre partite hanno solo pareggiato il primo incontro col Sassuolo (1-1) mentre hanno perso gli altri incontri con la Lazio (0-2) e contro l'Atalanta (5-2). Il nuovo allenatore rossobl¨ non si arrende e punta a dare un segnale forte per risalire la china in questo avvio di campionato, non troppo tenero per i ragazzi cagliaritani. Non sarÓ facile dopo la sberla ricevuta dall'Atalanta, squadra indubbiamente forte e decisa a contrastare le mire di scudetto di Juve e Inter, soprattutto perchŔ sia con i nerazzurri e sia precedentemente contro la Lazio, i rossobl¨ non hanno dato prova di aver cambiato il passo dell'approccio alla partita. Qualcuno giÓ parla di un Cagliari alla vecchia maniera, alla Maran per intenderci, anche se nel campionato scorso, in questo periodo, i rossobl¨ balzavano alla cronaca sportiva per l'incredibile progressione verso l'altro, toccando anche il quarto posto in classifica. SarÓ difficile che questo Cagliari targato DiFra possa seguire quella avanzata, sicuramente ci saranno condizioni diverse e situazioni che daranno altri verdetti in un periodo difficile di covid-19. Se cosý fosse la squadra cagliaritana aprirÓ una nuova stagione di tregua in attesa, cioŔ, di tempi migliori che non si verificheranno in questo campionato. SarÓ la solita corsa per non retrocedere e salvarsi in tempo per non andare in serie B. Speriamo che non sia cosý. I giocatori grosso modo ci sono e certi reparti appaiono affollati. Rimane il punto interrogativo di Nainggolan che non Ŕ arrivato ma che, forse, arriverÓ a rinforzare la squadra rossobl¨ forse a gennaio. Se cosý fosse le cose potrebbero cambiare da gennaio in poi, altrimenti si continuerÓ a viaggiare senza troppe pretese guardando in modo particolare a stare lontano dalla zona retrocessione.


NIENTE ACCORDO CON L'INTER, SFUMA IL RITORNO DI NAINGGOLAN AL CAGLIARI
DI FRANCESCO TRISTE DOPO LA
SCONFITTA-CHOC A BERGAMO

ROSSOBLU' ANCORA FRAGILI, A
TORINO CI SARA' IL RISCATTO?

di Carmelo Alfonso
(5-10-2020) Finalmente una novitÓ per il Cagliari : l'allenatore chiede l'acquisto di giocatori in grado di potenziare davvero la squadra, evitare altre figuracce e allontanarsi da quel quart'ultimo posto che suscita tanta tristezza. Altro che "approccio", dunque. Di Francesco ha capito quali sono i veri mali della sua compagine. Quasi inutili gli inserimenti dei nuovi acquisti in un complesso che da anni - nonostante la girandola di allenatori - va cercando una sua identitÓ e la forza per inserirsi nella lotta per arrivare ad una competizione europea. Cagliari, in sostanza, povero di qualitÓ. Da rivedere tutto il rinnovato schieramento difensivo ( dispersi Pisacane, Farag˛, Klavan, Pinna e Carboni), e il ruolo da assegnare a Nandez. Di incoraggiantie oltre alla conferma dell'ottimo Cragno, l'esordio di Godin ( e non soltanto per la rete al suo esordio in rossoblu), la prova di Sottil e l'opportunismo di Joao Pedro sotto rete. Ma tutto questo non Ŕ bastato per evitare un risultato mortificante. Troppo forte l'Atalanta o fragile il Cagliari ? Sicuramente i bergamaschi attraversano un momento particolarmente favorevole. Non per niente la squadra di Gasperini occupa il primo posto in classifica ( tre gare e tre vittorie come il Milan); vanta il miglior attacco ( 13 reti) e due delle vittorie conseguite le ha ottenute in trasferta ( Lazio e Torino). Cagliari, di contro, ha un solo punto (quello conquistato fuori casa col Sassuolo) e, dopo il Crotone ( dieci reti), Ŕ la squadra che ha subýto pi¨ reti ( otto). La pausa di campionato potrebbe aiutare Di Francesco . A Torino, il 18 ottobre contro i granata ancora a zero punti, avremo una prima risposta.




ALTRA GOLEADA, CAGLIARI
AFFOSSATO DALL'ATALANTA (5-2)

DOPO 3 PARTITE I ROSSOBLU'
ANCORA SENZA VITTORIA
DI FRANCESCO: NON CI SIAMO
DISUNITI, MA SERVONO ACQUISTI

di Franco Vecchiarecchi
(4-10-2020) Goleada dell'Atalanta e altra sconfitta del Cagliari targato Di Francesco (5-2: 7' p.t. Muriel, 24' p.t. Godin, 29' p.t. Gomez, 37' p.t. Pasalic, 42' p.t. Zapata, 7' s.t. Joao Pedro, 36' s.t. Lammers). I bergamaschi hanno sfoderato la loro arma vincente e sono andati oltre la loro legge del 4, un numero magico che ha portato i ragazzi di Gasperini a vincere le prime due partite del campionato contro la Lazio (1-4) e contro il Torino (2-4) mentre contro i rossobl¨ i padroni di casa sono andati oltre, segnando la cinquina. Un Cagliari cosý non pu˛ andare avanti e si pone da subito fare qualcosa per evitare la retrocessione. I ragazzi di Di Francesco sono apparsi troppo deboli e fragili in ogni circostanza e hanno fatto quello che hanno potuto perchŔ i nerazzurri erano veramente bravi e incontenibili negli assalti, nel gioco e nel risultato. L'Atalanta si conferma la squadra pi¨ prolifica del campionato, 13 gol fatti, e sono a pieno merito in testa alla classifica a quota 9. Il Cagliari in tre partite non ha vinto nessuna gara in questo avvio di campionato, non succedeva dal 2016-17 con Rastelli, e questo Ŕ un brutto segnale sia per i giocatori ma anche per i tifosi che non amano le sconfitte prolungate nÚ tantomeno quelle con tanti gol, come quelli segnati a Bergamo dall'Atalanta. La squadra di Gasperini Ŕ squadra collaudata, solida e tecnicamente quasi perfetta mentre il Cagliari si farÓ squadra quando si capirÓ se arriveranno i rinforzi promessi, come ad esempio Nainggolan dall'Inter. Da subito, in avvio di gara, i rossobl¨ tentano di fare gioco mentre i padroni di casa controllano agevolmente: Ŕ il tentativo del Cagliari di darsi una mossa e di guadagnarsi la vittoria che diventa subito difficile e in salita quando l'Atalanta inizia ad attaccare scatenandosi in tutte le direzioni. In campo Di Francesco (
foto dal web/Social) ha fatto scendere Godin, al suo esordio, che ha segnato un gol al 24' del p.t.,ma sono i bergamaschi a fare la partita. Nel corso del primo tempo sono giÓ sul risultato di 4-1 con reti di Muriel, Gomez, Pasalic e Zapata, nella ripresa i rossobl¨ riescono a riprendersi e a trovare la rete del 4 a 2 con Joao Pedro, poi il nuovo entrato Lammers mette il sigillo del quinto centro nerazzurro. Col primo tempo sembrava finita la partita e in apertura di ripresa si deve segnalare l'ottima prestazione di Cragno che ha salvato la porta in diverse occasioni e soprattutto su iniziative di Zapata e Muriel. Un 5-2 che sicuramente peserÓ su questo inizio di campionato per un Cagliari che deve trovare ancora la sua identitÓ e anche il suo gioco, oltre a cercare di darsi una dignitÓ in pi¨ per non cadere nelle sabbie mobili, sicuramente nefaste, per la sua tenuta in questo campionato. A fine partita DiFra Ŕ quasi senza motivazione ma, dice, ha visto qualcosa di buono durante la partita e, comunque, sono necessari nuovi acquisti.


UN CASO DI CORONAVIRUS NELL'ATALANTA, MA LA PARTITA SI GIOCA (ORE 12,30)
TRASFERTA PROIBITIVA IN ATTESA DELL'ARRIVO DI NAINGGOLAN
NEL CAGLIARI MANCHERA' CEPPITELLI, PEREIRO E BRADARIC

di Franco Vecchiarecchi
(3-10-2020) SarÓ difficile per il Cagliari ripetere le vittorie contro l'Atalanta, allo stadio Atleti Azzurri d'Italia, delle ultime tre passate stagioni perchŔ la squadra di Gasperini giÓ dalle prime battute di questo campionato sono in corsa per lo scudetto. In due partite hanno vinto contro la Lazio ( 1-4) e contro il Torino (2-4) e adesso si confrontano contro i ragazzi di Di Francesco (
foto dal web/Social)che non viaggiano in buone acque. I rossobl¨ infatti hanno pareggiato col Sassuolo (1-1) e hanno perso in casa contro la Lazio (2-0) e attendono nuovi arrivi per rendere la squadra pi¨ competitiva. Non sarÓ facile e in attesa il Cagliari tenta di dare la spallata all'Atalanta, squadra che ha dimostrato di essere in ottima forma, anche se la trasferta sarÓ parecchio proibitiva. Di Francesco attende l'arrivo di Nainggolan, un obiettivo da raggiungere anche se l'Inter Ŕ tosta a mollarlo. Si augura che rientri al Cagliari in maniera definitiva. Intanto si apprende che c'Ŕ un caso di coronavirus nell'Atalanta. In un comunicato la societÓ ha detto che ha attivato le procedure previste nel protocollo e hanno fatto sapere che la partita col Cagliari si farÓ. Nel Cagliari mancherÓ Bradaric, Cerri, Ceppitelli e Pereiro. In campo dall'inizio dell'incontro ci sarÓ Godin.


PAREVA UN CAGLIARI DIVERSO, MA LA LAZIO
CI HA RICHIAMATI ALLA REALTA'

SARA' GODIN L'UOMO GIUSTO
PER RILANCIARE I ROSSOBLU'?


di Carmelo Alfonso
(27-9-2020) Pareva un Cagliari diverso, sia pure ancora in fase di costruzione ( e non poteva essere diversamente), ma la Lazio ha richiamato tutti alla realtÓ : quella rossoblu Ŕ ancora ( speriamo per non molto tempo ) la squadra degli ultimi anni. Impacciata e maldisposta in difesa ( una conferma, l'ennesima - ovviamente positiva - Ŕ arrivata dal solito Cragno); disorganizzata a centrocampo; incerta e maldisposta in attacco. Contro i laziali abbiamo rivisto il Cagliari che purtroppo abbiamo conosciuto in questi ultimi anni. Forse si continua a cambiare troppo: giocatori e allenatori. Forse andrebbe riveduto il modulo difensivo, optando, probabilmente, per una linea a cinque davanti al portiere; forse manca un vero regista capace di organizzare il gioco ; forse Simeone viene lasciato troppo spesso solo a lottare contro due-tre avversari. Sicuramente la squadra non Ŕ bene organizzata per contenere le ripartenze degli avversari. Molti i forse. Spetta al tecnico trovare le soluzioni senza ricorrere al monotono "approccio" come se l'avvicinamento ad una competizione sportiva non fosse un fatto normale per dei professionisti del settore. E allora? Potrebbe essere Godin l'uomo giusto per "aggiustare" un Cagliari che rischia di navigare fin dall'inizio nei bassifondi della classifica ? E se, oltre al neo acquisto, si rivelassero indispensabili giocatori come Ceppitelli e Pavoletti? Se cosý fosse ( e non Ŕ improbabile) il Cagliari , e quindi Di Francesco, si trovebbero in casa le soluzioni giuste per una immediata ripresa. Senza pensare a chi ha dovuto lasciare la maglia rossoblu per quella neroazzurra.

PARTITE DELLA
2^GIORNATA


CLASSIFICA

PRIMA SCONFITTA DEL CAGLIARI
ALLA SARDEGNA ARENA (0 - 2)

LA LAZIO PARTE CON IL PASSO
GIUSTO CON LAZZARI E IMMOBILE

I ROSSOBLU' NON CONVINCONO,
DI FRANCESCO: NON SONO SODDISFATTO

di Franco Vecchiarecchi
(26-9-2020) Dopo il pareggio (1-1) in trasferta contro il Sassuolo, il Cagliari cade alla Sardegna Arena ad opera della Lazio con un risultato, tutto sommato giusto (0-2: 4' Lazzari , 74' Immobile ), che ha messo in evidenza la pochezza dei rossobl¨ contro una squadra ancora da rifinire in fatto di gioco di qualitÓ. I biancocelesti, comunque, hanno fatto molto di pi¨ dei cagliaritani in fatto di possesso palla e anche nelle conclusioni. I ragazzi di Di Francesco (
foto dal web/Social) devono ancora crescere e devono avere pi¨ coraggio nelle progressioni a rete. Una guida sicura come Nainggolan si Ŕ fatta sentire ma alla lunga Ŕ mancato il gioco corale e il guizzo conclusivo di alcuni elementi. In una situazione precaria Ŕ logico aspettarsi la sconfitta che Ŕ arrivata con tempestivitÓ dopo una tenuta di campo mediocre e spesso non produttivo. La Lazio, invece, Ŕ partita bene da subito e dopo 4' di gioco Ŕ in vantaggio: azione di Marusic che si spinge in avanti e mette palla in mezzo per Lazzari che, nell'area piccola, appoggia il pallone in rete. E' comunque il Cagliari che poteva segnare il gol dopo appena un minuto di gioco:cross di Lykogiannis per Rog che si prodiga in una spaccata davanti a Strakosha che blocca come pu˛. Sono comunque i biancocelesti ad avere la meglio e al 9' sfiorano il raddoppio con Milinkovic-Savic. La partita Ŕ a senso unico con i ragazzi di Simone Inzaghi che non si accontentano e sprecano tante occasioni da rete e solo grazie a Cragno il bottino finale non Ŕ pi¨ consistente, come, ad esempio, al 33' quando la coppia Milinkovic-Savic era a un passa dal raddoppio. Ogni tanto si fanno vedere i ragazzi di Di Francesco: sul finire del primo tempo un momento di Joao Pedro ma la sua conclusione finisce sul fondo. All'inizio della ripresa l'occasione d'oro del Cagliari per il pari: parte come un fulmine Joao Pedro e la sua conclusione di potenza non sorprende il portiere che respinge a un passo da Simeone che per˛ da due passi e a portiere battuto spedisce la palla sul fondo. La Lazio Ŕ instancabile e al 30' raddoppia: parte Marusic sulla sinistra per Immobile, piattone sul secondo palo e nulla da fare per Cragno. Il Cagliari reagisce senza convinzione e sul finire Di Francesco tenta la carta delle sostituzioni. Lanci lunghi alla ricerca della testa di Pavoletti ma nulla di pi¨. La Lazio esulta, per il Cagliari c'Ŕ ancora molto da fare e Di Francesco non Ŕ per niente soddisfatto.



IL CAGLIARI CERCA CONFERME CONTRO
LA LAZIO (SARDEGNA ARENA ORE 18,00)

TUTTI PAZZI PER GODIN, FORSE
IN CAMPO NEL SECONDO TEMPO

INZAGHI DELUSO PER I NUOVI ACQUISTI:
"NON SARA' FACILE CONTRO I ROSSOBLU'"


di Franco Vecchiarecchi
(25-9-2020) Al momento si parla del grande colpo del Cagliari con l'arrivo dall'Inter del grande difensore Diego Godin (
foto dal web/Social), un elemento molto importante nello scacchiere difensivo dei rossobl¨. Un giocatore che potrebbe fare la differenza in attesa di Nainggolan del quale il tecnico Di Francesco punta molto per dare slancio al nuovo Cagliari. Contro la Lazio alla Sardegna Arena i rossobl¨ cercano conferme dopo il buon pareggio in trasferta contro il Sassuolo per 1 a 1. Dei biancocelesti non abbiamo notizie per la prima partita di campionato perchŔ l'incontro con l'Atalanta Ŕ stata rinviata al 30 settembre perchŔ i bergamaschi erano impegnati nel Champions League. Per Simone Inzaghi non sarÓ un incontro facile. Il tecnico della Lazio soffre per i mancati acquisti, almeno quelli da lui richiesti, e chiede al suo presidente di fare in fretta per rafforzare la squadra, in attesa affronterÓ l'impegno cagliaritano con gli stessi giocatori della passata stagione. Il Cagliari parte con pi¨ grinta e con l'inserimento di nuovi giocatori in reparti delicati e un p˛ traballanti evidenziati nel campionato scorso. Queste le probabili formazioni: Cagliari (4-3-3): Cragno; Farag˛, Walukiewicz, Klavan, Lykogiannis; Nandez, Marin, Rog; Sottil, Simeone, Joao Pedro. Lazio (3-5-2): Strakosha; Patric, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto, Marusic; Correa, Immobile.







CONTRO IL SASSUOLO UN CAGLIARI
DI CARATTERE E DI QUALITA'

POTEVA FINIRE MEGLIO, MA VA
BENE COSI': UN RISULTATO PER
INIZIARE BENE IL CAMPIONATO


di Carmelo Alfonso
Poteva andare meno bene per il Cagliari, ma sarebbe stata una beffa per la squadra di Di Francesco che, forse, non ha disputato una grande gara (specie nel primo tempo) ma ha dimostrato carattere e qualitÓ quando il ritmo del Sassuolo Ŕ fatalmente calato. Questione di condizione. Qualcosa di diverso ed importante si Ŕ visto; e non tanto nei nuovi arrivati ma da gente giÓ conosciuta come Nandez, Pisacane, Farag˛, Simeone, Joao Pedro e soprattutto Cragno(
foto dal web/Social). Il Commissario tecnico della nazionale, Mancini, si trovava in tribuna soprattutto per il portiere rossoblu che si Ŕ guadagnato il diritto di indossare, in futuro, la maglia azzurra. Cagliari imbattutto in casa di una delle squadre che raramente ha ceduto punti negli incontri casalinghi, e, soprattutto, un risultato molto promettente per i rossoblu. Poteva finire meglio, per il Cagliari. ma un piede appena pi¨ avanti rispetto ad un difensore del Sassuolo ( e secondo gol di Simeone annullato) e qualche ...svista arbitrale hanno impedito ai rossoblu di chiudere con un successo. Le premesse , per˛, ci sono tutte per un buon campionato. In attesa di rivedere il Cagliari al gran completo ( magari con l'aggiunta di Godin )a. Intanto, per˛, nessuno pu˛ accontentarsi di direzioni di gara discutibili ( perchŔ tale Ŕ stata quella del signor Livio Marinelli,alla sua quinta presenza nella serie A). Eccessiva l'ammonizione a Nandez ( e i cartellini gialli pesano); discutibile il "niente"a Muldur per il suo "vaffa" al direttore di gara: Il rosso (meritatissimo) Ŕ rimasto nel taschino.



PARTITE DELLA
1^GIORNATA


CLASSIFICA

BUONA LA PRIMA, FINISCE IN PARITA'
LA PARTITA DEL CAGLIARI (1-1)

PARTE FORTE IL SASSUOLO, MA
LA PRIMA RETE E' DEI ROSSOBLU'

DI FRANCESCO:PARI GIUSTO,
ASPETTIAMO NAINGGOLAN

di Franco Vecchiarecchi
(20-9-2020) Buona la prima. Il Cagliari porta a casa un punto prezioso dal pareggio al Mapei( 1-1 : 77ĺ Simeone, 87ĺ Bourabia) contro la corazzata Sassuolo in un incontro con dubbi, tante ombre e qualche speranza. Eusebio Di Francesco Ŕ uscito indenne dallo scontro con la sua ex squadra ma ha dovuto soffrire parecchio per come si stavano mettendo le cose giÓ in avvio di partita. Alla fine, per˛, il nuovo allenatore rossobl¨ poteva abbracciare il primo successo della sua storia in casa del Sassuolo se non ci fosse stata la prodezza di Bourabia che da una punizione disegna il pareggio dei neroverdi. Il Cagliari ha tremato parecchio nel corso del primo tempo. E' stato in ostaggio degli emiliani per buona parte dei primi 25 minuti che hanno sfoderato velocitÓ, determinazione e buoni giocatori come Toljan e Haraslin ma anche di Berardi e Caputo. Tutti pesi da novanta che comunque non sono riusciti a sfondare. Il Cagliari ha avuto la sua bravura nell'interrompere certe geometrie pericolose ma Ŕ sempre stato privo di buona statura. Sul finire del primo tempo i rossobl¨ tentano la via della rete ma alla fine sono mancati gli slanci conclusivi. Nel secondo tempo Di Francesco avanza qualche modifica negli schemi di gioco ma il copione della partita non cambia. Le squadre non sfondano nŔ con Caputo, da una parte, nŔ con Nandez per il Cagliari. A 15' minuti dalla fine gli animi si scaldano. Al 77' intesa straordinaria Joao Pedro-Simeone(
foto dal web/Social) il quale di testa sigla il vantaggio dei cagliaritani. I rossobl¨ possono raddoppiare un attimo dopo, ma la rete del Cholito Ŕ annullato. E' invece il Sassuolo a pareggiare: fallo di Pisacane su Defrel e punizione. Batte Bourabia da buona posizione e per Cragno non c'Ŕ niente da fare. E' pareggio e il risultato rimane tale fino alla fine, una conclusione giusta che mette pace sulle due squadre. Ai microfoni di Sky Di Francesco dice che il risultato finale Ŕ corretto anche se c'Ŕ stato un gol annullato di Simeone. C'Ŕ rammarico, dice ancora. Poi parole anche per Godin e Nainggolan: "Portiamoli prima dentro poi parliamo".


PARTE IL CAMPIONATO DI CALCIO, IL CAGLIARI IN TRASFERTA ( ORE 18)
DI FRANCESCO CHIEDE
"ENTUSIASMO E DETERMINAZIONE"

I DUBBI DELLA FORMAZIONE:
SIMEONE O PAVOLETTI?


di Franco Vecchiarecchi
(19-9-2020) Primo incontro di campionato di serie A in trasferta al Mapei Stadium per il Cagliari che affronterÓ il Sassuolo, un incontro che si annuncia non facile per una ripartenza di difficile interpretazione del dopo lockdown. Il Cagliari riparte col nuovo tecnico Eusebio Di Francesco che dovrÓ vedersela, guarda un p˛, con la ex Sassuolo, squadra completa, bene organizzata e che non nasconde le sue mire per l'Europa. il tecnico rossobl¨ Ŕ in cerca di riscatto dopo l'esperienza negativa con la Sampdoria. Il Sassuolo Ŕ allenato per la terza stagione consecutiva da Roberto De Zerbi il quale pensa giÓ in grande. Del resto lo scorso campionato ha fatto bene con un brillante finale ed Ŕ quindi logico che vi siano tante aspettative. Per il Cagliari ci sono invece tante incognite. Dice subito, in conferenza stampa, che a Reggio Emilia ci vuole tanto entusiasmo e determinazione. Sulla formazione ci sono ancora dubbi e per il momento Di Francesco si affida ai giocatori pi¨ collaudati come Farag˛ e Lykogiannis. Nandez dovrebbe essere il terzo uomo del tridente con Joao Pedro e Simeone ma c'Ŕ anche Pavoletti, che Ŕ pronto per le nuove sfide, che al momento non dovrebbe giocare, ma il tecnico sta valutando e potrebbe portarlo in campo nell'ottima dei cinque cambi. Dei nuovi arrivati quasi certamente sarÓ in campo Marin. Sassuolo - Cagliari sarÓ l'incontro dove, assieme a Parma- Napoli, si rivedranno gli spettatori che saranno appena mille in applicazione dell'ordinanza della regione Emilia Romagna. I biglietti sono distribuiti " su invito" e non saranno messi in vendita. Tutte le persone che accederanno allo stadio dovranno rispettare le normative in tema di covid-19 muniti, tra l'altro, anche di autocertificazione.



DALLA CARTA STAMPATA AL WEB - TERZA PAGINA Ŕ ONLINE - LA PUBBLICITA' INSERITA E' PUBBLICATA GRATUITAMENTE | terzapagina_2006@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu