TERZA PAGINA


Vai ai contenuti

CAGLIARI, CAMPIONATO 2020-2021

E' FINITA: CAGLIARI ANCORA IN A, MA NON E' STATO UN CAMPIONATO ESALTANTE
E' TEMPO PER PENSARE AL FUTURO
CON MOLTI INTERROGATIVI
DUBBI ALLENATORE: GIULINI VORREBBE RANIERI, MA C'E' ANCHE JURIC

di Carmelo Alfonso
(23-5-2021) E' finita. Non con una vittoria sul Genoa come i tifosi, i giocatori, l'allenatore e Giulini si attendevano, ma Ŕ finita: Cagliari comunque salvo e un campionato da ricordare soltanto per il finale strepitoso. I rossoblu continueranno a giocare in serie A: con altre prospettive - sia ben chiaro - possibilmente con i suoi migliori giocatori, quasi certamente ancora con Semplici e col suo pubblico, che pur tra mille difficoltÓ ha sostenuto la squadra anche quando pareva spacciata. Non un campionato esaltante,dunque, ma capace di offrire all'allenatore (se resterÓ ancora Semplici ) positive indicazioni per il futuro. Intanto abbiamo avuto la conferma che anche la Sardegna pu˛ proporre dei buoni giocatori come Andrea Carboni ( appena ventenne) e Alessandro Deiola ( venticinquenne), due elementi che ci riportano indietro di tanti anni quando, con la maglia rossoblu, brillavano i vari Mario Tiddia, Tonino Congiu, Pietro Paolo Virdis, Gigi Piras. Altri giovani,come Cragno, Marin, Nandez, Sottil, tutti destinati a crescere, offrono ottime garanzie.E poi quel gruppo dei meno giovani come Nainggolan, Joao Pedro e Pavoletti che significa tanta esperienza. Ma chi resterÓ di questo interessante gruppo di giocatori ? E' tempo di pensare al futuro per evitare che si ripetano le ultime non brillanti stagioni. Il Cagliari che si Ŕ salvato a fatica ha gli elementi per puntare alle zone alte della classifica e magari a qualcosa di pi¨. La Sardegna, i tifosi sardi meritano una grande stagione. Non ci resta che attendere (
foto dal web/Social Ranieri).


PARTITE DELLA
38░ GIORNATA

CLASSIFICA


IL CAGLIARI SCONFITTO (0-1) MA ALLA FINE FESTEGGIA UGUALMENTE ALLA SARDEGNA ARENA
I ROSSOBLU' CHIUDONO IL
CAMPIONATO A QUOTA 37 PUNTI
SI PENSA SUBITO AL FUTURO,
CON
SEMPLICI ANCORA ALLENATORE?

di Franco Vecchiarecchi
(22-5-2021) Il Cagliari festeggia ugualmente. Perde contro il Genoa alla Sardegna Arena ma ha la soddisfazione di rimanere in serie A. E' stata una bella partita, vivace e con diverse occasioni da rete da parte di entrambe ma alla fine chi vince Ŕ chi segna di pi¨ e in questo caso sono i rossobl¨ genovesi ad avere la meglio grazie alla rete di Shomurodov al 15'. La scena del gol: Rovella prende palla a metÓ campo e lancia in profonditÓ Shomurodov che, solo davanti a Gragno, lo batte con facilitÓ. Una rete che poteva essere evitata, ma tutto, alla fine si perdona a una squadra che ha fatto tanto in pochissimo tempo con una rimonta pazzesca in classifica che nessuno si aspettava. Basti pensare che a fine febbraio i rossobl¨ erano giÓ compromessi: - 5 punti dal quartultimo posto e -10 dal Benevento. Poi, notizie recenti, Ŕ proprio il Benevento a finire in B assieme al Crotone e al Parma. Il Cagliari perde ma vince perchŔ resta in serie A. Certo c'era in palio la vittoria e se avesse battuto il Genoa sarebbe andato a 40 punti chiudendo la sua avventura al 12░ posto in classifica. Ma Ŕ chiedere troppo alla fortuna. Bene cosý. Col Genoa il Cagliari chiude la striscia positiva ma tanti sono i temi esaltanti di questo finale di campionato. Ad iniziare dallo stesso allenatore, Semplici (
foto dal web/Social), che ha rimesso in carreggiata una squadra ormai votata alla retrocessione. Contro il Grifone i rossobl¨ potevano farcela, bastava pi¨ ordine e testa in difesa e pi¨ determinazione in attacco. E' andata diversamente non perchŔ i padroni di casa hanno demeritato ma forse perchŔ l'obiettivo primario era stato conquistato a una giornata dal termine del campionato, Nainggolan e soci si sentivano pi¨ tranquilli e hanno giocato in scioltezza. Non erano spacciati come oltre cinque settimane fa, quando tutto Ŕ iniziato, e forse questa nuova situazione ha determinato, alla fine , il risultatoto finale. L'avvio di partita del Cagliari non Ŕ servito a molto anche se, dopo pochi minuti, Joao Pedro colpisce il palo. Il Genoa si organizza e al 15' un lancio geniale di Rovella manda in rete Shomurodov con un pallonetto delizioso. Primo tempo senza altri sussulti e nel secondo tempo il Cagliari alza il baricentro ma Ŕ il Genoa che potrebbe raddoppiare con Kallon che segna, ma il gol Ŕ annullato per posizione irregolare. Sul finale il Cagliari ha la palla del pareggio con Joao Pedro ma non conclude. Sconfitta ma a testa alta e questo Cagliari avrÓ modo di esprimersi al meglio nel prossimo campionato.


CAGLIARI-GENOA, SFIDA CHE PROMETTE SPETTACOLO (SARDEGNA ARENA 20,45)
SEMPLICI: FORMAZIONE MIGLIORE
PER FINIRE IN BELLEZZA

BALLARDINI: SPAZIO ALLA COPPIA
PANDEV E MATTIA DESTRO


di Franco Vecchiarecchi
(21-5-2021) Ultima partita di questo campionato strano e complicato gestito in maniera significativa dal coronavirus. Un torneo comunque ricco di avvenimenti e spunti come quello del Cagliari che dalla retrocessione quasi sicura ha preso la strada vincente per rimediare a catastrofi arrivando alla salvezza. Alla Sardegna Arena arriva il Genoa e sarÓ, comunque, grande festa soprattutto per i ragazzi di Semplici che a un turno dalla fine del campionato, col pareggio conquistato in trasferta contro il Milan, ha meritato di rimanere in serie A. La classifica finale decreta: Parma (20 punti), Crotone (22) e Benevento (32) in serie B. Si salvano per un soffio il Torino (36), il Cagliari (37) e lo Spezia (38) e, se vogliamo anche Genoa, Fiorentina e Udinese tutte a 40 punti. La partita in notturna promette spettacolo, non avrÓ nessuna importanza ai fini della classifica e daranno alle due squadre la possibilitÓ di giocare senza affanno. Niente di strano che gli allenatori, Semplici per il Cagliari e Ballardini per il Genoa, possano far giocare le seconde linee o i giocatori che hanno avuto meno presenze in campionato. Nella partita d'andata, al Ferraris, il Genoa aveva vinto per 1 a 0 ma adesso la musica potrebbe cambiare soprattutto perchŔ i cagliaritani devono onorare la striscia positiva che va avanti da tempo. Semplici schiera il 3-5-2 con la coppia d'attacco Joao Pedro e Pavoletti (
foto dal web/Social) e manda in campo anche Nandez e Lykogiannis. Ballardini schiera lo stesso modulo (3-5-2) con spazio per Goran Pandev e Mattia Destro mentre a centrocampo Melegoni, Rovella e Zajc.


IL CAGLIARI RESTA
MERITATAMENTE IN SERIE A

I ROSSOBLU' SI SONO RIBELLATI
A UN DESTINO AVVERSO

SI FESTEGGIA LA SALVEZZA:
IN CAMPO SABATO COL GENOA


di Carmelo Alfonso
(17-5-2021) Una grande risposta. Addirittura a spese del Milan, che ora rischia di non qualificarsi per la Champions League. E una risposta anche a chi aveva visto il Cagliari favorito da arbitraggi non all'altezza. I rossoblu restano meritatamente in serie A dopo avere dimostrato ( purtroppo con un po' di ritardo ) di possedere qualitÓ tecniche non inferiori a tante altre squadre che la salvezza l'hanno
raggiunta con largo anticipo. I meriti sono di tutti. Di Semplici (
foto dal web/Social), che Ŕ riuscito a restituire entusiasmo ad un gruppo di giocatori disorientati e forse anche rassegnati al peggio; dei giocatori, che hanno saputo ribellarsi ad un destino che pareva condannarli alla serie B; della SocietÓ, che anche nei momenti pi¨ difficili non si Ŕ fatta travolgere dallosconforto. Domenica si chiuderÓ un campionato tormentato per tutti : lo scudetto va giustamente all'Inter, che disputerÓ la Champions League unitamente all'Atalanta, giÓ qualificata. Per gli altri due posti lottano Milan (76 punti ) impegnato domenica in trasferta contro i bergamaschi; Napoli (76 ) in casa contro il Verona e la Juventus ( 75 ) a Bologna. Praticamente tutto deciso anche in coda. Oggi si gioca il recupero Lazio -Torino: un pareggio basterebbe ai granata per restare In A. In caso di sconfitta, a decidere sarÓ lo scontro tra granata e Benevento dell'ultima giornata. Il Cagliari festeggerÓ la salvezza affrontando il Genoa sabato ( ore 20,45 ) alla Sardegna Arena. Seguiranno giorni importanti. Il presidente Giulini dovrÓ intanto convincere Semplici ad accettare la conferma, quindi pensare a quello che sarÓ il Cagliari stagione 2021 - 2022. Torneranno i tifosi allo stadio: un motivo in pi¨ per allestire una squadra capace di far dimenticare le ultime travagliate stagioni. Questo il programma e gli orari delle partite dell'ultima giornata.
Sabato ( ore 20,45) : Cagliari- Genoa, Crotone - Fiorentina,
Sampdoria - Parma.

Domenica : ore 15 : Inter -Udinese; ore 20,45 : Atalanta - Milan,
Bologna - Juventus , Napoli - Verona, Sassuolo -Lazio, Spezia - Roma,
Torino - Benevento.



PARTITE DELLA 37░
GIORNATA

CLASSIFICA

IL CAGLIARI E' SALVO E RIMANE IN SERIE A DOPO
IL PAREGGIO CONQUISTATO A S.SIRO (0-0)

IL MILAN FALLISCE, GRANDI TUTTI I ROSSOBLU'

di Franco Vecchiarecchi
(16-5-2021) Prima c'Ŕ stato un "grazie Crotone", ma alla fine il ringraziamento pi¨ grande va al Cagliari che ha pareggiato a S.Siro contro il grande Milan (0-0). E' stata una giornata densa di emozioni con i ragazzi di Semplici che dovevano fare di tutto per rimanere in serie A. La situazione non era chiara, soprattutto per la terza squadra, dopo il verdetto che mandava il Parma e il Crotone in serie B. E proprio il Crotone a regalare la permanenza nella massima serie al Cagliari grazie al pareggio conquistato col Benevento, poi, per˛, sono gli stessi rossobl¨ a Milano a mettersi in gioco, con la spavalderia tipica delle sue ultime partite, e a conquistare quel punto necessario, comunque, per avere la matematica certezza della sua permanenza in serie A. Il Benevento non pu˛ pi¨ darci fastidio e il Cagliari pu˛ tirare un lungo sospiro di sollievo dopo aver visto la serie B durante la gestione Di Francesco. Le ultime 7 partite sono state straordinarie, dense di grandi emozioni nelle quali i rossobl¨ sono passati dall'inferno al paradiso, un percorso non facile e non praticabile secondo un percorso normale. C'Ŕ voluta tutta la magia di nuovo allenatore Semplici a cambiare rotta ma anche alla bravura e alle maiuscole prestazioni di un gruppo spavaldo e sanguigno che alla fine hanno cambiato la loro storia e sono arrivati lÓ dove nessuno sperava che arrivasse. Adesso il Cagliari Ŕ salvo, ma a S.Siro ha lottato, ha giocato in lungo e largo e non ha lasciato spazio agli avversari. Il Milan doveva vincere perchŔ doveva andare in Champions ma alla fine i rossoneri hanno trovato una squadra forte e decisa a non concedersi. Adesso i rossobl¨ (
foto dal web/Social) festeggiano la salvezza, alziamo i calici e gridiamo:grazie Cagliari.



TORINO NEI GUAI, MILAN (PUNTA ALLA CHAMPIONS) CAGLIARI ALLA SALVEZZA (20,45)
OCCHIO ALLA PARTITA BENEVENTO - CROTONE, IL CAGLIARI A S.SIRO
NON SI ARRENDE, SEMPLICI: CONTRO I ROSSONERI CI PROVEREMO


di Franco Vecchiarecchi
(15-5-2021) Non Ŕ una partita di poco conto quella che si disputerÓ a San Siro tra Milan - Cagliari perchŔ i rossoneri con una vittoria, dopo il successo dell'Atalanta sul Genoa, sui rossobl¨ si garantirebbero un posto tra le prime quatttro della classifica e sarÓ Champions, mentre per il Cagliari vincere contro i ragazzi di Pioli significherebbe la matematica certezza di restare in serie A. Non conta solo la partita di S.Siro ma c'Ŕ l'incontro tra le candidate direttamente interessate alla retrocessione e soprattutto Benevento - Crotone con i primi, terzultimo posto in campionato, a un passo dalla serie B, mentre l'altra squadra, il Crotone, che venderÓ cara la pelle, perchŔ ormai spacciata, e metterÓ tanta rabbia nell'incontro come Ŕ successo nella partita di qualche giorno fa quando i calabresi vinsero per 2 a 1 contro i veneti. Su quella partita ci sarÓ molto da dire e con una vittoria del Crotone sembrerÓ superfluo la partita del Cagliari contro il Milan e anche la partita successiva dei rossobl¨ in casa contro il Genoa perchŔ il Benevento sarÓ la terza squadra ad andare nella serie cadetta. Occhio anche al Torino, che ha perso recentemente contro il Milan per 7 a 0, anche se ha una partita in meno, che sta a meno uno dal Cagliari, ed Ŕ nei guai. Lo Spezia, invece, vincendo proprio contro i granata, sono fuori dalla competizione della retrocessione e si trovano a quota 38. L'incontro tra Milan e Cagliari si disputerÓ in notturna quando giÓ si saprÓ della partita tra il Benevento- Crotone e molto dipenderÓ da quel risultato il futuro del Cagliari. Dei diavoli si conosce qualitÓ e potenza, per i ragazzi di Semplici, invece, c'Ŕ la soddisfazione di un'accelerata nelle ultime 6 partite, con una striscia positiva invidiabile: quattro vittorie e due pareggi, un bottino che ha portato i rossobl¨ a +5 dal Benevento che, se sconfitti, arriverebbero a San Siro pi¨ sereni e tranquilli per la loro sicura permanenza in serie A.(
Foto dal web/Social Nainggolan)



GIORNATA DI RIPOSO PER I DUE PORTIERI TRA CAGLIARI E FIORENTINA
MANCA L'UFFICIALITA': RETROCESSIONE
PER BENEVENTO, CROTONE E PARMA

ROSSOBLU' DOMENICA CONTRO IL MILAN

di Carmelo Alfonso
(13-5-2021) In Cagliari - Fiorentina, pi¨ che la necessitÓ dei tre punti per poter subito abbracciare la salvezza, Ŕ prevalsa la paura di non farcela a conquistare almeno il punticino della speranza. Cosý - forse una raritÓ - in oltre novanta minuti non ci sono stati veri e convinti tiri in porta. Giornata di riposo per i due portieri, ben protetti da difese quasi insuperabili. Il punto, comunque, Ŕ forse sufficiente, sia ai rossoblu che ai viola, per festeggiare il quasi raggiunto traguardo che consente la permanenza in serie A. Per l'ufficialitÓ ci sarÓ naturalmente da attendere, ma dopo quanto Ŕ accaduto mercoledi, anche il Benevento di Pippo Inzaghi, dopo Crotone e Parma, pare destinato a retrocedere. In attesa, ovviamente, di conoscere (si fa per dire) l'esito dell'interrogazione di un senatore della Repubblica italiana sul comportamento dell'arbitro della gara Benevento - Cagliari ( Doveri ). Ed a proposito di quanto accaduto a Benevento ( rigore primaassegnato e poi negato dopo il Var), i nostri complimenti al Sindaco di Dualchi, Ignazio Piras, che ha risposto proponendo per Mazzoleni, addetto al Var, la cittadinanza onoraria del centro nuorese da lui amministrato. Al Cagliari, non ancora salvo, basterebbe un punto (su sei ancora disponibili) per festeggiare la salvezza. Il calendario, come giÓ detto, non sembra favorire il Benevento che domenica affronterÓ il Crotone in casa e , sette giorni dopo, il Torino in trasferta. I granata, dal canto loro, travolti in casa dal Milan, dopo il recupero con la Lazio a Roma, se la vedranno domani con lo Spezia e chiuderanno in casa contro i campani. Lo Spezia, reduce dal pareggio esterno con la Sampdoria, dopo il Torino, incontrerÓ, sempre in casa, la Roma. I rossoblu di Semplici (
foto dal web/Social), per concludere, se la vedranno domenica ( ore 20,45 ) col Milan al Meazza, e sette giorni dopo - 23 maggio -chiuderanno la stagione alla Sardegna Arena affrontando il Genoa dell'ex Ballardini. Il calendario, in sostanza, sembra possa riservare ancora qualche sorpresa.




PARTITE DELLA 36░
GIORNATA

CLASSIFICA

NESSUN GOL NELLA SFIDA CON LA FIORENTINA (0-0)
SALVEZZA SEMPRE PIU' VICINA,
UN PUNTO CHE MUOVE LA
CLASSIFICA DEL CAGLIARI

di Franco Vecchiarecchi
(12-5-2021) Dopo le polemiche seguite alla vittoria del Cagliari contro il Benevento, i rossobl¨ continuano la striscia positiva accontentandosi di un pareggio alla Sardegna Arena. I padroni di casa incontravano la Fiorentina e contro questa squadra i ragazzi di Semplici chiedevano il pass per essere pi¨ tranquilli in classifica. L'incontro, per la veritÓ, non Ŕ stato spettacolare e con pochi sussulti, quasi che entrambe le squadre puntassero al pareggio a reti bianche. I viola adesso si trovano a 39 punti e il Cagliari a 36 ed entrambe non avevano nessuna intenzione di rischiare grosso. Tutto sommato il Cagliari continua nel suo percorso positivo, un pareggio che muove la classifica ma che, a due partite dalla fine del campionato, non certifica la sua salvezza. Gli attaccanti si sono comportati bene e non sono stati cattivi contro i rispettivi portieri. Pochi tiri in porta, qualche cross, poche iniziative e anche le azioni di Pavoletti (
foto dal web/Social) e Joao Pedro non hanno impensierito il portiere Dragowski. Mancano ancora 6 punti ancora da assegnare per finire il campionato. Il Benevento, senza polemiche, ha perso in trasferta contro l'Atalanta (2-0) e il suo percorso Ŕ irrimediabilmente compromesso, mentre lo Spezia, altra squadra a pari punteggio col Cagliari, ha pareggiato in trasferta contro la Sampdoria (2-2). A fronte di questi risultati con le squadre pi¨ interessate verso la retrocessione (Spezia e Benevento), il Cagliari si trova a fare piccoli passi verso la salvezza. Prossimo impegno per i rossobl¨ Ŕ conttro il Milan, mentre l'ultimo incontro alla Sardegna Arena Ŕ contro il Genoa.



ALTRA PARTITA IMPORTANTE PER RIMANERE
IN A (SARDEGNA ARENA ORE 18,30)

CAGLIARI - FIORENTINA,
UNA FINALE DA BRIVIDO
SEMPLICI: SERVONO 3
PUNTI PER LA SALVEZZA

di Franco Vecchiarecchi
(11-5-2021) Nuovamente in campo. Non si sono spenti gli slanci di entusiasmo per la vittoria in trasferta contro il Benevento, che il Cagliari (
foto dal web/Social Joao Pedro) Ŕ nuovamente sul terreno di gioco, questa volta alla Sardegna Arena, contro la Fiorentina. Oltre alla gioia, da registrare la folle richiesta di alcuni personaggi che hanno messo la questione sportiva su un piano diverso, trascinando fatti successi in campo, decisamente falsi, in politica col preciso intento di far ripetere la partita Benevento-Cagliari perchŔ il duo Daniele Doveri- Mazzoleni, il primo arbitro e l'altro al Var, non avrebbero concesso il rigore a favore dei padroni di casa. I protagonisti della vicenda sono Mastella, sindaco di Benevento, e Lonardo, sua moglie, senatrice, i quali hanno amplificato il particolare episodio di una partita che la loro squadra ha perso con merito. Quando non si vuole perdere si tenta di vincere mettendo la partita in politica. E' andata male, solo qualche titolo di giornale ma Ŕ evidente la figuraccia per i due personaggi. Torniamo all'incontro con la Fiorentina, un'altra partita di grande peso per i rossobl¨ non ancora salvi matematicamente. Per essere fuori dalla zona retrocessione ci vorrebbero 2/3 punti e il buon Semplici Ŕ all'opera per trovare soluzioni e centrare l'obiettivo. Il Cagliari Ŕ sedicesimo in classifica con 35 punti (9 vittorie, 8 pareggi e 18 sconfitte) e si trova a +4 dal terzultimo posto del Benevento. I viola si trovano in tredicesima posizione a quota 38 (9 vittorie, 11 pareggi 1 15 sconfitte) e anche loro, seppure pi¨ tranquilli, hanno qualche problema per la salvezza. I rossobl¨ dopo le ultime travolgenti e meritate incursioni verso la salvezza, non possono fallire l'impresa. Tutto Ŕ pronto per l'aggancio a tre partite dalla fine del campionato, tenendo conto che i rossobl¨ sono imbattuti da 5 partite consecutive e hanno collezionato 3 vittorie e due pareggi, stesso ruolino per i viola (2 vittorie e 2 pareggi nelle ultime 4 partite) anche se il Cagliari, a livello statistico, Ŕ in vantaggio contro la Fiorentina nelle 39 partite precedenti disputati in casa in serie A con 18 vittorie, 15 pareggi e 6 successi per i viola. L'ultima vittoria della Fiorentina risale al 22 dicembre 2017. Per la formazione nessuna novitÓ, anche se quella che scenderÓ in campo sarÓ la squadra migliore.




ERA SPACCIATO, MA LA RISPOSTA DEI
ROSSOBLU' E' STATA IMMEDIATA

DAI MOMENTI BUI DEL PERIODO DI DI
FRANCESCO ALLE ULTIME 5 PARTITE

LA GESTIONE SEMPLICI FUNZIONA,
E' ADESSO UN CAGLIARI SUPER

di Carmelo Alfonso
(10-5-2021) Non Ŕ stato agevole, per il Cagliari dato per spacciato, conquistare tanti punti ( venti ) nelle partite giocate con Semplici (
foto dal web/Social) in panchina ( dodici ) e recuperare buona parte del tanto terreno perduto nelle ventitre gare disputate in precedenza. Non Ŕ stata una missione facile lasciarsi definitivamente alle spalle Parma e Crotone ( oramai condannate a tornare in B ); superare in classifica Benevento e Spezia; raggiungere il Torino a quota 35 ( ma i granata devono recuperare la gara contro la Lazio, a Roma, il 18 maggio ); avvicinarsi al Genoa ( 36 punti ) e alla Fiorentina ( 38 ), l'avversaria di domani alla Sardegna Arena ( inizio alle 18,30 ). Non Ŕ stato facile, ma la risposta dei giocatori Ŕ stata immediata : subito due vittorie contro Crotone e Bologna ed un pareggio esterno contro la Sampdoria. Poi, per˛, sono seguite quattro sconfitte di fila : contro Juventus e Verona in casa, ed in trasferta contro Spezia ed Inter. Si Ŕ temuto un ritorno ai momenti bui vissuti con Di Francesco in panchina. Con la vittoria sul Parma per 4 - 3 , i rossoblu hanno, invece, ricominciato la corsa verso la salvezza. Sono infatti arrivati altri tre successi contro Udinese, Roma e, per ultimo, Benevento, ed un pareggio a Napoli. Ed Ŕ tornato l'ottimismo, la speranza della meritata salvezza. Tutto, ovvero il risultato finale sperato, dipenderÓ dai risultati contro i viola e, ultima di campionato, in casa contro il Genoa di Ballardini. Nel mezzo , il confronto col Milan al Meazza (domenica prossima, ore 20,45 ). A Benevento sono state gettate le basi per meritarsi la permanenza in serie A. Le qualitÓ tecniche dei giocatori che indossano la maglia rossoblu costituiscono una garanzia. E affidamento offre anche Leonardo Semplici, ex giocatore del Sorso in C 2 nella stagione '88-'89 ( 33 presenze e due gol ), e, da allenatore, capace di riportare
la Spal in serie A dopo 49 anni e con la squadra di Ferrara raggiungere due storiche salvezze.



PARTITE DELLA 35░
GIORNATA


CLASSIFICA

LANCIATISSIMO CAGLIARI, SEMPLICI:
"NON SIAMO ANCORA SALVI"

BATTUTO ANCHE IL BENEVENTO (1-3),
FURIA INZAGHI:"SIAMO STATI DERUBATI"
VERSO LA SALVEZZA, MERCOLEDI
ARRIVA ALLA SARDEGNA ARENA LA FIORENTINA

di Franco Vecchiarecchi
(9-5-2021) Ha vinto, un ko perfetto, senza esitazione. Cagliari magico pu˛ andare avanti verso la salvezza. Ha liquidato il Benevento in una sfida-salvezza (1-3: pt 1' Lykogiannis, 16' Lapadula, 19' Pavoletti, 48' Joao Pedro) grazie alla determinazione e alla prova di carattere di tutti i rossobl¨ che hanno messo slancio e cuore con un solo obiettivo: continuare la striscia positiva per rimanere in serie A. Questo Cagliari ha iniziato tardi il suo campionato. Prima era spacciato, messo alle corde e andava verso la retrocessione. Poi l'urlo di Pavoletti, di Joao Pedro, di Cragno e di quanti non volevano cedere ed ecco un'altra situazione, il nuovo Cagliari di Semplici (
foto dal web/Social) che piace e che fa faville. Nelle ultime 5 partite il Cagliari ha totalizzato 13 punti e con la schiacciante vittoria contro i campani si piazza a 35 punti, agganciando il Torino, che deve recuperare una partita, e scavalcando anche lo Spezia. Adesso si trova in sestultima posizione e pu˛ sperare in altri posti da qui al termine del campionato. Tremano, oltre al Torino, il Genoa, la Fiorentina (che scenderÓ alla Sardegna Arena mercoledi 12 maggio) ma anche il Bologna e l'Udinese a quota 40. Tutto pu˛ succedere per questo Cagliari lanciatissimo. Le cose per i rossobl¨ non sono andate liscie. I padroni di casa hanno pi¨ volte messo in difficoltÓ i rossobl¨, si sono impegnati e non volevano affatto perdere l'incontro. Nel finale, poi, diversi colpi di scena quando il risultato era sull' 1-2 : l'impresa di Cragno su Schiattarella e Caprari poi il calcio di rigore assegnato al Benevento per fallo del subentrato Asamoah su Viola. Attimi di esitazione nei quali tutto poteva accadere, poi l'arbitro Doveri ha annullato, dopo il Var, la massima punizione con sospiro di sollievo e grande gioia da parte dei rossobl¨. Finita la partita se ne gioca un'altra con i vertici giallorossi infuriati contro la decisione dell'arbitro al Var Mazzoleni, che non ha consentito il rigore al Benevento. E Inzaghi non ha dubbi:siamo stati derubati, e non accetta l'episodio del rigore: "Ho visto i ragazzi piangere, si sentono derubati e questo mi dispiace molto. Sono nel calcio da molto ed Ŕ brutto, non doveva andare cosý. Se dicono che il tocco Ŕ lieve e l'arbitro fischia rigore, il Var non pu˛ intervenire". Insomma, il rigore doveva essere battuto. Dopo l'episodio del rigore, annullato, nel finale Joao Pedro ha chiuso i conti col Benevento. Adesso la classifica si fa dura per i campani, mentre per il Cagliari si aprono diverse prospettive, sempre con passi sicuri e decisi verso la salvezza. Mercoledi arriva alla Sardegna Arena la Fiorentina (38 punti) che si trova a 3 punti oltre il Cagliari (35) e nulla Ŕ impossibile. Ci potrebbe essere l'aggancio e a questo punto i rossobl¨ potrebbero essere fuori definitivamente dalla zona della retrocessione.




BENEVENTO - CAGLIARI , PARTITA VERITA' CHE VALE UN CAMPIONATO (ORE15,00)
INZAGHI SCHIERA SCHIATTARELLA
E IN ATTACCO C'E' LAPADULA

NEL CAGLIARI RIENTRA JOAO PEDRO
E MARIN, C'E' ANCHE PAVOLETTI


di Franco Vecchiarecchi
(8-5-2021) Ecco la partita che vale la salvezza in serie A. Benevento - Cagliari ha tutta l'aria di essere la partita della vita, quella del dentro o fuori e sicuramente darÓ il verdetto per la chiusura anche delle squadre che andranno in serie B. E' un altro incontro decisivo, un'altra finale, come dice il tecnico rossobl¨ Semplici, a quattro giornate dalla fine del campionato. In conferenza stampa Semplice non si Ŕ sbilanciato sulla formazione e sulla tattica, del resto Ŕ buona norma non essere trasparenti ma ha detto due cose importanti: 1) rispetto per il Benevento, 2) il futuro Ŕ nelle nostre mani. Bisogna partire da qui per affrontare la partita. Se Ŕ vero che ogni incontro per il Cagliari Ŕ una finale, Ŕ anche doveroso dire che l'avversario venderÓ cara la pelle soprattutto se la compagine si trova a un punto di distanza dal Cagliari ed entrambe sono rispettivamente in quartultima, i rossobl¨, e in terzultima, il Benevento, posizione in piena retrocessione col Parma e Crotone giÓ in serie B. Partita quindi da non sottovalutare e Filippo Inzaghi, mister del Benevento, non parte sconfitto. I complimenti, da ambo le parti, si sprecano ma le Streghe sono pi¨ esplicite: abbiamo vinto all'andata e daremo il 120%. Anche il Cagliari Ŕ molto carico. Del resto lo ha dimostrato in queste ultime 4 partite totalizzando 10 punti, ma adesso servono punti o perlomeno quei punti necessari per salvarsi. Il pareggio a Napoli ha ulteriormente creato una mentalitÓ da squadra, i rossobl¨ sono pi¨ determinati, mettono grinta e cinismo e hanno in mente l'obiettivo della vittoria. Non sono stanchi e mentalmente sono caricatissimi. Rientra Joao Pedro (
foto dal web/Social), un pezzo da novanta che metterÓ slancio all'attacco per le conclusioni finali. Rientra anche Marin e Ceppitelli. Nel Benevento ci sono Schiattarella ed Hetemaj, ballottaggio Insigne-Falque col primo favorito e c'Ŕ anche Lapadula. E' una partita che il Cagliari non pu˛ perdere. Il Benevento ha vinto 2 volte nel 2021 e il successo in casa manca dal 20 dicembre.


ANCORA UN RECUPERO IN EXTREMIS E IL
CAGLIARI E' A UN PASSO VERSO LA SALVEZZA
"CONTINUARE COSI'": UN ALTRO CAGLIARI
CHE LOTTA PER RESTARE IN SERIE A

di Carmelo Alfonso
(3-5-2021) Siamo certi che anche Oscar Washington Tabarez, l'indimeticato allenatore del Cagliari negli anni novanta, attuale Commissario tecnico della nazionale uruguaiana, ha gridato di gioia quando uno dei suoi ragazzi, Nahitan Nandez, ha segnato per il Cagliari il gol del pareggio a Napoli. Mancavano pochi minuti al termine della gara, e pareva che per i rossoblu non ci sarebbe stato pi¨ il tempo per evitare la sconfitta. Invece, al quarto dei sei minuti di recupero decretati dall'arbitro Fabbri, Nandez ha fatto centro. Ancora un recupero in extremis, ed ancora un altro passo verso la salvezza. Un gol che ha consentito alla squadra di Semplici di superare il Benevento col quale, guarda caso, se la vedrÓ domenica ( ore 15 ) in uno scontro che potrebbe valere la salvezza. Un pareggio ampiamente meritato dai rossoblu, frutto di una grande prestazione di tutti i quindici giocatori mandati in campo da Semplici (
foto dal web/Social). Forza di volontÓ, voglia di non cedere, di lottare per un traguardo che pareva impossibile contro una squadra che si batte per la qualificazione alla Champions League. "Continuare cosý " Ŕ quanto chiede Semplici ai suoi giocatori, che una risposta l'hanno giÓ data. Tutti. Il " risparmio " di Joao Pedro , rimasto in panchina perchÚ in diffida, Ŕ stata una coraggiosa iniziativa per evitare che un cartellino giallo facesse scattare la squalifica che avrebbe impedito al goleador rossoblu di giocare domenica contro la squadra di Inzaghi. E anche l'impiego di giocatori normalmente poco utilizzati , eppure utilissimi nelle ultime partite come Cerri , e la conferma di altri come Carboni e Deiola, e anche la crescita, nella loro nuova squadra, di elementi come Duncan e Asamoah, hanno un loro ben preciso significato : Ŕ un altro Cagliari quello che lotta e lotterÓ per restare in serie A.



PARTITE DELLA 34░
GIORNATA

CLASSIFICA

TRIONFA L'INTER, E' SUO IL 19ESIMO SCUDETTO. GRANDE FESTA IN PIAZZA (CON ASSEMBRAMENTI)
ALL'ULTIMO RESPIRO IL
CAGLIARI GELA IL NAPOLI (1-1)

GOL DI NANDEZ, UN PUNTO
D'ORO IN CHIAVE SALVEZZA


di Franco Vecchiarecchi
(2-5-2021) L'Inter vince lo scudetto ed Ŕ campione d'Italia per la diciannovesima volta mentre il Cagliari compie un altro passo in avanti verso la permanenza in serie A pareggiando al Maradona contro un Napoli per niente arrendevole. Mentre l'affare scudetto Ŕ risolto, mancano i tasselli per conoscere le squadre che dovranno andare in serie B. Scontate le retrocessioni del Crotone e del Parma resta da individuare la terza squadra tra un gruppetto che includono, tra le altre, le compagini del Benevento, Torino, Spezia e forse anche Fiorentina e Genova. In pratica sono a rischio le squadre che orbitano in quattro punti oltre il Cagliari che Ŕ posizionato a quota 32 dopo il pareggio in trasferta contro il Napoli (1-1: 12ĺ pt Osimhen, 48ĺ st Nandez). Al Maradona la squadra di Semplici partiva in svantaggio: per la grande differenza punti e per la qualitÓ dei giocatori azzurri. I napoletani, a quota 67 e a ridosso del Milan, Juventus, Atalanta e all'Inter campione d'Italia, non erano a rischio e avevano tutti i pronostici a favore. Questa volta, per˛, non avevano fatto i conti con la rabbia e la "fame" dei rossobl¨ che non hanno nessuna intenzione di scendere nella serie inferiore e da qualche settimana a questa parte stanno affrontando un altro campionato per restare nella massima serie. Dopo tre vittorie consecutive Ŕ arrivato anche il pareggio per continuare la striscia positiva verso la salvezza. Non era pensabile nŔ la vittoria nŔ il pareggio, ma Semplici e i suoi ragazzi ci hanno creduto fino alla fine e hanno agguantato un prezioso pareggio bloccando di fatto il Napoli verso il traguardo della qualificazione alla Champions League del prossimo anno. La squadra di Gattuso ha guidato le danze e col gol di Osimhen al 12' del primo tempo ha sbloccato la gara dando l'impressione di una partita facile per gli azzurri. Il Napoli spreca moltissimo e pecca alla fine di superficialitÓ nei momenti decisivi dell'azione dando la possibilitÓ a Cragno, rientrato dopo la positivitÓ al covid, di farsi notare. E' comunque l'attaccante nigeriano l'artefice di una bella partita della squadra di Gattuso, fino per˛ al 30' della ripresa quando Osimhen Ŕ costretto a uscire dal campo dopo uno scontro aereo con Ceppitelli. Da quel momento in poi le cose cambiano, e il buon Semplici riposiziona i suoi giocatori per la carica finale. Il Cagliari cresce ed Ŕ pi¨ incisivo e ha la convinzione di farcela. E alla fine, in extremis trova il pareggio con Nandez (
foto dal web/Social) al 4' di recupero: lancio di Duncan da metÓ campo e Nandez si inserisce molto bene nell'aria piccola e mette in rete. Pareggio meritato che da la possibilitÓ al Cagliari di andare avanti, in maniera splendida, verso la salvezza.


CAGLIARI A NAPOLI, SEMPLICI:
VIVIAMO ALLA GIORNATA (ORE 15)

PARTITA DIFFICILE, MA NON IMPOSSIBILE. RIENTRA
CRAGNO E C'E' NAINGGOLAN. IN
ATTACCO SIMEONE-PAVOLETTI


di Franco Vecchiarecchi
(1-5-2021) Il Cagliari chiede al Napoli il pass per restare in serie A. L'incontro in trasferta Ŕ difficile e se dovessimo guardare la classifica il risultato potrebbe essere giÓ scontato. I precedenti, poi, sono a totale vantaggio degli azzurri che hanno vinto 20 delle 34 partite giocate in casa contro le sole 5 del Cagliari. Dalla parte dei rossobl¨ c'Ŕ, comunque, la vittoria dell'ultima gara giocata al S.Paolo per 1 a 0, quando in panchina c'era Ancelotti. Per i ragazzi di Semplici Ŕ un'altra partita-finale in chiave salvezza. La corsa dei rossobl¨ per rimanere in serie A sta dando i suoi frutti e dopo le 3 consecutive vittorie il Cagliari si appresta a giocare la partita forse pi¨ decisiva con una formazione che Ŕ in terza posizione in classifica, quota 66 punti, a pari merito con Milan e Juventus e con una progressione invidiabile mentre il Cagliari si trova quartultima con 31 punti, riprendendo Benevento e Torino che ha ancora una partita in pi¨ da giocare. Contro i ragazzi di Gattuso, mister Semplici Ŕ ottimista anche se "il Napoli sta attraversando un momento di grande forma. SarÓ una partita difficilissima". Il tecnico rossobl¨ riconosce difficoltÓ e non guarda troppo avanti:" Ŕ necessario vivere partita dopo partita", del resto le ultime 3 partite vinte sono frutto di impegno, forza d'animo e grande cuore di una compagine che improvvisamente (si fa per dire) si Ŕ ritrovato sull'orlo di un precipizio (vedi retrocessione) e con uno scatto invidiabile e di grande valenza emozionale Ŕ riuscita a dire che il Cagliari c'Ŕ, Ŕ vivo e partecipa con convinzione a rimanere nella massima serie. Nulla al momento si sa sulla scelta del portiere. Cragno ha recuperato, dopo la positivitÓ al covid, e Vicario, che lo ha sostituito in queste ultime vittoriose partite, Ŕ comunque pronto. Rientra in squadra anche Nainggolan (
foto dal web/Social) che, secondo Semplici, potrebbe essere un punto di riferimento per le sue qualitÓ e potrebbe essere determinante per le azioni del Cagliari.In attacco la coppia Simeone e Pavoletti.



3 SU 3, 9 PUNTI IN POCO TEMPO E IL CAGLIARI RAGGIUNGE IL BENEVENTO
CONTRO LA ROMA GRANDE
CAGLIARI, GRANDI TUTTI

CALENDARIO NON FACILE: DOMENICA A NAPOLI POI C'E' IL BENEVENTO

di Carmelo Alfonso
(26-4-2021) Tre su tre. Nove punti, in poco tempo, che hanno consentito al Cagliari di raggiungere il Benevento a quota 31 ( pure il Torino, ieri sconfitto in casa dal Napoli, Ŕ a trentuno punti ma deve recuperare una gara ) e di "vedere"la zona salvezza. Nove punti in otto giorni: un primato di questi tempi. Un recupero che ha del prodigioso e che consente ai rossoblu di credere fortissimamente nella possibilitÓ di raggiuungere quel traguardo che pochi giorni fa pareva quasi impossibile. Grande Cagliari, grandi tutti : dai giovani ai meno giovani, a Semplici, che ha ridato volto, ordine e coraggio ad una squadra che pareva essersi perduta e quasi rassegnata al peggio. Contro la Roma i rossoblu sono apparsi letteralmente trasformati, a cominciare da Joao Pedro che ha certamente tratto vantaggio dalle ottime prestazioni di Nandez, Deiola e Lykogiannis (ma non soltanto ).Un Cagliari, in sostanza, come mai si era stato visto in quest'ultimo periodo e come, si spera, possa continuare nelle prossime cinque giornate. Il calendario non riserva gare facili. GiÓ domenica, a Napoli ( ore 15 ), ci sarÓ un primo impegnativo esame contro una squadra in grande forma, che lotta per un posto in Champions League. SeguirÓ il confronto col Benevento, sempre in trasferta (domenica 9 maggio, orario da definire ), che potrebbe risultare decisivo per la salvezza. Successivamente, alla Sardegna Arena, si giocherÓ Cagliari - Fiorentina ( mercoledi 12 maggio, orario ancora da definire ), poi Milan - Cagliari ( domenica 16 maggio ) e, infine, Cagliari - Genoa, ultima di campionato,il 23 maggio. Un finale di campionato combattutissimo per quanto riguarda la lotta per la permanenza in serie A (ancora un posto da assegnare considerato che Crotone e Parma sembrano giÓ condannati ), mentre per l'inter si pu˛ giÓ parlare di scudetto.

PARTITE DELLA 33░
GIORNATA

CLASSIFICA

CAGLIARI TROPPO FORTE PER LA ROMA, SCIVOLONE PER I GIALLOROSSI (3-2)
TRE PARTITE, TRE VITTORIE: ROSSOBLU' SEMPRE IN CORSA PER LA SALVEZZA
SEMPLICI: STRADA ANCORA LUNGA, MA QUESTI RAGAZZI SONO STRAORDINARI

di Franco Vecchiarecchi
(25-4-2021) Tre partite, tre vittorie e l'ultima alla Sardegna Arena contro la Roma battuta dal Cagliari, in maniera straordinaria, per 3 a 2 (4' Lykogiannis, 27' Carles Perez, 57' Marin, 64' Joao Pedro e al 69' Fazio). Vittoria sofferta, sicuramente, ma le capacitÓ e la grinta dei baldi rossobl¨ si sono spinte al di lÓ del risultato, che pure conta, e che manda in frantumi pronostici e algoritmi calcistici. Ha vinto il Cagliari, grande, impeccabile contro una Roma prepotente e non certo disponibile a farsi battere. Si dirÓ che la squadra di Paulo Fonseca aveva la testa alla semifinale di Europa League contro il Manchester United, ma gioca, si impegna e onora la sua posizione in classifica. La Roma Ŕ la settima squadra del campionato, dietro alla Lazio, al Napoli e alla Juventus poi, pi¨ avanti, le compagini del vertice (Milan, Atalanta e l'Inter con i suoi 79 punti), non Ŕ una mezza calzetta e non fa sconti a nessuno. Eppure questa volta ha ceduto ma non per problemi suoi o per il fatto che pensava all'incontro europeo ma sotto i colpi micidiali di un Cagliari deciso a farsi valere e a continuare la striscia positiva per restare in serie A. Semplici, allenatore cagliaritano, non ha dubbi: "questi ragazzi sono straordinari" (
foto dal web/Social ) anche se, dice, la strada per la salvezza non Ŕ semplice ed Ŕ ancora lunga. Si diceva 3 partite vinte ma non Ŕ finita. Domenica 2 maggio il Cagliari va in trasferta per affrontare il Napoli, un'altra partita impegnativa, ma col risultato non impossibile, in attesa dello scontro-salvezza, della settimana successiva, di domenica 9 maggio, in trasferta contro il Benevento, incontro che deciderÓ il dentro e fuori per la serie A. Il Cagliari con questa vittoria si porta a 31 punti, raggiungendo il Benevento e il Torino, che ha due partite in meno) ed Ŕ in piena corsa per la salvezza. La partita della Sardegna Arena Ŕ stata ricca di gol, divertente e con molte occasioni. Nessuna squadra voleva perdere e le motivazioni erano alte. Il Cagliari Ŕ da subito una furia: al 4' colpo di tacco di Joao Pedro e Lykogiannis va in rete. Oltre 20 minuti dopo il pareggio con Carles Perez che chiude il primo tempo. Altre tre reti nel secondo tempo: il Cagliari va in rete al 57' con Marin su azione di Simeone e con Joao Pedro al 64', mentre al 69' la Roma accorcia le distanze. Festa rossobl¨ e adesso c'Ŕ il Napoli, ma non fa paura.



E' IL GIORNO DI CAGLIARI-ROMA: TRA I PALI ANCORA VICARIO (SARDEGNA ARENA ORE 18)
ALTRA PARTITA DA NON PERDERE,
SEMPLICI: INCONTRO DETERMINANTE


di Franco Vecchiarecchi
(24-4-2021) E' il giorno di Cagliari- Roma, un'altra partita da vincere per continuare la scia verso la salvezza. I rossobl¨ sono reduci della vittoria in trasferta contro l'Udinese e ogni partita, da qui alla conclusione del campionato, Ŕ da non sottovalutare e comunque da vincere se si vuole rimanere in serie A. Il Cagliari si Ŕ svegliato tardi e ha cominciato a capire la gravitÓ della situazione quando ha visto la classifica e la sua pericolante posizione. Le motivazioni delle due squadre sono diverse. Per il Cagliari Ŕ "una partita determinante" , come dice giustamente l'allenatore Semplici, e servono i tre punti per non perdere terreno e aspettare passi falsi dalle squadre che attualmente si trovano un p˛ sopra i rossobl¨ come il Benevento, punti 31, ma anche il Torino, stesso punteggio ma con una partita in meno, oltre allo Spezia e alla Fiorentina che ne hanno 33. Il Cagliari, con 28 punti, deve allontanarsi dalle terzultima posizione e superare il pi¨ possibile altre squadre. In cinque punti troviamo 4 squadre e tutte si daranno da fare per non perdere la poltrona nella massima serie. La Roma, invece, punta tutto sull'Europa League e Paulo Fonseca Ŕ pronto al turnover massiccio contro il Cagliari. E' chiaro che l'allenatore romanista vorrÓ preservare alcuni suoi ragazzi per mettere sul campo la formazione migliore da impiegare giovedi a Old Trafford. I ragazzi di Semplici daranno battaglia fin dall'inizio anche se non ci sarÓ l'apporto di Radja Nainggolan (
foto dal web/Social), squalificato. In campo non ci sarannoil portiere Cragno, infortunato, sostituito ancora una volta da Vicario, ma neanche Sottil e Rog. All'attacco forse Pavoletti pi¨ che Simone per fare coppia con Joao Pedro.


DUE VITTORIE DI FILA IN POCHI GIORNI PER SPERARE NELLA SALVEZZA
PER IL CAGLIARI ANCORA UNA SITUAZIONE COMPLICATA MA NON
DISPERATA E DOMENICA C'E' LA ROMA
SARA' UN'ALTRA GRANDE IMPRESA?

di Carmelo Alfonso
(22-4-2021) Due vittorie di fila, a distanza di pochissimi giorni, quindi l'accorciamento della distanza dalle quart'ultime per continuare a sperare nella salvezza. Quasi un miracolo per il Cagliari (
foto dal web/Social Joao Pedro), poche giornate fa dato per spacciato e quindi destinato a finire in serie B. Travolto il Parma, alla Sardegna Arena, al termine di una gara straordinaria, e poi battuta l'Udinese in trasferta, i rossoblu hanno ridotto lo svantaggio a tre punti dal Benevento e dal Torino ( i granata, comunque, devono recuperare una gara) ed a cinque da Spezia, Genoa e Fiorentina. Una situazione ancora complicata, ma neppure disperata considerato che a Cagliari dovranno giocare sia la Fiorentina che il Genoa, e che fra tre giornate ( 9 maggio) i cagliaritani renderanno visita al Benevento piuttosto deludente nelle gare interne ( due vittorie, sei pareggi e otto sconfitte ). Il Cagliari delle due ultime gare lascia ben sperare. Semplici pare abbia trovato modulo e giocatori pi¨ idonei per risalire la china e tradurre in realtÓ il piano che il presidente Giulini si Ŕ proposto con l'esonero di Di Francesco, ovvero la salvezza. Il recupero di giocatori importanti come Ceppitelli e Pavoletti; il ritorno a rendimenti elevati di gente come Nainggolan e Joao Pedro; le buone prove dei giovani Carboni e Deiola; la continuitÓ di rendimento garantita da elementi come Godin, Marin e Nandez, lasciano ben sperare per il futuro. E' necessario continuare su questa strada intrapresa una settimana fa. Domenica ( ore 18 ) c'Ŕ la Roma. Nel Cagliari mancherÓ Nainggolan ( squalificato), ed Ŕ un'assenza importante; ma nel Cagliari visto in queste ultime giornate non mancano le adeguate soluzioni per continuare a vincere e risalire la classifica.



PARTITE DELLA 32░
GIORNATA



SECONDA VITTORIA CONSECUTIVA DEL CAGLIARI VERSO LA SALVEZZA (0-1)
3 PUNTI D'ORO E I ROSSOBLU' POSSONO
SORRIDERE E INIZIARE A PENSARE ALLA PARTITA CONTRO LA ROMA


di Franco Vecchiarecchi
(21-4-2021) Il Cagliari fa sul serio e mette ko al Dacia Arena l'Udinese grazie a un rigore segnato all'inizio della ripresa da Joao Pedro, una vittoria sofferta ma bella, straordinaria soprattutto perchŔ si sente che questi baldi giovani rossobl¨ vogliono lasciare ad altri la zona retrocessione per continuare a giocare in serie A. Tre punti d'oro che confermano la grinta, il cuore dei rossobl¨ verso la salvezza, una vittoria che arriva dopo quell'altra straordinaria di qualche giorno prima contro il Parma alla Sardegna Arena. Semplici, l'allenatore rossobl¨, lo diceva da qualche settimana, anche se i risultati mettevano il Cagliari alle corde, "dobbiamo crederci", e i rossobl¨ stanno affrontando questo finale di campionato con altro spirito e con la determinazione necessaria per uscire subito dalla terzultima posizione in classifica. Il Cagliari poteva vincere con altro risultato: palo di Pavoletti in avvio partita e rete annullata nel primo tempo a Joao Pedro dal Var. Il gol, quello buono, arriva al 5' della ripresa: c'Ŕ un corner, colpo di testa di Carboni bloccato dal braccio di Pereyra. L'arbitro dopo aver visto le immagini al Var concede il rigore che Joao Pedro (
foto dal web/Social) mette a segno. L'Udinese non ci sta e va all'attacco per ristabilire gli equilibri. I rossobl¨ stanno abbassando troppo il baricentro e i bianconeri ne approfittano. Al 25' c'Ŕ l'occasione dei padroni di casa con Nestorovski che a due passi da Vicario sbaglia clamorosamente il gol. Il Cagliari riparte ma non convince, mentre l'Udinese continua ad avere altre occasioni come al 35' con azione di Braaf con un rasoterra molto pericoloso ma il portiere rossobl¨ non si fa sorprendere. Il Cagliari non entra nel panico e si difende con ordine. Si va ai recuperi: qualche tiraccio ma ormai Ŕ fatta. Il Cagliari vince ed Ŕ a -3 da Torino e Benevento. Prossima partita alla Sardegna Arena: arriva la Roma. SarÓ la terza vittoria consecutiva?

LA VOLATA FINALE DEL CAGLIARI PER RIMANERE IN SERIE A (ORE 20,45)
LA "FAME" DEI ROSSOBLU' E' FORTE ANCHE CONTRO L'UDINESE
FORMAZIONE COMPATTA, DETERMINATA
A PORTARE A CASA I 3 PUNTI


di Franco Vecchiarecchi
(20-4-2021) Dopo la straordinaria vittoria in casa contro il Parma, il Cagliari si presenta alla Dacia Arena col significativo impegno di portare a casa l'intera posta. Non sarÓ facile ripetere l'impresa questa volta contro l'Udinese che viaggia in una situazione tranquilla, 36 punti in classifica, ma la "fame" dei rossobl¨ Ŕ forte e c'Ŕ la determinazione di continuare sulla scia positiva con l'obiettivo di andare oltre la zona della retrocessione e rimanere in serie A. Ancora poche partite e si saprÓ meglio dove potrÓ arrivare questo Cagliari, partito con grandi prospettive e arrivato con un piede in serie B, che oltre all'Udinese dovrÓ vedersela in casa contro la Roma e successivamente in trasferta contro il Napoli. Partite importanti, determinanti e sicuramente da non sottovalutare guardando sempre ai tre punti da portare a casa. Il destino e la permanenza in A sono nelle mani dei rossobl¨ che in questi due/tre giorni hanno lavorato sodo per conoscere l'avversario e batterlo. C'Ŕ stanchezza, evidente per aver dato tutto nell'incontro col Parma, ma c'Ŕ voglia e determinazione di vincere e Semplici (
foto dal web/Social) non mollerÓ l'impresa e starÓ sempre lý a dare forza e coraggio ai suoi ragazzi. Formazione quasi al completo per i rossobl¨ e quasi certamente in porta ci sarÓ Vicario e Carboni in difesa, Nainggolan sarÓ schierato pi¨ avanti mentre la coppia di attaccanti sarÓ formata da Joao Pedro e Pavoletti. In casa friulana Gotti dovrÓ fare a meno di De Paul, in difesa Becao, Bonifazi e Nuytinck, mentre Ŕ totalmente recuperato l'attaccante Makengo.




CAGLIARI-PARMA, I CINQUE
MINUTI DA NON DIMENTICARE

ECCO I VERI ROSSOBLU': FURIA E
TANTA VOGLIA DI RIMANERE IN A

UN PICCOLO PASSO PER SPERARE
E MERCOLEDI C'E' L'UDINESE

di Carmelo Alfonso
(18-4-2021) Un finale tutta rabbia e con tanta voglia di non farsi sopraffare ancora una volta alla Sardegna Arena; cinque minuti da non dimenticare e una vittoria che consente al Cagliari di continuare a sperare nella salvezza. Contro il Parma si Ŕ vista la squadra - almeno nel finale di gara - quasi mai percepita in queste ultime stagioni: furia e tanta voglia di ribellarsi a un destino che a pochi minuti dal termine pareva segnato. Ha vinto il Cagliari, forse condannando il Parma, ma la lotta per restare in serie A Ŕ ancora lunga, e sarÓ certamente molto dura. E non soltanto per i rossoblu. Un piccolo passo avanti, comunque, il Cagliari lo ha fatto. Non c'Ŕ molto da entusiasmarsi, sia ben chiaro, perchÚ le lacune ci sono e sono state evidenti ( sempre presenti le disattenzioni difensive che hanno portato a 54 le reti subite ), cosý come chiaro Ŕ il calo fisico di Joao Pedro e altrettanto palese il periodo negativo che attraversa Simeone; di contro si Ŕ notata la crescita di Nainggolan, la tanta voglia di emergere di Cerri, il ritorno alla travolgente potenza aerea di Pavoletti e l'ottimo senso del gol di Pereiro. Le sconfitte di Benevento, Fiorentina, Spezia e Genoa hanno consentito alla squadra di Semplici di fare un piccolo passo ( purtroppo ancora molto piccolo ) verso la quart'ultima posizione in classifica, ma i distacchi non sono incolmabili. Soltanto il Torino ( che dovrÓ recuperare una partita), con la vittoria sulla Roma Ŕ riuscito a conservare il vantaggio sui rossoblu. Per il resto, Fiorentina e Genoa dovranno giocare alla Sardegna Arena, ed il Benevento non sembra imbattibile. Neppure l'Udinese, che mercoledý ospiterÓ il Cagliari (ore 20,45 ) sembra possa sovrastare i rossoblu determinati visti domenica sera contro il Parma. Al Friuli ci sarÓ da lottare, ma nessun confronto, oramai, sarÓ facile: per nessuno. Un motivo in pi¨ perchŔ Pavoletti e compagni credano nell'impresa salvezza.

PARTITE DELLA 31░
GIORNATA

CLASSIFICA

IL PARMA FINISCE IN LACRIME, PEREIRO E CERRI RIBALTANO IL RISULTATO (4-3)
PARTITA PAZZESCA, EMOZIONANTE, UNA VITTORIA PER RIMANERE IN A
CAGLIARI RIMONTA DA
INFARTO, IN
3 MINUTI METTONO
KO I DUCALI


di Franco Vecchiarecchi
(17-4-2021) In momenti cosý difficili e pronti a cadere nel burrone della retrocessione, il Cagliari si aggrappa alla forza che ha in corpo e manda avanti la sua vera natura, quella che per troppo tempo Ŕ stata travolta da sfortuna e poca produttivitÓ. E alla fine, tirando fuori unghie e rabbia Ŕ riuscito a vincere. Cagliari, quindi, ha battuto il Parma per 4 a 3 ( 5' Pezzella, 31' Kucka, 39' Pavoletti, 59' Man, 66' Marin, 91' Pereiro, 94' Cerri) in un incontro esaltante, infinito dove i gol hanno raccontato la parabola dell'una come dell'altra squadra, in bilico fino alla fine quando poi solo una compagine doveva issare la bandiera della vittoria. Si pu˛ dire che i rossobl¨ in questa partita hanno confezionato l'incontro perfetto, dentro o fuori, si diceva alla vigilia, anche se i ragazzi di Semplici non hanno mollato mai anche quando il Parma ha messo a segno i gol del vantaggio per tutta la partita, poi, per˛, la squadra di D'Aversa ha ceduto. E' successo soprattutto nei minuti di recupero quando in 3 minuti il Cagliari ha pareggiato e poi il parmigiano Cerri, entrato nel finale, ha segnato la rete decisiva che condanna, anche se non c'Ŕ la matematica, i ducali in serie B. I crociati parleranno di beffa, ma la "fame" rossobl¨ si Ŕ vista e si Ŕ pesata nei momenti difficili, delicati, quando tutto sembrava deciso. Ribaltare il risultato dall'1-3 al 4-3 non era facile, anzi, per come Ŕ stato il ruolino del Cagliari in molte partite, era impossibile. Per tutta la gara i rossobl¨ si sono visti giÓ in serie B, con l'ennesima sconfitta in casa, mentre i giallobl¨ erano al settimo cielo. Poi quello che non ti aspetti, col Cagliari che riprende a correre, inciampa ma non cade, gioca in maniera pazzesca, intensa e l'emozione corre, mentre i minuti sembrano decidere tutto. Poi la forza della disperazione, della rabbia si concretizza: Ŕ vittoria. Splendida, favolosa, straordinaria. Adesso, per˛, dobbiamo fare di pi¨ e guardare al Torino. (
Foto dal web/Social Cerri)




SCONTRO SALVEZZA TRA CAGLIARI - PARMA
ALLA SARDEGNA ARENA (ORE 20,45)

ROSSOBLU' NON ANCORA RASSEGNATI: VINCERE A TUTTI I COSTI
PRONTA LA FORMAZIONE, VICARIO ANCORA TRA I PALI

di Franco Vecchiarecchi
(16-4-2021) E' scontro salvezza tra Cagliari ( 22 punti) e Parma (20 punti), questa volta per davvero, visto che giocano due squadre che si trovano al terzultimo e al penultimo posto in classifica, divisi solo da due punti. Due squadre che punteranno senza mezzi termini alla vittoria per avere altre possibilitÓ nelle future partite al fine di restare nel massimo campionato. Roberto D'Aversa e Leonardo Semplici (
foto dal web/Social) non nascondono difficoltÓ ma sanno che tutto dipenderÓ dal risultato finale, un incontro che deciderÓ il solco pi¨ marcato verso la salvezza o verso la retrocessione. Il motivo dominante, pertanto, Ŕ la permanenza in serie A e il Cagliari ha pi¨ possibilitÓ di riuscirci sia per le potenzialitÓ, che poche volte ha espresso, dei suoi giocatori e sia perchŔ ultimamente ha naufragato pesantemente ed Ŕ ovvio, quindi, il riscatto che si spera ci sarÓ contro una squadra che non esprime la forza dei rossobl¨. Entrambe le formazioni sono a forte rischio retrocessione quando mancano 8 giornate alla fine del campionato. Il ruolino dei rossobl¨ Ŕ disastroso frutto di 5 vittorie, 7 pareggi e 18 sconfitte, ed Ŕ un tracciato che da adesso in poi non consente pause se si vuole rimediare a tante figuracce. Giulini Ŕ deciso a mettere una pezza anche se lo fa in maniera tardiva e molti errori sono stati compiuti durante questo campionato. Il Cagliari aveva altre possibilitÓ e ha costruito una squadra per rimanere in A e per stare entro le prime 10 squadre, poi per˛ qualcosa non ha funzionato e ci sarÓ tempo per capire i motivi che hanno portato a questa drammatica conseguenza. Se guardiamo alla statistica il Cagliari nei 21 precedenti in serie A in casa ha prevalso contro i ducali 10 volte, 6 pareggi e 5 sconfitte. Nelle ultime 8 partite i rossobl¨ hanno vinto in 4 partite e pareggiato altre 4 volte con una sola sconfitta, quella del settembre 2018. Per Semplici sarÓ una partita determinante e sostiene che non sarÓ da ultima spiaggia perchŔ niente Ŕ ancora di definitivo. La formazione, dice il tecnico rossobl¨, non dovrebbe discostarsi molto da quella di Milano con Vicario al posto di Cragno ancora positivo al covid.


E' UN DESTINO INGRATO QUELLO
CHE PERSEGUITA IL CAGLIARI

SABATO ALLA SARDEGNA ARENA ARRIVA IL PARMA POI ALTRE SETTE SUPERPARTITE DEI ROSSOBLU' PER RESTARE IN "A"

di Carmelo Alfonso
(12-4-2021) Sembra proprio che non ci sia niente da fare per il Cagliari battuto dalla capolista Inter - forse immeritatamente - a pochi minuti dalla fine. E' un destino ingrato quello che, da molto tempo, perseguita i rossoblu. Fatti i debiti scongiuri ( pensate a quelli che volete ) pare proprio che non ci sia niente da fare per evitare la retrocessione. Eppure, risultato a parte, contro l'Inter le cose non sono andate molto male: almeno il pareggio, ad un quarto d'ora dal termine, pareva il risultato pi¨ probabile. Certo, ancora una volta Ŕ stato il portiere rossoblu tra i maggiori protagonisti ( Vicario non ha fatto rimpiangere Cragno ), ma anche tra i nerazzurri, Handanovic ha avuto il suo bel daffare per tenere inviolata la sua porta. Purtroppo per il Cagliari, l'interista Darmian (
foto dal web/Social) Ŕ riuscito a mandare la palla alle spalle del portiere cagliaritano, mentre nessuno dei rossoblu ha saputo fare altrettanto nella porta nerazzurra. Cagliari un tantino meglio dalla tre quarti in gi¨, ma inefficace all'attacco. Pavoletti tarda a ritrovare la via del gol e mal sopporta la marcatura dei buoni colpitori di testa; Simeone patisce i continui entra ed esci nella formazione ; Joao Pedro soffre di discontinuitÓ; Nainggolan, che potrebbe essere un buon tiratore, deve dedicarsi, come Nandez e Marin, alla protezione della difesa. Un Cagliari, in sostanza, costruito per settori ( con successivi acquisti poco azzeccati ) e non per essere compagine nel vero senso della parola. Alcuni dati statistici parlano chiaro. Il Cagliari ha finora realizzato 31 reti ( peggio soltanto Benevento con 30 e Parma 29 ); ha subito 51 reti (peggio Crotone con 77, Parma 59, Spezia 55, Benevento 54, Torino 52 ); ha perduto 18 gare ( peggio il Crotone con 23 ). Numeri mortificanti per una squadra partita con ben altre ambizioni. Al termine della stagione mancano otto partite. I rossoblu dovranno vedersela alla Sardegna Arena contro il Parma ( sabato prossimo, alle 20,45), quindi con Roma,Fiorentina e Genoa; fuori casa con Udinese, Napoli, Benevento e Milan. Calendario abbordabile o tremendamente difficile ? Sicuramente per restare in serie A i rossoblu dovranno disputare otto supergare.


PARTITE DELLA 30░
GIORNATA

CLASSIFICA

UN'ALTRA SCONFITTA PER IL
CAGLIARI A SAN SIRO (1-0)

VITTORIA SOFFERTA PER L'INTER CONTRO UN CAGLIARI SOLIDO E CORAGGIOSO. SEMPLICI: "E' MANCATA LA CATTIVERIA"

di Franco Vecchiarecchi
(11-4-2021) Forse Ŕ l'unica partita del Cagliari bella, coinvolgente, graffiante che ha giocato in tanti incontri di questo campionato. E ha puntualmente perso non contro una squadra di pari livello ma contro i primi della classifica, quell'Inter che adesso riparte con +11 dal Milan a otto giornate dalla fine. La sconfitta a S.Siro era nei pronostici, una squadra quasi scudettata contro un'altra col piede in serie B, ma questo Cagliari non si Ŕ fatto domare e non ha subito il gioco. E' stato forte, granitica fino alla fine e ha retto con impegno e cuore contro i ragazzi di Conte che pensavano alla solita passeggiata. Loro sono i padroni del campionato, noi la sbiadita immagine della bella e gloriosa squadra che esattamente 51 anni fa, col grande Gigi Riva, vinse lo scudetto. La sconfitta di misura (1-0 : 77' Darmian) significa due cose: il Cagliari, terzultima in classifica, non Ŕ ancora condannata alla retrocessione anche se ci sono 5 punti di differenza dal Torino, in quartultima posizione ma con una partita da recuperare. Il primo tempo Ŕ dura per i padroni di casa perchŔ devono subire l'avanzata rabbiosa degli ospiti che chiudono ogni spazio all'offensiva nerazzurra. C'Ŕ un gol, subito annullato per fuorigioco, di Sanchez ma nulla pi¨ perchŔ Ŕ il Cagliari che muove il gioco, Ŕ attento e non pu˛ permettersi di sbagliare. Nainggolan (
foto dal web/Social) Ŕ sempre in evidenza e alla mezz'ora ha l'occasione per beccare Handanovic e mettere nei guai la sua ex squadra. Nella ripresa l'Inter si fa vedere spesso davanti alla porta di Vicario, che ha preso il posto di Cragno positivo al coronavirus durante l'ultima partita della Nazionale italiana, ma non segna grazie anche alla grande barriera difensiva cagliaritana. Ci prova Sensi, ma anche Eriksen (che sfiora il gol diverse volte) e Lukaku. Intorno al 70' De Vrij colpisce la traversa rossobl¨. Inter alla ricerca disperata del gol che non arriva, bravi i ragazzi di Semplici che si difendono molto bene. Al 77' i nerazzurri trovano il gol con Darmian su azione di Lukaki e Hakimi e Conte non Ŕ pi¨ disperato ma non Ŕ molto felice quando il Cagliari riprende a macinare le azioni pericolose e tese a trovare con forza il pareggio. Ci pensano Pavoletti e Simeone i quali a pi¨ riprese sfiorano i gol e alla fine Conte sorride dopo aver tremato in diversi momenti della partita. Un'altra sconfitta per il Cagliari e sabato prossimo alla Sardegna Arena c'Ŕ il pericolante Parma,in penultima posizione in classifica. E' la partita del dentro o fuori.


30ESIMA GIORNATA DI CAMPIONATO:
INTER - CAGLIARI (ORE 12,30)

SEMPLICI NON HA DECISO L'ATTACCO
MIGLIORE: PAVOLETTI O SIMEONE?

"IL CAGLIARI E' VIVO" E IL TECNICO
PROVA A COSTRUIRE IL RISCATTO

di Franco Vecchiarecchi
(10-4-2021) E' Inter- Cagliari e i rossobl¨ tremano. E' una partita giÓ segnata contro i primi della classifica, un incontro da disputare per i rossobl¨ che ormai stanno andando sempre gi¨. Si direbbe che contro i ragazzi di Conte non c'Ŕ storia, loro pi¨ forti, loro ormai vincitori dello scudetto anche se il tecnico nerazzurro non vuole sentir parlare di scudetto in tasca. Il Cagliari deve onorare la partita e vuole non poter partire da sconfitta. Certo non Ŕ la partita giusta del riscatto, ma potrebbe essere la partenza per una riscossa verso la salvezza e quindi la permanenza in A. Al momento attuale la classifica pone il Cagliari in terzultima posizione a 22 punti. Il Torino, un p˛ sopra, ha vinto contro l'Udinese (0-1) e ha staccato i rossobl¨ di 5 lunghezze, mentre il Parma, in penultima posizione con 20 punti, ha perso contro il Milan (1-3). Stando a questi risultati il Cagliari rischia la retrocessione e deve per forza vedersela col Torino e fare pi¨ punti dei granata se vuole andare oltre il confine della retrocessione. Per il momento il Cagliari sta soffrendo terribilmente e sta tremando per una situazione che non riesce a superare. Ed Ŕ molto strano perchŔ ha le individualitÓ pi¨ complete del campionato, giocatori che da soli sono super e la posizione che questi ragazzi occupano non rispecchiano il valore individuale e complessivo della squadra. Per˛ una cosa sono le individualitÓ e un'altra la squadra, significa che se il Cagliari si trova in questa posizione non Ŕ riuscita a fare compagine, a giocare come squadra e a dare il meglio come collettivo. Lo dice anche Conte: "Vedendo la rosa del Cagliari sorprende vederli in quella posizione". Contro il Cagliari, Conte non potrÓ schierare Nicol˛ Barella, ex rossobl¨, squalificato, lui che sta facendo grande questa Inter. A Nicol˛ dispiace non poter affrontare la sua ex squadra anche se Conte conta molto su di lui per una squadra sempre vincente. Si dice che l'Inter senza Barella Ŕ una squadra che battaglia meno anche se la squadra Ŕ grande di suo, per le sue potenzialitÓ, e normi, che fino a questo momento ha espresso. Nel Cagliari il dubbio di Semplici (
foto dal web/Social) Ŕ la scelta tra Pavoletti, Simeone e Cerri, scelta non facile ma importante per dare pi¨ certezze a Joao Pedro in attacco.


IL CAGLIARI CONTINUA A PERDERE
E LA "B" E' SEMPRE PIU' VICINA

SI PIANGE PER IL NON GIOCO E ROSSOBLU' ANCORA DA MOTIVARE
IL MESSAGGIO DI SEMPLICI:
CONTINUARE A CREDERCI


di Carmelo Alfonso
(6-4-2021) Il Cagliari continua a perdere e la serie B Ŕ sempre pi¨ vicina. In casa rossoblu non resta che piangere. E non soltanto per l'ultima sconfitta subita in casa contro un Verona per niente trascendentale. Si piange per il non gioco; per i tanti palloni sprecati; per l'infinitÓ di passaggi sbagliati ; per l'incapacitÓ di farsi valere nei duelli con giocatori ( ultimi i veronesi) sempre pi¨ attenti, pi¨ scattanti, pi¨ determinati e concreti. D'ora in poi, per il Cagliari non esistono squadre abbordabili o da evitare: i peggiori nemici dei rossoblu sono gli stessi giocatori che Maran, Zenga, Di Francesco e , da un po' di tempo, Semplici (
foto dal wweb/Social), hanno tentato e tenta di motivare; talvolta sembrano giocatori mediocri, senza idee, dominati da avversari sulla carta inferiori. I giocatori delle squadre avversarie del Cagliari corrono di pi¨, sembrano pi¨ coinvolti nella ricerca di un risultato positivo, sbagliano molto meno, sanno realizzare i gol che servono per vincere. E salvarsi. L'arrivo di Semplici, in sostanza, non ha cambiato le cose: piccola illusione iniziale, poi standard basso, molto basso e difficoltÓ estrema a trovare vittorie e punti. Una stagione pressochÚ fallimentare. E tuttavia, la speranza deve essere l'ultima a morire. Restano da giocare nove partite, quindi non tutto Ŕ davvero perduto. Si comincia domenica prossima ( ore 12,30) con Inter - Cagliari, quindi, il sabato successivo, i rossoblu torneranno alla Sardegna Arena ( ore 20,45 ) per affrontare il Parma. Ai giocatori del Cagliari il dovere di continuare a crederci.





PARTITE DELLA 29░
GIORNATA

CLASSIFICA

CAGLIARI KO, ANCORA NOVE
PARTITE PER NON RETROCEDERE (0-2)

JURIC:"CHIUSO IL DISCORSO
SALVEZZA" E SORRIDE

UNA PARTITA SFORTUNATA,
SEMPLICI: TROPPI ERRORI

di Franco Vecchiarecchi
(3-4-2021) Un'altra sconfitta per il Cagliari ( 0-2: 54' Barak, 99' Lasagna), questa volta ad opera del Verona alla Sardegna Arena, e un'altra occasione persa per la squadra di Semplici verso la difficilissima corsa per non retrocedere. La squadra locale ha ripreso le stesse tematiche dell'incontro perso contro lo Spezia e le cose, quindi, non potevano andare meglio, anzi alla fine non una ma due reti hanno messo ko la squadra rossobl¨ che ancora una volta non Ŕ riuscita a trarre forza e determinazione dalla zona nella quale si trova. Una zona terribilmente brutta, un passo nel fossato che porterebbe inesorabilmente alla retrocessione verso la quale il Cagliari si sta dirigendo pi¨ o meno speditamente. Mancano i risultati, i gol decisivi e alla fine manca il gioco che potrebbe essere la premessa giusta per arrivare alla vittoria. Se per Juric il discorso salvezza Ŕ chiuso con questa vittoria, la sfortuna invece sembra essere di casa per Semplici che, giustamente, guarda ai progressi dei suoi ragazzi ma i risultati di queste due partite, compresa quella con lo Spezia, non aiutano. Ci sono ancora tanti errori, poca convinzione e determinazione zero. Bisogna, dice, invertire la rotta nelle altre partite.Il Cagliari ancora una volta ha tardato a svegliarsi e a mettersi in gioco. Nel corso del primo tempo sono i ragazzi di Juric a darsi da fare, a costruire azioni mentre i rossobl¨ non hanno messo in campo le loro potenzialitÓ. Gli scaligeri si sono fatti vedere spesso nell'area piccola verso Cragno con Veloso ma anche con Lasagna. Anche se non ha continuitÓ, il Verona Ŕ padrona del campo e lascia al Cagliari sporadiche incursioni che non fanno paura al bravo Silvestri, sempre pronto a intervenire. Buone le azioni di Joao Pedro, al 38', ma anche di Nandez e Lykogiannis ma il risultato non cambia. Il secondo tempo Ŕ pi¨ vivo e il Verona va subito in vantaggio con Barak e a questo punto il Cagliari riprende fiato e si sveglia, ma non Ŕ convincente. Silvestri Ŕ impegnato dai tiri di Cerri ma anche di Simeone, che lo sostituisce, ed Ŕ proprio il Cholito che non ha la fortuna di segnare ma la palla colpisce il palo a conclusione di una bella azione di Duncan. Nei minuti di recupero altra rete degli scaligeri con Lasagna che non sbaglia al 9' di recupero. E domenica 11 il Cagliari Ŕ a Milano per l'incontro con l'Inter. Pronostici? Fate voi!



CAGLIARI - VERONA, NON E' ANCORA LA
PARTITA DEL "DENTRO O FUORI" (ORE 15,00)
GIALLOBLU PIU' TRANQUILLI, ROSSOBLU
ANCORA ALLA RICERCA DI IDENTITA'

SEMPLICI: CON LA CATTIVERIA GIUSTA
SI RAGGIUNGERA' L'OBIETTIVO

di Franco Vecchiarecchi
(2-4-2021) La A torna dopo la sosta e c'Ŕ subito Cagliari - Verona che anticipa la Pasqua per la 29esima giornata. SarÓ forse una delle poche partite da ultima spiaggia per i rossobl¨ e la terzultima posizione in classifica, ad un punto dal Torino che la precede, ma con una partita ancora da giocare, non ammette errori. Semplici lo sa benissimo e si gioca la ripresa della squadra dopo le due sconfitte consecutive e una posizione che il Cagliari non merita soprattutto per gli elementi che si ritrova. L'impresa per il Cagliari non sarÓ facile, ma gioca in casa anche se non avrÓ il pubblico che in passato, senza la pandemia, faceva la differenza. La pausa per le Nazionali ha fatto riflettere e ha condotto i rossobl¨ a un bivio: non c'Ŕ ancora certezza della sua condanna per la serie cadetta, ma c'Ŕ la forza e la determinazione di rimanere in serie A. L'impresa inizia contro la squadra gialloblu allenata da Juric che ha accumalato 38 punti e ultimamente ha nel suo ruolino 3 battute d'arresto di fila anche se non dovrebbe avere problemi per restare nella massima serie. Chi non Ŕ tranquillo Ŕ il Cagliari, che si ritrova drammaticamente in una posizione difficile. Se andiamo a guardare la statistica il Cagliari su 15 partite si Ŕ imposto 9 volte contro il Verona, 3 i successi dei gialloblu e 3 incontri in paritÓ. L'ultima sfida Ŕ di paritÓ, nel girone di andata, 1 a 1 con rete di Zaccagni al 21' e il pari dei rossobl¨ al 48' di Marin (
foto dal web/Social) il quale partirÓ dalla panchina dopo le 3 partite in otto giorno con la sua Romania. SarÓ in campo invece Cragno dopo la paura covid che ha colpito alcuni elementi della Nazionale. "Con la cattiveria giusta- ha detto il tecnico del Cagliari in conferenza stampa- si potrebbe raggiungere l'obiettivo". Semplici non sente ancora la partita da ultima spiaggia, quella dal risultato dentro o fuori, ma la partita Ŕ di importanza vitale per non retrocedere.


DOVE VUOLE ANDARE QUESTO CAGLIARI? MOLTI INTERROGATIVI, POCHE CERTEZZE
I ROSSOBLU' HANNO UN PIEDE IN SERIE B
E IL NUOVO TECNICO SEMPLICI FA FATICA A RILANCIARE LA SQUADRA


di Franco Vecchiarecchi
(28-3-2021) Guardiamo la classifica: il Cagliari ha un piede in serie B e non Ŕ certo un caso perchŔ fino a questo momento se lo merita visto il suo ruolino di marcia. Peggio dei rossobl¨ hanno fatto il Parma e il Crotone, ultima in classifica. In questa settimana un p˛ tutti hanno chiuso la porta all'eventualitÓ che il Cagliari possa andare in serie B. Impossibile, dicono, visto il parco giocatori. Eppure la realtÓ Ŕ sotto gli occhi di tutti. E stanno accelerando anche il Benevento e lo Spezia che hanno sette punti in pi¨ rispetto ai cagliaritani. La classifica alla 28esima giornata di campionato zona-retrocessione dice: Torino 23 (ma deve recuperare una partita), Cagliari 22, Parma 19 e Crotone 15. Mancano ancora 10 partite alla fine del campionato e in palio di sono 30 punti, in pratica il Cagliari per stare ancora in A dovrebbe fare almeno 20 punti, una enormitÓ visto come la squadra a reagito in questo ultimo periodo. E quando le cose stavano andando un p˛ meglio sotto la guida di Semplici (
foto dal web/Social) ecco due sberle che hanno infranto i sogni di tutti: la prima contro la Juventus, poi contro lo Spezia. A parte la sconfitta con la Juve, era invece assurdo perdere contro lo Spezia soprattutto perchŔ, guardando la classifica, ci siamo accorti del disastroso campionato dei rossobl¨ in terzultima posizione. Certo: il Cagliari pu˛ fare di pi¨ ma abbiamo visto che non ha la forza, il carattere e lo slancio per rimettersi in carreggiata. Dovrebbe, quindi, ripartire dalla serie B con un danno finanziario enorme. La B non Ŕ la A, i costi sono pi¨ contenuti. Il presidente Giulini sicuramente sarÓ costretto a cedere diversi gioielli come Cragno e Nandez e lo stesso Nainggolan farebbe fatica a rimanere col Cagliari. Il monte ingaggi, al momento, Ŕ sui 46 milioni, una cifra insostenibile per la serie cadetta dove tutto Ŕ ridimensionato. Questa Ŕ la fine del glorioso Cagliari, di quello, per intenderci, che doveva stare nelle prime 10 posizioni della serie A?


TIFOSI NELLO SCONFORTO:
CAGLIARI PROMETTE E ILLUDE

DOPO DUE CAPITOMBOLI LA
CLASSIFICA ADESSO E' SPAVENTOSA

TUTTO COME NEL PASSATO CON
MARAN, ZENGA E DI FRANCESCO

di Carmelo Alfonso
(21-3-2021) E' un Cagliari che proprio non vuole saperne di crescere. Promette e illude, ma dopo brevissimo tempo fa cadere i tifosi nello sconforto. Con Leonardo Semplici pareva avesse trovato la diritta via: subito due vittorie ( Crotone e Bologna), poi il pareggio esterno con la Sampdoria e un deciso passo in avanti verso posizioni in classifica incoraggianti. Poi la sconfitta interna ad opera della Juventus, quindi l'altra battuta d'arresto addirittura con lo Spezia . Due capitomboli e classifica nuovamente spaventosa, resa ancora pi¨ preoccupante dopo la clamorosa vittoria del Benevento sulla Juventus a Torino. Cos'Ŕ che non va nel Cagliari? Molti errori, sia in difesa che in attacco; un po'di sfortuna; bravura degli avversari; errori arbitrali. Atttenuanti valide per tutte le squadre.Per il Cagliari, per˛, Ŕ una costante che dura da troppo tempo, addirittura da qualche anno. Maran, Zenga, Di Francesco ed ora Semplici (
foto dal web/Social) non hanno trovato, nel campionato scorso e in quello che sta per concludersi, le giuste soluzioni nonostante i tanti acquisti. Ecco, gli acquisti. A Cagliari sono sempre arrivati i giocatori giusti ? Ai responsabili la risposta. Per adesso sappiamo che i buoni giocatori non mancano ma che troppi, all'atto pratico - ovvero nelle partite ufficiali - rendono molto meno rispetto alle loro potenzialitÓ. Con lo Spezia si poteva e doveva fare di pi¨. La bravura del portiere ligure ed il gol annullato a Joao Pedro a gara quasi terminata, hanno impedito di ottenere almeno il pareggio. Ma tanti gli errori di mira degli attaccanti. Insomma non Ŕ il Cagliari che tutti sognavano dopo il cambio di allenatore. La lotta, comunque, continua.Ora la pausa di campionato; poi, sabato 3 aprile, il Verona alla Sardegna Arena ( ore15 ). La speranza, naturalmente, Ŕ l'ultima a morire, ma potrebbe essere l'ultima occasione per credere ancora nella salvezza.

PARTITE DELLA 28░
GIORNATA

CLASSIFICA

SCONFITTI IN TRASFERTA, I ROSSOBLU' ORA RISCHIANO GROSSO (2-1)
LO SPEZIA VOLA MENTRE IL CAGLIARI SI PRENDE UNA PAUSA PERICOLOSA
ANNULLATO IL PARI DI JOAO PEDRO, SEMPLICI: TROPPI ERRORI

di Franco Vecchiarecchi
(20-3-2021) Adesso la classifica fa paura perchŔ la sconfitta al Picco contro lo Spezia (2-1:49' Piccoli, 80' Maggiore, 83' Pereiro) rappresenta un brutto momento della storia del Cagliari. Un'altra battuta d'arresto, questa volta inspiegabile, che porta, anzi arretra, i rossobl¨ sempre pi¨ in terzultima posizione. Mentre le altre squadre vanno avanti, hanno slanci di identitÓ, il Cagliari non compie progressi e non si appassiona al successo. A quasi una settimana dalla sberla in casa contro la Juventus, i rossobl¨ non hanno avuto tempo e voglia di studiare le mosse opportune per battere i liguri. Certo, Ŕ giusto anche parlare di giornata storta, poco fortunata ma sono componenti che esistono quando si gioca. Questa volta un pizzico di fortuna in pi¨ avrebbe potuto regalare la vittoria, poi c'Ŕ stato il gol annullato per fuorigioco di Joao Pedro e l'azione che ha fatto gridare alla rete compiuta da Nandez che all'ultimo secondo non si Ŕ concretizzato. Sfumato, quindi, il pareggio, il Cagliari vede sempre pi¨ la zona retrocessione. La partita ha avuto due volti: la prima parte di studio nella quale poco o niente ha fatto il Cagliari, anche se in avvio i ragazzi di Semplici (
foto dal web/Social) sono stati interpreti di alcuni spunti di merito con Joao Pedro sugli scudi che nel giro di 10 minuti ha avuto 3 occasioni d'oro. Poi pochi sussulti con i rossobl¨ che hanno faticato parecchio a portarsi in avanti agevolando i liguri a riorganizzarsi e a iniziare a imbastire azioni pericolose. Secondo tempo pi¨ incisivo e pi¨ concreto rispetto a uno scialbo primo tempo. Al 49' i padroni di casa segnano la prima rete con Piccoli che di testa fa secco Cragno. Il Cagliari cambia passo con gli ingressi di Simeone e Pereiro al posto rispettivamente di Pavoletti e Lykogiannis. Si muove qualcosa ma lo Spezia raddoppia con Maggiore all'80'. Si sveglia il Cagliari e finalmente fa qualcosa per migliorare la sua condizione di gioco e al 83' batte l'insuperabile Zoet. Poi alcune azioni che potevano portare al pareggio per i rossobl¨, come quella di Joao Pedro (rete annullata per fuorigioco) e di Nandez. Cagliari all'attacco e i liguri in difesa, ma non succede nulla. A festeggiare Ŕ solo lo Spezia e Italiano, il tecnico dello Spezia, ha un buon motivo di essere contento dopo aver totalizzato 2 punti in cinque gare. Per Semplici, che aveva fatto 7 punti negli ultimi 4 incontri, una pausa molto pericolosa.



SPEZIA - CAGLIARI, SECONDO ANTICIPO DEL SABATO IN TRASFERTA (ORE 18)
IL TECNICO DEI LIGURI: PRONTI
PER BATTERE I ROSSOBLU'

SEMPLICI: I RAGAZZI SONO CARICHI
PER UN RISULTATO POSITIVO


di Franco Vecchiarecchi
(19-3-2021) Vincenzo Italiano Ŕ convinto di vincere contro il Cagliari. E' uno scontro salvezza, quello tra lo Spezia e il Cagliari, per la ventottesima giornata di A, una sfida molto delicata tra due squadre che si trovano a pochi punti di distanza, i liguri a quota 26 e i sardi a 22 punti. Se i padroni di casa punteranno ai tre punti, i rossobl¨ di Semplici (
foto dal web/Social) non staranno a guardare e cercheranno di svegliarsi dalla botta di domenica scorsa contro la Juventus. Digerita la sconfitta e consumata la rabbia per la mancata espulsione di Ronaldo che avrebbe avuto un altro risultato sicuramente pi¨ favorevole al Cagliari, i rossobl¨ giocheranno con grinta e determinazione per portare a casa la vittoria. Del resto il Cagliari ha dimostrato di essere squadra coesa e capace di riprendersi il campionato soprattutto con l'arrivo del nuovo allenatore che Ŕ stato capace in pochissimo tempo di rimediare 2 vittorie e un pareggio e l'atteggiamento sarÓ quello giusto anche contro lo Spezia. Il cambio di guida tecnica al Cagliari si Ŕ fatto sentire e adesso la musica sta cambiando. Le parole del tecnico rossobl¨ hanno un significato importante: "I ragazzi sono carichi, pronti a fare una grande partita per cercare di portare via un risultato positivo. Per noi Ŕ un impegno cruciale" e, quindi, c'Ŕ da giurarci sarÓ costruito tutto quello che Ŕ possibile per portare a casa il risultato.


PRIMA SCONFITTA TARGATA SEMPLICI, DOLOROSA MA NON IMPREVEDIBILE
ALCUNI MOTIVI POSITIVI DEL CAGLIARI NEL CONFRONTO CON LA JUVENTUS
"IL RITORNO AL GOL DI SIMEONE, IL RECUPERO DI PAVOLETTI, IL BEL GIOCO"

di Carmelo Alfonso
(15-3-2021) Un risveglio improvviso dopo le tante critiche che gli sono piovute addosso nell'ultimo periodo ( ci riferiamo a Cristiano Ronaldo ); il cartellino rosso - dopo pochi minuti di gioco, sullo zero a zero - che nŔ l'arbitro ( Calvarese di Teramo ), nŔ il Var hanno ritenuto di mostrare allo stesso attaccante portoghese per una entrata pericolosa su Cragno; il forte desiderio dell'intera squadra guidata da Pirlo di continuare a lottare per un primato che secondo molti le sarebbe giÓ sfuggito, e, infine, l'indubbia superioritÓ tecnica dei bianconeri, non hanno consentito al Cagliari di cogliere il quarto risultato utile consecutivo. E' cosý arrivata la prima sconfitta targata Semplici. Dolorosa, certo, forse evitabile, ma non imprevedibile. Il ritorno di Ronaldo al gol ( addirittura tre in meno di trenta minuti ), ha subito messo cappa˛ i rossoblu, mai, in veritÓ, alla mercÚ dei campioni d'Italia; nel secondo tempo, anzi, sono stati proprio i rossoblu a comandare il gioco, a sfiorare altre reti dopo quella messa a segno da Simeone, a far tremare, in sostanza, Ronaldo e compagni. Cagliari poco fortunato ma vitalissimo e, in prospettiva, ancora in grado di migliorare. Il ritorno al gol di Simeone; la crescita di Duncan e Asamoah; il recupero di Pavoletti (
foto dal web/Social) e Lykogiannis, e, infine, la chiara migliore organizzazione del gioco, lasciano ben sperare per il futuro. Ma ora Ŕ necessario vincere: per tenere lontano Torino, Parma e Crotone; avvicinarsi allo Spezia ( prossimo avversario: sabato ore 18 ) e al Benevento, che, dopo la sconfitta in casa con la Fiorentina, affronta la Juventus a Torino. Per Joao Pedro e compagni Ŕ la prima delle tanti occasioni da non perdere.



PARTITE DELLA 27░
GIORNATA




3 GOL DI RONALDO IN MEZZ'ORA, IL CAGLIARI SI ARRENDE (1-3)
ERA EVIDENTE: "CR7 ANDAVA
ESPULSO", PIRLO PERO' LO DIFENDE
ROSSOBLU' RIPARTIRANNO SABATO
CONTRO LO SPEZIA IN TRASFERTA


di Franco Vecchiarecchi
(14-3-2021) Juventus vince (1-3: 10', 25', 32' Cristiano Ronaldo, 61' Simeone) alla Sardegna Arena con 3 reti di Ronaldo che ha superato se stesso perchŔ all'andata il fuoriclasse ne aveva segnati 2. E, come sempre succede, la vittoria dei campioni non Ŕ affatto limpida per la scorrettezza dello stesso goleador juventino che, subito dopo la prima rete, si Ŕ reso responsabile di un fatto increscioso che doveva essere sanzionato con l'espulsione( "Un normale fallo di gioco" dice Pirlo allenatore juventino): gamba tesa di CR7 sul portiere cagliaritano Cragno il quale rimedia una ferita evidente (
foto dal web/Social). L'arbitro decide di punire l'azione solo col giallo, ma il campione era da spedire negli spogliatoi. Purtroppo sono cose che succedono e vengono fuori solo contro gli squadroni, come la Juve. La squadra bianconera ha una immunitÓ in campo che fa spavento e spesso gli arbitri non vedono e quando le cose sono evidenti, come l'entrataccia di Ronaldo su Cragno, sono puniti col minimo sindacale senza espulsione. Questo fatto Ŕ grave e ha avuto una ripercussione sull'andamento finale della partita. Soprattutto perchŔ l'incontro, senza Ronaldo in campo, si poteva chiudere con un risultato diverso e la partita poteva aveva un'andamento differente. Purtroppo la decisione dell'arbitro che ha continuato a lasciare Ronaldo in campo ha prodotto una sconfitta pesante per un Cagliari che aveva iniziato un'altra avventura positivamente col cambio dell'allenatore. Dopo tre risultati positivi, infatti, i rossobl¨ di Semplici sono sconfitti da una squadra che ha riscattato l'eliminazione dalla Champions League e punta solo al campionato. La Juve non si scopre da oggi, Ŕ collettivo snello, compatto e produce molto gioco. Dopo la rete di Ronaldo in avvio, al 10', c'Ŕ il raddoppio del campione al 25' su rigore: azione di Morata che lancia in profonditÓ Ronaldo fermato in area fallosamente da Cragno. E' rigore e lo stesso campione firma la seconda rete. I rossoneri trovano la strada giusta e viaggiano a senso unico. Sette minuti dopo spunta nuovamente Ronaldo che al 32' segna la terza rete. Nella ripresa il Cagliari prova a portarsi in avanti e la sua vitalitÓ produce il gol di Simeone al 61'. Ma Ŕ sempre la Juventus a dettare gioco e condizioni. Finisce col 3 a 1 e il Cagliari chiude questo capitolo per affrontare l'altro impegno previsto per il 20 marzo in trasferta contro lo Spezia che in classifica ha 4 punti in pi¨ dei rossobl¨.


ARRIVA LA JUVENTUS SENZA BUFFON E DYBALA (SARDEGNA ARENA ORE 18)
IL CAGLIARI CI CREDE E HA
VOGLIA DI VINCERE LA PARTITA

SEMPLICI: SERVE GARA PERFETTA
PER BATTERE I BIANCONERI

di Franco Vecchiarecchi
(13-3-2021) Una vittoria c'Ŕ giÓ tra Cagliari-Juventus anche se nel campionato Primavera. Infatti i ragazzi di Alessandro Agostini hanno vinto ad Asseminello per 3 a 0 ed Ŕ stato un autentico show per i rossobl¨. Adesso per˛ la situazione cambia tra la Signora e la compagine di Semplici per la ventisettesima giornata di serie A e i motivi per una bella partita ci sono, una sfida che non ha nulla di scontato. La Juve cerca di riscattare la dolorosissima eliminazione dalla Champions League e si tuffa nuovamente sul campionato anche se non sarÓ facile scendere in campo al completo e con la formazione pi¨ forte perchŔ Pirlo dovrÓ rinunciare a diversi giocatori infortunati. Ad iniziare da Buffon (lombalgia), Ramsey (lesione alla coscia sinistra) ma anche Dybala, Bentancur e Demiral, una lista corposa che potrebbe falsare le aspettative bianconere. Il Cagliari Ŕ pronto a dar seguito alla striscia positiva con Semplici, un allenatore che dal suo arrivo ha messo a segno due vittorie (contro il Crotone e il Bologna) e un pareggio, quest'ultimo risultato conquistato una settimana fa all'ultimo secondo in trasferta contro la Sampdoria. Ci prova contro i ragazi di Pirlo e, per dirla tutta, pu˛ acquisire un buon risultato contro una formazione non al top. Tutto, insomma, pu˛ succedere soprattutto perchŔ i rossobl¨ hanno acquisito una mentalitÓ pi¨ incisiva e perchŔ Semplici (
foto dal web/Social), il nuovo arrivato in sostituzione di Di Francesco, ha compiuto un'autentica inversione di tendenza portando a casa 7 punti su 3 partite, una bella soddisfazione in termini di classifica ma anche di slancio agonistico e di nuova mentalitÓ. Il Cagliari Ŕ ancora in zona retrocessione nonostante il Torino faccia peggio dei cagliaritani, ma deve ancora recuperare due partite, mentre il Parma e il Crotone sono rispettivamente in penultima e ultima posizione in classifica. Se Ŕ vero che la Juve non pu˛ permettersi di compiere passi falsi se vuole competere con l'Inter, il Cagliari, dal canto suo, ha l'occasione d'oro per vincere un match e muovere positivamente la sua classifica.




PAREGGIO A GENOVA, LA SALVEZZA
PERO' E' TERRIBILMENTE DIFFICILE

ALTRO PASSO DEL CAGLIARI CON SEMPLICI, LA MUSICA STA
CAMBIANDO E SI PUO' GUARDARE
AL FUTURO CON OTTIMISMO


di Carmelo Alfonso
(8-3-2021) Il cammino verso la salvezza resta terribilmente difficile anche dopo il pareggio di Genova, ma si sapeva che la strada per la permanenza in serie A avrebbe richiesto sacrifici, pazienza e, in certi momenti, anche una buona dose di fortuna. E tanta, tanta bravura. Contro la Sampdoria pareva fatta; poi, in un batter d'occhio, i tre punti che parevano possibili per i rossoblu, sono svaniti quasi per incanto. Cosý come, quasi per magia, Ŕ arrivato il gol del meritatissimo pareggio di Nainggolan. Ecco, la pazienza. E...pazienza anche per Claudio Ranieri che giÓ assaporava la vittoria della sua squadra. Il Cagliari, con Semplici in panchina, ha sicuramente trovato un altro passo, altro entusiasmo. In altri tempi non ce l'avrebbe fatta a rimontare lo svantaggio dopo avere comandato per tanti minuti. Alla base di tutto una maggiore fiducia nei propri mezzi; una migliore organizzazione complessiva ; compiti ben definiti. Una crescita generale che consente di guardare il futuro con ottimismo. Di negativo restano i cartellini gialli mostrati a Lykogiannis e Pavoletti che priveranno la squadra di due elementi importanti per la sfida con la Juventus di domenica (Sardegna Arena, ore 18 ). Nonostante le assenze, tuttavia, non sarÓ pi¨ il Cagliari che ha spesso ceduto i tre punti agli avversari di turno. Simeone, in attacco, potrebbe ritrovare come d'incanto le sue qualitÓ di goleador smarrite nell'ultimo periodo, cosý come la riorganizzazione dei reparto arretrato e un migliore utilizzo degli uomini a centrocampo garantiscono soliditÓ davanti a Cragno.(
foto dal web/Social Nainggolan)





PARTITE DELLA
26░ GIORNATA

CLASSIFICA

E' SUCCESSO DI TUTTO TRA
SAMPDORIA E CAGLIARI (2-2)

ARREMBAGGIO FINALE DEI
ROSSOBLU' CON GOL DI RADJA

RANIERI E SEMPLICI PORTANO
A CASA UN PUNTO A TESTA

di Franco Vecchiarecchi
(7-3-2021) Poteva soccombere, ma alla fine Ŕ riuscito a proseguire la striscia positiva. Cagliari esce dal Ferraris a testa alta ( 2-2: 11' Joao Pedro, 78' Bereszynski, 80' Gabbiadini, 96' Nainggolan) e va avanti. La frase di Diego Godin su twitter (
foto dal web/Social) Ŕ precisa ed efficace: "Abbiamo inseguito la vittoria ma non ci siamo riusciti. Ma andiamo avanti a sommare, partita dopo partita". Questa volta a gridare alla "beffa" Ŕ la Sampdoria che si Ŕ vista raggiungere all'ultimo secondo, di un recupero infinito, da un gol di Nainggolan, con la complicitÓ di Yoshida che inganna Audero, che mette la parola fine a una battaglia intensa, densa di significato non ultimo lo scontro-salvezza per rimanere in A. L'incontro era molto sentito e la tensione era evidente gestito da un Cagliari che non aveva affatto voglia e tempo di andarsene sconfitto. Il gol di Joao Pedro all'11' raccoglie l'impegno dei rossobl¨ che hanno mostrato di vincere la partita perchŔ pi¨ incisivi durante la prima frazione e per buona parte della ripresa. Partita avvincente, bella per intensitÓ, ha messo in evidenza il nuovo corso impresso dall'allenatore Semplici che ha giÓ ottenuto due vittorie e andava al Ferraris con la pretesa di fare il tris. Poteva farcela per˛ all'improvviso la Samp ha trovato il modo giusto per ribaltare il match in 3 minuti grazie a Bereszynski e Gabbiadini. Poi, per˛, Ŕ successo il finimondo con la rete di Nainggolan a tempo praticamente scaduto. Un Cagliari insolitamente deciso e coraggioso porta a casa un punto, che Ŕ cosa buona, per˛ lascia sul campo altri 2 punti. Per arrivare al pareggio c'Ŕ voluta la magia di Semplici che non si Ŕ arreso al 2 a 1 in favore dei padroni di casa ma ha inserito tutti i suoi uomini offensivi all'arrembaggio finale e alla fine ecco la zampata di Nainggolan del 2 a 2 che muove la classifica e porta il Cagliari a 22 punti. E' il terzo risultato utile consecutivo del nuovo allenatore rossobl¨. Adesso il Cagliari si trova a +2 dalla zona rossa.



SAMPDORIA-CAGLIARI, SCONTRO
DIRETTO PER LA SALVEZZA (MARASSI ORE 18)
IN CAMPO RUGANI, SEMPLICI:
"ORA VIENE IL DIFFICILE"

I ROSSOBLU' CERCANO IL
TRIS, IN ATTACCO PAVOLETTI

di Franco Vecchiarecchi
(6-3-2021) Nel Cagliari si sono ripresi Rugani e Simeone e saranno in campo in vista dell'incontro in trasferta contro la Sampdoria. Una buona notizia per Semplici (
foto dal web/Social) che ha giÓ incassato due vittorie e punta alla terza contro i ragazzi di Claudio Ranieri in difficoltÓ soprattutto in attacco. A Marassi , in un match valido per la ventiseiesima giornata di serie A, sesta del girone di ritorno, si celebra lo scontro diretto per la salvezza, perchŔ entrambe le squadre puntano a restare nella massima serie. La Sampdoria si trova a 31 punti e sotto di dieci punti Ŕ il Cagliari che ha avuto momenti difficili, fino alla zona retrocessione, durante la guida Di Francesco. Con Semplici le cose stanno cambiando, Ŕ un momento magico che potrebbe continuare grazie anche all'impegno e alla compatezza della squadra che ha capito che Ŕ necessario cambiare rotta se si vuole stare ancora in A. Il tecnico rossobl¨ invita alla cautela, dice che ogni partita Ŕ una finale e sta molto con i piedi per terra. Per˛ c'Ŕ stata la sua "mano": la compagine risponde bene, Ŕ pronta alle sfide e, quello che pi¨ conta, segna e vince. All'andata, alla Sardegna Arena, il Cagliari vinse contro la Samp per 2 a 0 (reti di Joao Pedro e Nandez) e vorrebbe ripetere la vittoria anche questa volta a Marassi. I rendimenti delle due squadre sono positivi e sia i blucerchiati che i rossobl¨ hanno come obiettivo una salvezza tranquilla. Confermaa la coppia d'attacco Joao Pedro- Pavoletti mentre in mezzo al campo Marin, Nandez e Nainggolan.



IL CAGLIARI HA RIPRESO A RESPIRARE, DOMENICA IN TRASFERTA A GENOVA
SEI PUNTI IN DUE GARE
PER RIVEDERE LA LUCE

IL CAMMINO NON SARA' FACILE,
MA SEMPLICI DA FIDUCIA


di Carmelo Alfonso
(4-3-2021) Sei punti in due gare per rivedere la luce. Il Cagliari ha ripreso a respirare e, soprattutto, a credere nella salvezza. Certo, ben sette partite delle tredici che restano da giocare dovrÓ disputarle fuori casa ( domenica a Genova contro la Sampdoria, poi Spezia, Inter, Udinese, Napoli, Benevento e Milan ), mentre alla Sardegna Arena dovrÓ vedersela contro Juventus, Verona, Parma, Roma, Fiorentina e Genoa; il cammino, per˛, non sarÓ facile neppure per Genoa, Fiorentina, Spezia, Benevento, Torino e Parma, e forse neppure per Bologna e Udinese ( soltanto un miracolo potrÓ salvare il Crotone affidato a Cosmi ). Insomma, la lotta sarÓ dura per molte squadre: il risveglio del Cagliari di Semplici (
foto dal web/Social) ha quasi d'incanto creato il panico tra chi riteneva la lotta per non finire in B un affare di pochissimi. Contro il Bologna si Ŕ visto, invece, un buon Cagliari, sicuramente rigenerato dai recuperi di Ceppitelli, Klavan e Nandez, e rilanciato anche dalle convincenti prestazioni di tutti i giocatori mandati in campo da Semplici. Un nuovo Cagliari, in sostanza; quel Cagliari inutilmente atteso per lungo tempo e finito, invece, nella zona pi¨ bassa della classifica. SarÓ vera gloria ? Dopo quanto si Ŕ visto contro il Crotone in trasferta e il Bologna alla Sardegna Arena, Ŕ legittimo essere ottimisti. Migliorati sia il centrocampo che la difesa, Ŕ subito diminuito il lavoro per Cragno, finalmente imbattuto da centonovanta minuti, ed anche per gli attaccanti sono cresciute le opportunitÓ per fare gol. Un Cagliari diverso, per concludere, capace di esprimere tutte le sue potenzialitÓ. Ora la Sampdoria di Claudio Ranieri, giÓ battuto all'andata . Era il 7 novembre del 2020 : per il Cagliari fu l'ultima vittoria con Di Francesco in panchina.



PARTITE DELLA
25░ GIORNATA

CLASSIFICA

ALTRA VITTORIA, E' IL SECONDO SUCCESSO
CONSECUTIVO PER IL CAGLIARI (1-0)

SCONFITTO ANCHE IL BOLOGNA
COL GOL DI PREPOTENZA DI RUGANI
AMAREGGIATO, COME SI PRESENTERA'
MIHAJLOVIC A SANREMO?

di Franco Vecchiarecchi
(3-3-2021) Altro successo, altra vittoria e sono 2 partite consecutive vinte per mister Semplici. Contro il Bologna, avversario di tutto rispetto, i rossobl¨ hanno mostrato di essere capaci di giocare bene e di vincere l'incontro, cosa che non succedeva da parecchio tempo. La cosa pi¨ straordinaria Ŕ che il vantaggio Ŕ stato custodito fino alla fine facendo balzare i cagliaritani a 21 punti, un successo che li fa uscire momentaneamente dalla zona retrocessione. I felsinei di Mihajlovic, invece, rimangono bloccati al dodicesimo posto a 28 punti. E adesso? L'interrogativo Ŕ tutto per il tecnico del Bologna che giovedi 4 marzo parteciperÓ a Sanremo e non sarÓ facile per lui ingoiare la sconfitta del giorno precedente. Con quale spirito si presenterÓ alla corte di Amadeus dopo il ko?, lui che era convinto di prendersi i 3 punti e di volare a Sanremo gonfiandosi di gioia. Invece andrÓ a Sanremo deluso per la sconfitta. Se lui Ŕ amareggiato, il Cagliari e Semplici sono in paradiso. Hanno vinto, hanno battuto il Bologna e possono, finalmente, respirare anche se la rincorsa per la salvezza sarÓ lunga. Intanto incameriamo i 3 punti preziosissimi. Il gol del Cagliari Ŕ stato segnato grazie a un bel colpo di testa di Rugani (
foto dal web/Social) nel primo tempo e nella ripresa i rossobl¨ non hanno mollato portando il risultato fino alla fine.



ARRIVA IL BOLOGNA E SEMPLICI CHIEDE
AI SUOI RAGAZZI CONTINUITA' (0RE 20,45)

OBIETTIVO: GUASTARE LA FESTA A MIHAJLOVIC
(OSPITE DI SANREMO IL GIORNO DOPO)

SARDEGNA ARENA ANCORA SENZA TIFOSI,
FORSE UNA SOLUZIONE CONTRO LA JUVENTUS

di Franco Vecchiarecchi
(2-3-2021) C'Ŕ il Bologna alla Sardegna Arena e Sinisa Mihajlovic cerca continuitÓ, dopo la vittoria sulla Lazio, a Cagliari. Ma non troverÓ consenziente la squadra di Semplici(
foto dal web/Social) che chiede ai suoi un'altra prova di carattere, e di cuore, per risalire la china. L'incontro Ŕ importante per i cagliaritani che vogliono lasciarsi alle spalle la negativitÓ dei risultati della gestione Di Francesco, e puntano a migliorare la posizione in classifica dopo la bella vittoria contro il Crotone in trasferta proprio tre giorni fa. Per Mihajlovic una vittoria significherebbe la permanenza in serie A anche per il prossimo campionato, per Semplici, invece, una vittoria significa proseguire sulla strada, ancora complicata, verso una zona pi¨ tranquilla dalla retrocessione. Non sarÓ un incontro facile anche se il Cagliari punta decisamente a replicare il risultato di Crotone. Il tecnico bolognese Ŕ sicuro dell'impresa e intende andare a Sanremo giovedi felice dopo l'incontro col Cagliari del giorno prima. Al festival della canzone dovrebbe cantare "Io vagabondo" dei Nomadi e pensa che tutto fili per il meglio, magari con i tre punti in tasca dalla Sardegna Arena. Ma non sarÓ facile battere il Cagliari e sicuramente avrÓ qualche esitazione dopo il risultato contro i rossobl¨. Meriterebbe una punizione, in maniera calcistica, e Semplici gli sta preparando una trappola per continuare a dare ossigeno ai suoi ragazzi. La formazione rossobl¨ Ŕ pronta, unico dubbio Ŕ la titolaritÓ sulla corsia di sinistra dopo la squalifica di Lykogiannis: Asamoah o Tripaldelli anche se favorito dovrebbe essere il ghanese ex Juventus. Intanto la zona bianca ha creato entusiasmi per i tifosi cagliaritani pronti a ritornare allo stadio. Secondo notizie governative i tempi non sono maturi anche se presto si dovrÓ trovare una soluzione se la Sardegna dovesse continuare ad essere appunto in zona bianca. Niente di strano, comunque, che lo stadio potrÓ accogliere un numero limitato di tifosi, ma molto rappresentativo, giÓ dal prossimo impegno casalingo dei rossobl¨ contro la Juventus domenica 14 marzo (ore 18,00).



FINALMENTE IL CAGLIARI
HA RIPRESO A VINCERE

IL RITORNO DI PAVOLETTI SI
E' DIMOSTRATO VINCENTE

MERCOLEDI ALLA SARDEGNA
ARENA ARRIVA IL BOLOGNA


di Carmelo Alfonso
(1-3-2021) Dopo centoquattordici giorni il Cagliari ha ripreso a vincere. L'ultimo successo risaliva al 7 novembre dello scorso anno quando alla Sardegna Arena fu sconfitta la Sampdoria di Claudio Ranieri con le reti di Joao Pedro e Nandez. Per Leonardo Semplici, nella panchina del Cagliari, non Ŕ stato un esordio facile: contro il Crotone la sua nuova squadra non poteva perdere. Servivano i tre punti ( e tanti altri ne serviranno ) per sperare nella salvezza. Pi¨ che il bel gioco Ŕ prevalsa la voglia di riprendere il cammino verso posizioni in classifica meno critiche. Il ritorno di Pavoletti (
foto dal web/Social)si Ŕ dimostrato vincente (gol e fallo da rigore subito ); qualche aggiustamento in difesa ed a centrocampo ha fatto il resto. Per ammissione dello stesso nuovo tecnico, resta, comunque, molto da fare; specie la condizione atletica non Ŕ apparsa ottimale. Il calendario, purtroppo, non aiuta Semplici. GiÓ domani, infatti, si torna in campo alla Sardegna Arena ( ore 20,45 ) per affrontare il Bologna. MancherÓ Lykogiannis (squalificato), ma il morale in chi andrÓ in campo non sarÓ pi¨ sotto zero. Occorreranno lo stesso entusiasmo e la stessa determinazione che hanno consentito di battere il Crotone. Ma forse il primo, importante passo Ŕ stato fatto. Il pubblico, se sarÓ ammesso, potrebbe fare il resto.




DALLA CARTA STAMPATA AL WEB - TERZA PAGINA Ŕ ONLINE - LA PUBBLICITA' INSERITA E' PUBBLICATA GRATUITAMENTE | terzapagina_2006@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu